I 40 anni di Jonny Wilkinson

Uno dei giocatori più forti, amati e indimenticabili nella storia del rugby, per tanti motivi

ph. Paul Harding/Action Images

Jonny Wilkinson è stato uno dei giocatori più amati e apprezzati nel mondo del rugby. A 40 anni, il suo nome unisce ancora come pochi altri. Ovunque sia andato e qualsiasi maglia abbia indossato, il suo ricordo non può che essere positivo. Un esempio su tutti: al termine della sua ultima partita in carriera i tifosi del Tolone intonarono ‘God Save The Queen’ a Parigi, dopo che l’apertura inglese aveva segnato quindici punti decisivi nella finale del Top 14.

L’iconicità di Jonny Wilkinson è andata anche oltre le rivalità, sebbene il numero 10 abbia creato non pochi dispiaceri a tante squadre e nazionali in tutto il mondo nel corso degli anni. Ha vinto una Rugby World Cup, quattro Sei Nazioni, una Premiership, due Heineken Cup e un Top 14; è uno dei tre giocatori al mondo ad aver segnato più di 1000 punti a livello internazionale, ha segnato più punti di tutti ai Mondiali (277) e ha segnato 36 drop in 97 cap, più di tutti naturalmente.

Wilkinson ha tagliato una quantità tale di traguardi irripetibili per un singolo giocatore da non dover rimpiangere nemmeno i tanti infortuni della carriera, soprattutto tra la fine del 2003 e l’inizio del 2007, per una lista davvero corposa di problemi fisici. In molti dubitavano sulla longevità della sua carriera nel momento di massima preoccupazione, ma il simbolo della vittoria iridata inglese avrebbe smentito tutti nel corso degli anni, appendendo gli scarpini solo a 35 anni e dopo aver giocato 141 partite in 5 anni. Come se gli infortuni lo avessero fortificato, invece di inchiodarlo a un’amara realtà.


Wilkinson è universalmente riconosciuto come uno dei migliori giocatori di sempre,
ma i più attenti avranno notato che non è solo per i suoi piedi d’oro. Era un giocatore duro, un difensore eccezionale e un placcatore temibile, nonostante gli 89kg distribuiti su 179cm. Un fisico modesto, ma solo nei numeri.

Nonostante abbia saltato tante partite proprio nel momento in cui era entrato nella storia del gioco, per Wilkinson non esistono i ‘what if’. È riuscito ugualmente a non avere alcun rimpianto e a diventare un modello da seguire per le generazioni future, per la dedizione negli allenamenti e l’approccio psicologico allo sport. Era ossessionato dalla perfezione: come ha raccontato Paul Eddison in un tributo per i suoi 40 anni, alla fine di ogni sessione di allenamento Wilko doveva centrare i pali con sei piazzati consecutivi, e a ogni errore avrebbe dovuto iniziare da capo.

Il connubio tra un raro talento naturale, la maniacalità nel lavoro su se stessi e un atteggiamento sempre positivo (a prescindere dagli infortuni) ha creato Jonny Wilkinson. La sua legacy è enorme, in campo e fuori: raccoglierla è fuori dalla portata di chiunque, ma nel frattempo ha forgiato e forgerà ancora tanti giocatori. Da quest’altra parte, invece, possiamo solo ringraziare di aver vissuto nella sua stessa epoca. Buon compleanno, Jonny.

Daniele Pansardi

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

5 talenti che avremmo potuto vedere al mondiale Under 20

Scelti fra coloro che non abbiamo già visto nello stralcio di Sei Nazioni under 20 contro gli azzurrini

29 Giugno 2020 Rugby Mondiale / JR Rugby World Cup
item-thumbnail

Matt Giteau a Los Angeles?

Per i media australiani è fatta: un anno in più per il centurione australiano che aveva annunciato il ritiro a fine stagione

28 Giugno 2020 Rugby Mondiale
item-thumbnail

Rugby World Cup 2019: tutte le cifre del più grande evento sportivo dell’anno scorso

Una Coppa del Mondo vinta soprattutto fuori dal campo. Impatto eccezionale del turismo

24 Giugno 2020 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Test match: Giappone, Fiji e Sei Nazioni, come potrebbe essere il prossimo novembre

E come invece dovrebbe funzionare il calendario internazionale da approvare entro agosto

24 Giugno 2020 Rugby Mondiale
item-thumbnail

Rassie Erasmus ha lottato silenziosamente per la propria salute durante la Rugby World Cup

L'ex Munster non ha voluto che i media distogliessero l'attenzione dalla squadra, mantenendo privata la faccenda

21 Giugno 2020 Rugby Mondiale / Rugby World Cup
item-thumbnail

Non ci sarà un’ultima partita per Francois Louw

Si chiude oggi la straordinaria carriera del flanker sudafricano

20 Giugno 2020 Rugby Mondiale