Sei Nazioni 2019: il dopo Italia-Francia con O’Shea e Parisse

L’allenatore e il capitano (a un certo punto visibilmente commosso) hanno parlato davanti ai giornalisti della sala stampa dell’Olimpico

italia francia sei nazioni 2019

ph. Sebastiano Pessina

ROMA – Conor O’Shea e Sergio Parisse hanno parlato in conferenza stampa dopo la sconfitta dell’Italia contro la Francia nell’ultima giornata del Sei Nazioni 2019, in una partita largamente dominata dagli azzurri per possesso e territorio ma in cui troppe occasioni sono state sprecate dai padroni di casa.

Conor O’Shea: “Nella mia testa è facile ripensare a 2-3 momenti fondamentali. Abbiamo avuto dieci o undici opportunità. E’ molto, molto duro. Crediamo che questo gruppo abbia una mentalità diversa e che abbia dimostrato di essere più vicini al livello delle altre. Rivedendo la partita, è semplicemente incredibile che abbiamo perso. Sono molto deluso, ma per me è necessario guardare in avanti”.

“Prima del Sei Nazioni avevamo detto che era sicuramente il Sei Nazioni più difficile. Lo staff ha fatto la scommessa di allenarci ad altissima intensità in queste settimane. Abbiamo fatto un lavoro molto duro, il più duro che abbia mai fatto. La partita di oggi è incredibile. Siamo stati anche sfortunati, per il calcetto sul palo o per l’in avanti di Marco (Zanon). Ci sono stati momenti in cui l’esecuzione ha fatto la differenza. Abbiamo dimostrato di essere superiori per intensità e velocità, ma non c’è un’altra strada da seguire. Oggi la Francia non era più forte di noi in campo, ma bisogna dire anche ‘bravi’ anche agli altri”

Sulla decisione di andare sempre in touche nel primo tempo: “Sentivo che eravamo dominanti, sentivo che eravamo più forti di noi. Mi prendo le responsabilità delle mie decisioni ovviamente”. Segue O’Shea: “Sono d’accordo al cento per cento. Li abbiamo messi sotto grande pressione nei loro 22”.

“Se noi facciamo le cose giuste durante l’estate, saremo ancora più competitivi durante il Mondiale – ha continuato O’Shea – Al momento siamo distrutto, ovviamente. Ci sono tante persone fuori in questo gruppo, se pensi a Minozzi, Campagnaro, Castello, Sarto o Bellini… Abbiamo circa 50 nomi nella nostra testa per la preparazione. Speriamo che l’infortunio di Leo (Ghiraldini) non sia stato troppo grave.

“Non potete immaginare quanto mi rode – ha detto Parisse – Abbiamo giocato in alcune situazioni in maniera poco lucida. Poteva essere una bellissima giornata e una grande vittoria [Parisse si ferma per qualche secondo, visibilmente commosso, ndr] Vedere Ghiraldini a fine partita con le stampelle è stato veramente duro, perché è uno dei ragazzi con cui ho vissuto tanti anni insieme. Non so quale sarà il suo infortunio, se non sarà troppo grave sono sicuro che farà di tutto per essere in Giappone. Non mi importa se nessuno crederà in noi, faremo di tutto per coltivare il nostro sogno per il Mondiale. Sono momenti duri quando un amico si fa male così, soprattutto in una partita del genere”.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Italia, Conor O’Shea: “L’obiettivo è arrivare in forma al Mondiale”

L'head Coach irlandese ha parlato dal ritiro degli azzurri

4 giugno 2019 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Rugby World Cup 2019: al via il cammino dell’Italia verso il Mondiale

Parte oggi il percorso azzurro con vista Giappone

2 giugno 2019 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Benetton Rugby e Italia: Marco Fuser è stato operato a causa di un’ernia

L'intervento a cui si è sottoposto il seconda linea è perfettamente riuscito

31 maggio 2019 Pro 14 / Benetton Rugby
item-thumbnail

L’Italia verso il mondiale: via alla prevendita per l’unico test casalingo

Ufficializzato anche l'orario del test match di agosto contro la Russia

29 maggio 2019 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

I Cheetahs hanno annunciato l’ingresso di Franco Smith nello staff tecnico dell’Italia

Il ritorno del coach sudafricano è praticamente certo: sarà uno dei tecnici che lavorerà con Conor O'Shea dall'1 gennaio 2020

14 maggio 2019 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia, verso la Rugby World Cup 2019: i 39 convocati per il primo raduno a Pergine Valsugana

Conor O'Shea conferma la prima lista di giocatori scelti. Al momento però dovrà fare a meno dei giocatori che militano all'estero

14 maggio 2019 Rugby Azzurro / La Nazionale