Le modifiche proposte da World Rugby al nuovo torneo mondiale

Il governo mondiale ha rinunciato alle semifinali, togliendo un turno di playoff, e ha annunciato un’importante partnership con Infront

irlanda argentina test match

(Un’azione di gioco da Irlanda-Argentina del 2017) ph. Reuters

A seguito del meeting tenuto con le principali Federazioni a Dublino, World Rugby ha annunciato alcuni chiarimenti e modifiche alla sua proposta della Nations Championship, il nuovo torneo mondiale svelato per la prima volta dal governo ovale lo scorso 6 marzo e presentato già a settembre.

La struttura della competizione è rimasta quasi del tutto invariata: nella Division 1 composta da dodici squadre ci saranno due Conference, una europea e una con le squadre del Rugby Championship più le migliori decise dal ranking. Nel corso della “regular season” tutte le squadre giocheranno undici partite: per la classifica dell’Italia, ad esempio, verranno presi in considerazione i risultati conseguiti durante il Sei Nazioni tra febbraio e marzo; gli azzurri poi affronteranno le altre sei squadre tra luglio e novembre, come spiegato dal video pubblicato da World Rugby.

A differenza di quanto annunciato una settimana fa, non ci saranno gare di semifinali tra le prime due di ciascuna Conference nella Division 1; le squadre vincitrici delle Conference si affronteranno direttamente nella finale che decreterà la vincitrice della Nations Championship. Invariato anche il meccanismo di promozione/retrocessione tra una Division e l’altra.

Nel nuovo comunicato, inoltre, World Rugby ha annunciato che il format proposto sarebbe supportato da una partnership commerciale con Infront, uno dei principali gruppi di marketing sportivo, che garantirà quasi 5 miliardi di sterline di investimenti per un periodo iniziale di 12 anni (di cui oltre 1,5 miliardi di sterline incrementeranno i ricavi per il gioco). L’accordo con Infront riguarda sia i diritti televisivi sia i diritti di marketing, ma non include alcuna vendita di “quote” nella competizione; le entrate sarebbero comunque redistribuite alle Federazioni e a World Rugby.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Un ex nazionale gallese nella Major League Rugby

Si tratta di Dominic Day, che dopo due anni ai Saracens si trasferirà in California

18 luglio 2019 Rugby Mondiale
item-thumbnail

Speciale Rugby World Cup 2019: città e stadi – Toyota e Osaka

Quarta puntata del nostro viaggio nelle strutture e nelle località che ospiteranno la RWC 2019

18 luglio 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

L’Inghilterra a Treviso: tutte le informazioni per seguire la nazionale di Eddie Jones

Allenamenti a porte aperte con ingresso libero e gratuito e un grande Terzo Tempo in città

16 luglio 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Australia: James O’Connor è un giocatore dei Reds. Potrà giocare con la maglia della nazionale

L'ufficialità del contratto consentirà al giocatore di essere a disposizione di Michael Cheika per la Rugby World Cup

16 luglio 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup
item-thumbnail

Rugby World Cup 2019: vedremo le migliori Fiji di sempre?

John McKee è alla guida di un gruppo che oltre al talento puro sta anche affrontando una delle preparazioni migliori della sua storia

15 luglio 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Inghilterra: dentro 5 volti nuovi, mentre Cipriani lavorerà in separata sede

Torna Mike Brown, mentre il numero 10 di Gloucester e due illustri colleghi dovranno affrontare una preparazione fisica mirata a parte

15 luglio 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019