Italia: Callum Braley vuole cogliere l’opportunità di giocare in azzurro

Il numero 9 di Gloucester si è detto entusiasta di far parte del gruppo di Conor O’Shea

Callum Braley – ph. Action Images, Ian Smith

Da Gloucester come Jake Polledri, anche se lui ricopre il ruolo di mediano di mischia: Callum Braley e l’azzurro, un rapporto speciale che può sbocciare e manifestarsi, magari, durante la prossima Coppa del Mondo. Intervistato dal sito ufficiale del club inglese, il trequarti ha spiegato la sua situazione e la voglia di essere protagonista nel rugby internazionale.

Le origini italiane
Pur essendo stato il capitano della nazionale U20 inglese, Braley ha possibilità di vestire l’azzurro tramite il legame di parente con il nonno materno, che è italiano: “Da bambino ho sempre sognato di giocare a rugby a livello internazionale e ho sempre saputo che potevano esserci due strade per arrivarci. Chi avrebbe creduto per prima in me, dandomi questa opportunità, avrebbe avuto ovviamente “la precedenza”.

Il primo contatto con la nazionale italiana
“Lo staff tecnico italiano mi ha tenuto d’occhio negli ultimi diciotto mesi, sapendo di questa opportunità di eleggibilità. Io, personalmente, non ho parlato con Conor O’Shea prima dell’arrivo a Roma per i raduni, ma so che il mio agente è stato in contatto con lui e i suoi assistenti.
Dopo la partita con la Scozia (la prima nel torneo per l’Italia, ndr), ho ricevuto la chiamata per far parte del gruppo: ero ovviamente entusiasta e di poter andare a Roma”.

Sul campo
“Allenarsi con gli azzurri è stata una grande opportunità di apprendimento – commenta il numero 9 – anche perchè sono uscito dalla mia comfort zone dovendomi confrontare spesso con una lingua diversa, ma che voglio imparare a parlare. Mi sono sentito coinvolto e ho capito quale via l’Italia stia percorrendo per arrivare a ottenere dei risultati in futuro. Conor ha fatto un ottimo lavoro con i giovani: ci sono entusiasmo e sviluppo. Ad eccezione dei leader veterani (Parisse, Ghiraldini e Zanni, ndr), gli altri son tutti giocatori che potranno avere una prospettiva internazionale più lunga

A quando il debutto?
“Mi piacerebbe avere un’opportunità in futuro, intanto però posso dire di aver imparato tanto e se arriverà una chance proverò a coglierla. Siamo nell’anno della Coppa del Mondo, ma non posso dire ancora di essere parte di quel progetto; anche perchè i numeri nove dell’Italia stanno dimostrano valore”

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

I Cheetahs hanno annunciato l’ingresso di Franco Smith nello staff tecnico dell’Italia

Il ritorno del coach sudafricano è praticamente certo: sarà uno dei tecnici che lavorerà con Conor O'Shea dall'1 gennaio 2020

14 maggio 2019 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia, verso la Rugby World Cup 2019: i 39 convocati per il primo raduno a Pergine Valsugana

Conor O'Shea conferma la prima lista di giocatori scelti. Al momento però dovrà fare a meno dei giocatori che militano all'estero

14 maggio 2019 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Luke McLean si è ritirato dal rugby

L'italo-australiano ha giocato 89 partite con la maglia della nazionale italiana tra il 2008 e il 2017

10 maggio 2019 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia: il Test Match agostano contro la Russia si disputerà a San Benedetto del Tronto

La seconda sfida di preparazione al mondiale nipponico andrà in scena nelle Marche, il 17 agosto

8 maggio 2019 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Rugby World Cup 2019, Italia: i convocati per il primo raduno premondiale

Conor O'Shea ha scelto un gruppo che sarà formato da 44 giocatori, tra cui figura anche Leonardo Ghiraldini

2 maggio 2019 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italrugby, le convocazioni premondiali: una analisi

Uno sguardo alle scelte fatte da Conor O'Shea e qualche considerazione su quelle che dovrà compiere

2 maggio 2019 Rugby Azzurro / La Nazionale