Sei Nazioni 2019, Francia: Brunel è già nella bufera

Sul selezionatore della nazionale transalpina arrivano critiche dall’interno e dall’esterno

ph. Reuters

Il Sei Nazioni è appena iniziato, ma in Francia la situazione si fa già bollente. Se non bastasse lo psicodramma da rimonta subito dalla nazionale, avanti 16 a 0 all’intervallo e poi sconfitta sotto gli occhi del proprio pubblico a Parigi, sullo staff tecnico sono piovute critiche da tutte le direzioni.

La prima è stata ad opera di Sebastién Vahaamahina, che ha reso pubblica la mancanza di comunicazione fra staff e giocatori, dichiarando di non essere stato avvertito del fatto che, uscito Guirado, sarebbe diventato il capitano dei Bleus. Vahaamahina lo avrebbe appreso soltanto dall’arbitro, una volta in campo. Bizzarro che a rendere pubblico il guaio sia proprio il protagonista del clamoroso errore decisivo che ha regalato North il pallone della vittoria sabato scorso.

Non c’è stato tempo però nemmeno per commentarlo, visto che a stretto giro di posta sono piovute le critiche di un grandissimo del passato: Olivier Magne. L’ex terza linea è stato categorico in un’intervista rilasciata a Midi Olympique: “Non vinceremo niente con questa generazione di giocatori.”

“Se fossi Jacques Brunel prenderei tutti i giovani e mi imbarcherei in una nuova avventura – ha detto Magne – Diamo la priorità ai giovani facendoli provare. Diamo loro delle responsabilità sul lungo termine. Che cosa rischiamo? Al massimo potremo continuare a perdere partite.”

Se possibile, ancora più diretto è stato Thomas Castaignede, altra leggenda del rugby transalpino: “Il nostro è un problema fisico, e poi di leadership” ha detto l’ex apertura di Tolosa, Castres e Saracens.

“Non siamo preparati a giocare alla velocità richiesta dall’altissimo livello. Quando scegli il pacchetto di mischia più pesanti di sempre, gioca con seconde linee come Arthur Iturria in terza, selezioni qualcuno che arriva dal Sudafrica solo perché è un ragazzone grosso e potente invece di un giovane giocatore francese dalla squadra campione del mondo Under 20, stai sbagliando tutto.”

“Quando non scegli il miglior giocatore francese del momento, Antoine Dupont, cosa stai facendo!?”

Domenica, intanto, la Francia affronta l’Inghilterra a Twickenham, contro una squadra che nella prima giornata ha giocato una partita spaventosa. Non il migliore degli avversari per rimettersi in piedi, ma ogni Le Crunch fa storia a sé, e da quello di quest’anno potrebbe passare davvero tanto del futuro di entrambe le squadre.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Il Sei Nazioni è vicino ad un accordo da 500 milioni di sterline con CVC

la società d’investimento starebbe per acquisire una quota di minoranza (attorno al 15%)

13 luglio 2019 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

“La retrocessione al Sei Nazioni? Per ora è impraticabile”

Lo dice Bill Sweeney, il nuovo CEO della federazione inglese, al debriefing stagionale a Twickenham

14 giugno 2019 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Italia: Ghiraldini operato, comincia la corsa alla Rugby World Cup

Il tallonatore azzurro si è sottoposto all'operazione a Roma e proseguirà la riabilitazione a Tolosa

item-thumbnail

Sei Nazioni 2019: cosa ci dicono i numeri di fine torneo

Il Galles bada al sodo, puntando sulla propria grande difesa. Tra i singoli spicca Braam Steyn nelle statistiche individuali

item-thumbnail

Sei Nazioni 2019: Alun Wyn Jones vince il premio come miglior giocatore del torneo

Il capitano del Dragoni diventa il quinto gallese ad ottenere questo riconoscimento

item-thumbnail

Le avventure di Russellberry Finn

Sabato abbiamo visto di cosa può essere capace la Scozia quando il suo 10 è in stato di grazia