Sei Nazioni 2019: cinque cambi per l’Irlanda che affronta la Scozia

Schmidt costretto a cambiare dai forfait di alcuni suoi giocatori. Recupera in tempo Keith Earls

ph. Reuters

Il Sei Nazioni approda alla seconda giornata, e per l’Irlanda vincere a Murrayfield contro la Scozia prima in classifica è vitale per tenere accese le speranze di un passo falso delle concorrenti.

Joe Schmidt è costretto a rinunciare a tre dei suoi titolari di Dublino: sono out CJ Stander, Garry Ringrose e Devin Toner. Per scelta tecnica, invece, finisce in tribuna Robbie Henshaw.

Torna infatti a vestire la maglia numero 15 della nazionale in verde Rob Kearney, il cui nome era stato più volte invocato in settimana come il tassello mancante della formazione sconfitta dall’Inghilterra.

Durante la settimana sembrava possibile che Henshaw venisse riportato nella sua posizione di centro, vista l’assenza di Ringrose, ma Schmidt ha poi tenuto fede alle proprie precedenti considerazioni: l’head coach neozelandese dell’Irlanda ritiene Henshaw un primo centro, e da lì è difficile smuovere Bundee Aki. Ecco quindi che la maglia numero 13 è appannaggio di Chris Farrell, che guadagnerà il proprio quarto cap.

In terza linea Stander viene rimpiazzato dal numero 8 di Leinster Jack Conan, che nonostante gli 11 caps vanta grande esperienza e sta vivendo un’ottima stagione con la squadra di Dublino. Al suo fianco è confermato Peter O’Mahony, mentre la maglia numero 7 sarà di Sean O’Brien, con Josh Van der Flier che si siede in panchina.

Più avanti è Quinn Roux a prendere il posto di Toner. Il giocatore di Connacht è la quinta scelta irlandese nella posizione, ma gli infortuni gli concederanno di ottenere la decima presenza internazionale. In panchina si accomoda come backup Ultan Dillane, unica novità fra le riserve.

Irlanda: 15 Rob Kearney, 14 Keith Earls, 13 Chris Farrell, 12 Bundee Aki, 11 Jacob Stockdale, 10 Johnny Sexton, 9 Conor Murray, 8 Jack Conan, 7 Sean O’Brien, 6 Peter O’Mahony, 5 Quinn Roux, 4 James Ryan, 3 Tadhg Furlong, 2 Rory Best (c), 1 Cian Healy
A disposizione: 16 Sean Cronin, 17 Dave Kilcoyne, 18 Andrew Porter, 19 Ultan Dillane, 20 Josh Van der Flier, 21 John Cooney, 22 Joey Carbery, 23 Jordan Larmour

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

“La retrocessione al Sei Nazioni? Per ora è impraticabile”

Lo dice Bill Sweeney, il nuovo CEO della federazione inglese, al debriefing stagionale a Twickenham

14 giugno 2019 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Italia: Ghiraldini operato, comincia la corsa alla Rugby World Cup

Il tallonatore azzurro si è sottoposto all'operazione a Roma e proseguirà la riabilitazione a Tolosa

item-thumbnail

Sei Nazioni 2019: cosa ci dicono i numeri di fine torneo

Il Galles bada al sodo, puntando sulla propria grande difesa. Tra i singoli spicca Braam Steyn nelle statistiche individuali

item-thumbnail

Sei Nazioni 2019: Alun Wyn Jones vince il premio come miglior giocatore del torneo

Il capitano del Dragoni diventa il quinto gallese ad ottenere questo riconoscimento

item-thumbnail

Le avventure di Russellberry Finn

Sabato abbiamo visto di cosa può essere capace la Scozia quando il suo 10 è in stato di grazia

item-thumbnail

Sei Nazioni : il calendario e gli orari delle edizioni 2020 e 2021

L'Italia aprirà la sua avventura post Mondiale contro il Galles, a Cardiff, l'1 febbraio 2020