Sei Nazioni 2019: l’Inghilterra ridimensiona l’Irlanda 32-20

Il XV della rosa surclassa i verdi di Schmidt e manda un messaggio al mondo: non sono loro i favoriti per i mondiali

Henry Slade marca la terza meta per l’Inghilterra (ph. Reuters)

DUBLINO L’Inghilterra manda un messaggio a tutto il rugby mondiale dall’Aviva stadium: l’Irlanda non è favorita per i mondiali. Alla prima prova sul campo i verdi hanno dimostrato di aver vissuto come un peso psicologico enorme quella definizione di “squadra più forte del mondo” che non a caso Steve Hansen ed Eddie Jones hanno ripetuto più volte dopo lo scorso novembre. Il XV della rosa è stato più determinato, aggressivo e continuo, meritando in pieno la vittoria.

Inghilterra subito in meta: Daly Evita l’anticipo di Earls e gioca bene il 2 contro 1 sulla sinistra. May schiaccia e Farrell converte: 7-0. L’Irlanda reagisce e da una calcio di spostamento di Nowell che va direttamente in touche nasce l’azione che porta Sexton in piazzola dai 25 metri centrali all’11’: 3-7. Al 13’ Curry colpisce a braccio aperto Earls dopo che aveva calciato: giallo. L’Irlanda preme ma commette un paio di in avanti (Ryan e Van del Flier). Al 18’ Itoje colpisce di nuovo Earls con una ginocchiata su una palla lata e non si capisce come scansi il giallo. In ogni caso i verdi non segnano in superiorità numerica.

Break di Sexton e punizione per fuorigioco di Farrell al 23’. Si va in touche e dopo alcune cariche Cian Healy schiaccia nell’angolo destro. Sexton trasforma il 10-7. L’Inghilterra calcia rasoterra verso gli angoli per mettere pressione su Henshaw e Earls. Da l’ennesimo di questi calci Stokdale va in difficoltà sulla pressione di Nowell e Daly schiaccia: 14-10 con la trasformazione di Farrell. Al 37’ Earls e Van der Flier spingono fuori May evitando la terza meta inglese. Si resta in attacco e dopo una mischia inglese sui cinque metri e Mako Vunipola viene fermato di nuovo a pochi centrimetri dalla meta, col TMO che annulla per doppio movimento. Farrell decide di calciare il vantaggio allo scadere, portando i suoi negli spogliatoi meritatamente in vantaggio 17-10.

Anche se è andata bene un paio di volte per colpi al limite, la disciplina e l’aggressività inglese sui punti di incontro e il gioco aereo hanno fatto la differenza nel primo tempo. Le fonti di gioco irlandese hanno sempre avuto pochissimo tempo per riflettere. Aver tenuto l’Irlanda a zero punti segnati nei 10 minuti di inferiorità numerica ha dato all’Inghilterra una grandissima fiducia in sè stessa. Anche la cabala dice Inghilterra: infatti l’ultima volta che l’Irlanda ha battuto l’Inghilterra dopo essere stata in svantaggio a metà gara è stato nel 1983.

 

Si ricomincia con Larmour all’ala destra al posto di Earls. L’Inghilterra continua a vincere moltissime collisioni e l’Irlanda fatica molto ad avanzare. All’improvviso Ringrose rompe un assedio di molti minuti con un placcaggio che fa perdere il pallone a Farrell. In un amen i verdi sono sui 22 avversari conquistando una mischia per in avanti volontario. Al 53’ l’Inghilterra perde Itoje che sull’azione fa fallo e concede la punizione che Sexton manda fra i pali: 13-17.

Al 60’ Sexton gioca la palla da terra dopo aver placcato Farrell: punizione dai 40 metri centrali che l’apertura inglese manda a lato. Al 66’ l’Inghilterra concretizza una superiorità sostanzialmente netta e continua chiudendo la partita con una meta di Slade, che brucia Stockdale e schiaccia su calcio a seguire di May: 13-22 perché il piede di Farrell dall’angolo tradisce.

Nel finale c’è tempo per un’altra meta di Slade che intercetta un passaggio e tiene in mano la palla con un gioco di prestigio schiacciando in meta, con la conversione fa 32-13. È la segnatura del bonus point.

Cooney bagna il debutto per Murray con una meta al minuto 80′. Finisce 32-20 per l’Inghilterra. Che sia lei la favorita per i mondiali?

Irlanda: 15 Robbie Henshaw, 14 Keith Earls, 13 Garry Ringrose, 12 Bundee Aki, 11 Jacob Stockdale, 10 Johnny Sexton, 9 Conor Murray, 8 CJ Stander, 7 Josh van der Flier, 6 Peter O’Mahony, 5 James Ryan, 4 Devin Toner, 3 Tadhg Furlong, 2 Rory Best (c), 1 Cian Healy
A disposizione: 16 Sean Cronin, 17 Dave Kilcoyne, 18 Andrew Porter, 19 Quinn Roux, 20 Sean O’Brien, 21 John Cooney, 22 Joey Carbery, 23 Jordan Larmour

Marcatori Irlanda

Mete: Cian Healy (25′), John Cooney (80′)

Trasformazioni: Johnny Sexton (27′, 81′)

Punizioni: Johnny Sexton (11′, 55′)

Inghilterra: 15 Elliot Daly, 14 Jonny May, 13 Henry Slade, 12 Manu Tuilagi, 11 Jack Nowell, 10 Owen Farrell (c), 9 Ben Youngs, 8 Billy Vunipola, 7 Tom Curry, 6 Mark Wilson, 5 George Kruis, 4 Maro Itoje, 3 Kyle Sinckler, 2 Jamie George, 1 Mako Vunipola
A disposizione: 16 Luke Cowan-Dickie, 17 Ellis Genge, 18 Harry Williams, 19 Courtney Lawes, 20 Nathan Hughes, 21 Dan Robson, 22 George Ford, 23 Chris Ashton

Marcatori Inghilterra

Mete: Jonny May (2′), Elliot Daly (29′), Henry Slade (66′, 75′)

Trasformazioni: Owen Farrell (3′, 31′, 76′)

Punizioni: Farrell (41′, 71′)

di Damiano Vezzosi

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Perché Rory Best non canta mai gli inni irlandesi

Il capitano della nazionale irlandese, senza mancare d'ironia, ha spiegato il motivo per cui rimane sempre in silenzio

14 Agosto 2019 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Il Sei Nazioni è vicino ad un accordo da 500 milioni di sterline con CVC

la società d’investimento starebbe per acquisire una quota di minoranza (attorno al 15%)

13 Luglio 2019 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

“La retrocessione al Sei Nazioni? Per ora è impraticabile”

Lo dice Bill Sweeney, il nuovo CEO della federazione inglese, al debriefing stagionale a Twickenham

14 Giugno 2019 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Italia: Ghiraldini operato, comincia la corsa alla Rugby World Cup

Il tallonatore azzurro si è sottoposto all'operazione a Roma e proseguirà la riabilitazione a Tolosa

item-thumbnail

Sei Nazioni 2019: cosa ci dicono i numeri di fine torneo

Il Galles bada al sodo, puntando sulla propria grande difesa. Tra i singoli spicca Braam Steyn nelle statistiche individuali

item-thumbnail

Sei Nazioni 2019: Alun Wyn Jones vince il premio come miglior giocatore del torneo

Il capitano del Dragoni diventa il quinto gallese ad ottenere questo riconoscimento