Pro14: le Zebre sbandano ancora, i Cheetahs vincono 12-27 a Parma

I sudafricani prendono il largo nel secondo tempo, con i ducali che non segnano nemmeno un punto

ph. Luca Sighinolfi

Le due squadre non abdicano ai propri principi e si vede fin dai primi minuti: ritmo alto, voglia di allargare e ripartenze senza paura caratterizzato da subito il match. Le Zebre hanno il possesso per la maggior parte del tempo e a tratti fanno vedere anche alcune cose, ma indisciplina e banali errori individuali non permettono ai ducali di essere realmente pericolosi e di giocare nei 22 avversari. Quando ne hanno l’occasione, con una touche in zona rossa, Ceciliani lancia storto e ridà il pallone ai Cheetahs.

I sudafricani sono particolarmente incisivi soprattutto in mischia e “vivono” degli errori delle Zebre, che però non mancano. Al 18′, su un pasticcio di Elliott, Jaer per poco non si invola in meta, che però arriva poco dopo: i Cheetahs recuperano palla dentro i 22 ducali, allargano subito il gioco e segnano con Janse van Rensburg. Quattro minuti più tardi, gli uomini in maglia bianca bucano ancora troppo facilmente la difesa zebrata con una giocata nemmeno troppo complicata da prima fase, a metà campo: i Cheetahs entrano nei 22 e trovano la meta con Maxwane al 23′, su un bel passaggio lungo di Meyer (0-12).

Le Zebre sembrano un po’ in confusione e non riescono a più proporre granché in attacco e, anzi, continuano a soffrire in difesa per un break di Maxwane quasi dentro i 22 italiani. L’ala sudafricana però esagera nel passaggio cestistico all’interno, e regala il pallone a Mbandà: il flanker e poi Ceciliani ripartono velocemente, per Canna è facile il 2 vs 1 all’esterno e lancia Padovani in meta al 30′ per il 5-12.

Sul restart, le Zebre giocano dentro la propria metà campo e all’improvviso si accendono: Bisegni, Balekana e Tuivaiti giocano velocemente al largo, De Battista dà continuità all’azione e risale il campo indisturbato, per poi servire all’interno un puntuale Giulio Bisegni, che finalizza un’azione corale di primissimo livello non rara al Lanfranchi. Canna dalla piazzola centra i pali e pareggia sul 12-12.

Al 37′ altro brivido per la difesa delle Zebre: su una touche sui propri 5 metri, i ducali confermano le loro gravi difficoltà e per poco non regalano il pallone ai Cheetahs, che commettono in avanti. Il tempo si chiude con due offensive da una parte e dall’altra, ma senza risultati.

Il secondo tempo si apre nel segno di Cheetahs invece: Meyer si infila in mezzo a due difensori zebrati e porta i suoi a pochi passi dalla linea di meta. All’esterno è poi Jense van Rensburg a finalizzare per la doppietta personale, che porta i sudafricani in vantaggio per 12-17 al 45′. I ducali ci mettono un po’ per tornare a produrre gioco, e trovano difficoltà soprattutto per l’aggressività dei Cheetahs sui punti d’incontro.

I padroni di casa avrebbero una buona opportunità con una touche sui 5 metri, ma a De Battista sfugge il pallone a contatto quando cerca di sfondare servito da Canna. I Cheetahs sembrano avere le idee più chiare in questo frangente, supportati anche da una mischia superiore a quella avversaria. Al 57′ è Schoeman a sfiorare la quarta meta dell’incontro, ma l’apertura perde il pallone in avanti proprio nel momento di schiacciare sulla linea.

Passato lo spavento, le Zebre tornano a giocare in attacco ma con poche idee e tanta confusione, tant’è che Canna si deve rifugiare per due volte in due calci di spostamento quasi forzati. Il secondo permette ai Cheetahs di contrattaccare e di risalire fin dentro i 22 zebrati, perché a Brummer sfugge il pallone in avanti nella raccolta. In mischia Cheetahs continuano a dominare, ma dalla maul seguente le Zebre riescono un po’ incredibilmente a recuperare il pallone. I Cheetahs hanno un’altra occasione poco dopo, ma si perdono ancora in maul.

Anche se le Zebre riescono a risalire il campo, i ducali non riescono a superare la metà campo e ad avvicinarsi alla zona punti, perché la difesa dei Cheetahs copre bene l’ampiezza del campo. Al 71′ Canna trova un bel break in mezzo al campo e corre fin dentro i 22, ma sul proseguimento Bianchi gioca male la superiorità al largo e vanifica l’azione. Due falli consecutivi delle Zebre (con giallo a Biagi) poi permettono ai Cheetahs di risalire il campo e di giocare ancora per la quarta meta: questa volta le Zebre non riescono a fermare la maul e Reinach Venter segna la meta che chiude la partita (12-22).

Sul restart, le Zebre concedono un altro calcio di punizione nei 22 e i Cheetahs ne approfittano per andare di nuovo in meta sempre in maul, ma questa volta con Maartens. Il punteggio sale sul 12-27 e la partita si chiude qui.

Zebre: 15 Edoardo Padovani, 14 Paula Balekana, 13 Giulio Bisegni, 12 Nicolas De Battista, 11 James Elliott, 10 Carlo Canna, 9 Guglielmo Palazzani, 8 Jimmy Tuivaiti, 7 Giovanni Licata, 6 Maxime Mbandà, 5 Samuele Ortis, 4 David Sisi (c), 3 Eduardo Bello, 2 Massimo Ceciliani, 1 Andrea Lovotti
A disposizione: 16 Luhandre Luus, 17 Daniele Rimpelli, 18 Giosué Zilocchi, 19 George Biagi, 20 Jacopo Bianchi, 21 Joshua Renton, 22 Francois Brummer, 23 Tommaso Boni

Marcatori Zebre

Mete: Padovani (29), Bisegni (32)
Conversioni: Canna (32)
Punizioni:

Cheetahs: 1 Ox Nche, 2 Joseph Dweba, 3 Aranos Coetzee, 4 Justin Basson, 5 JP du Preez, 6 Gerhard Olivier, 7 Junior Pokomela, 8 Daniel Maartens, 9 Tian Meyer (c), 10 Tian Schoeman, 11 Rabz Maxwane, 12 Nico Lee, 13 Benhard Janse van Rensburg, 14 William Small-Smith, 15 Malcolm Jaer.
A disposizione: 16 Reinach Venter, 17 Charles Marais, 18 Luan de Bruin, 19 Sintu Manjezi, 20 Walt Steenkamp, 21 Abongile Nonkontwana, 22 Rudy Paige, 23 Louis Fouche

Mete Cheetahs

Mete: Janse van Rensburg (19, 45), Maxwane (23), R. Venter (76), Maartens (79)
Conversioni: Schoeman (19)
Punizioni:

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterGoogle+Pinterest
item-thumbnail

I convocati delle Zebre per la trasferta in Sudafrica

Ci sono due permit player per la squadra di Michael Bradley, in un gruppo di 25 elementi totali

23 gennaio 2019 Pro 14 / Zebre Rugby
item-thumbnail

Dopo Zebre-La Rochelle: le parole di Michael Bradley e Tommaso Castello

Il capitano dei ducali: "Dobbiamo migliorare, altrimenti diventa un po' triste". Il coach: "La direzione è quella giusta"

20 gennaio 2019 Pro 14 / Zebre Rugby
item-thumbnail

Challenge Cup: le Zebre per regalarsi un’ultima soddisfazione

Ma la partita è davvero complicata, contro una La Rochelle che vuole il quarto di finale in casa. Calcio d'inizio alle ore 16

19 gennaio 2019 Pro 14 / Zebre Rugby
item-thumbnail

Il complicato momento delle Zebre

I ducali faticano tremendamente a segnare e ad avere continuità. Ma cosa sta andando storto?

16 gennaio 2019 Pro 14 / Zebre Rugby
item-thumbnail

Challenge Cup: per le Zebre l’esame più difficile si chiama La Rochelle

La franchigia italiana si gioca il tutto per tutto in una trasferta dal livello di difficoltà elevatissimo

11 gennaio 2019 Pro 14 / Zebre Rugby
item-thumbnail

Zebre Rugby-Leinster del 16 febbraio si disputerà a Viadana

Lo stadio Zaffanella tornerà così ad ospitare una partita del torneo celtico. A seguire, nel corso del pomeriggio, ci sarà anche la sfida di Top 12 tr...

9 gennaio 2019 Pro 14 / Zebre Rugby