Dalla Francia: ma i Bleus di Jacques Brunel son tanto meglio di quelli di Guy Novès?

Una domanda a cui per il momento è difficile trovare una risposta certa o esatta

ph. Sebastiano Pessina

Quando una squadra va male è colpa dell’allenatore o dei giocatori? L’eterna questione che si verifica dopo l’esonero di un tecnico dalla guida di una squadra. Con un’ideale macchina del tempo portiamoci a dodici mesi fa: la Francia impatta contro il Giappone sul 23-23, dopo un novembre fatto di sconfitte contro All Blacks e Sudafrica, e piomba ufficialmente in crisi. Guy Novès – già traballante nella sua posizione di commissario tecnico – riceve durante le festività natalizie un regalo non gradito: quello del licenziamento. Al suo posto arriva con effetto immediato Jacques Brunel.

Oltralpe nessun tecnico della nazionale ha mai ricevuto questo trattamento in mezzo al suo quadriennio di lavoro, eppure i giochi sono fatti. L‘ex tecnico azzurro ora è in sella alla panchina dei Bleus e in meno di cinquanta giorni prepara il Sei Nazioni 2018.
Guirado e soci non sfigurano anzi: perdono di misura contro l’Irlanda, offrono una buona prova in Scozia, sfruttano il momento sia contro l’Italia sia contro l’Inghilterra raccogliendo due vittorie consecutive e nell’ultimo faccia a faccia cedono di pochissimo al Galles. Un quarto posto che dona nuova vigoria.

Due affermazioni e tre ko che fanno tornare un rinnovato ottimismo in torno alla nazionale, anche se alle porte c’è un giugno terribile da affrontare che si traduce nel “cappotto” subito ad opera degli All Blacks. Il 3-0 era comunque messo in conto, nessun dramma.

Torniamo ai giorni nostri. Sudafrica, Argentina e Fiji: un trittico potenzialmente abbordabile.
Gli Springboks però riescono a passare a Parigi a tempo scaduto, mentre i Pumas vengono matati senza troppe sofferenze, ma è con gli isolani che si verifica il patatrac. Gli ospiti “espugnano la Bastiglia” rigettando la Francia nel caos tornando ad essere bersaglio dell’opinione pubblica.

Noves 2017: 3 vittorie, 1 pari, 7 perse
Brunel 2018: 3 vittorie, 8 perse

Dove sta la verità?

Di Michele Cassano

 

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Italseven: gli azzurri aprono il torneo di Lodz con un brillante successo (33-19) con il Galles

Sugli scudi, tra gli uomini di Andy Vilk, Luigi Fadalti e Gianmarco Vian

20 luglio 2019 Rugby Azzurro / Rugby Seven
item-thumbnail

Rugby Championship: Argentina e All Blacks aprono il loro torneo a Buenos Aires

I Pumas vogliono ripetere le gesta dei Jaguares. Sul fronte 'tuttineri', invece, è un test importante per diversi giovani rampanti

20 luglio 2019 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

Italseven femminile: inizia con una netta vittoria sull’Irlanda ed un k.o. con la Spagna il torneo azzurro a Kharkiv

Dopo la netta vittoria contro l'Irlanda, le azzurre confermano buone indicazioni anche contro la Spagna, pur cedendo 19-7

20 luglio 2019 Rugby Azzurro / Rugby Seven
item-thumbnail

Rugbymercato: come cambiano le rose del Top12 (in aggiornamento)

Tutti gli ingaggi e gli addii per la stagione 2019/2020, man mano che arrivano le notizie

20 luglio 2019 Campionati Italiani / TOP12
item-thumbnail

Rugby Championship: Sudafrica-Australia, obiettivi diversi

Oltre alla vittoria, s'intende. Gli Springboks fanno turnover, i Wallabies cercano soluzioni nuove in tempi brevi

20 luglio 2019 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

Rugby World Cup 2019: gli arbitri per le partite dell’Italia

C'è Nigel Owens per la sfida contro il Canada, che dirigerà anche la partita inaugurale. Anche un australiano e due inglesi per gli azzurri

19 luglio 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019