Italia, Goosen: “Il lavoro in sinergia con le franchigie sta dando i suoi frutti”

L’allenatore della difesa azzurra ha parlato a margine del primo allenamento nella ‘Windy City’

ph. Sebastiano Pessina

Sbarcato a Chicago ormai da quasi 48 ore, il gruppo di azzurri selezionato per la trasferta oltreoceano ha iniziato la settimana di preparazione alla sfida del Soldier Field di sabato (ore 21 italiane) contro l’Irlanda, primo appuntamento agonistico di un novembre di fuoco per la squadra di Conor O’Shea.

Leggi anche: Calendario rugby Test Match, novembre 2018: date, orari e luoghi dell’autunno ovale internazionale;

A margine del primo allenamento a stelle e strisce, Marius Goosen, coach della difesa italiana, si è concesso ai canali ufficiali della FIR, analizzando il lavoro dei ragazzi nel ritiro veronese della scorsa settimana, dove erano presenti anche due figure ovalai di spicco come Andrea Masi e Wayne Smith. “Quello di Verona è stato un buon raduno. In pochi giorni abbiamo lavorato intensamente sia sul lato fisico che tecnico. Il lavoro che viene svolto in sinergia con le franchigie sta dando i suoi frutti: i giocatori sul campo hanno mostrato un maggiore feeling e tanta voglia di fare bene”, ha dichiarato l’ex Bulls, soddisfatto, dunque, dalla qualità degli allenamenti al Payanini Center e pure per il percorso intrapreso dal nostro rugby.

Il 44enne sudafricano, poi, ha parlato del novembre che attende l’Italia, partendo, ovviamente dalla sfida molto intrigante nella Windy City. “L’Irlanda sarà un bel banco di prova per noi nella finestra di Novembre che si preannuncia molto interessante. Hanno grandi qualità, ma siamo fiduciosi che saremo competitivi. Abbiamo lavorato tanto in questi due anni per migliorare la consapevolezza nei nostri mezzi e nelle prossime settimane avremo una buona opportunità per capire quanto siamo cresciuti. Sarà emozionante sabato giocare in una delle più belle città del mondo e in uno stadio iconico come il Soldier Field”, ha concluso l’assistente di Crowley al Benetton Rugby, desideroso di assaggiare l’atmosfera di uno degli stadi iconici del football americano.

La nazionale dell’Isola di Smeraldo, va detto, ha selezionato a sua volta un gruppo di ragazzi molto competitivo per la gara di Chicago, lasciando, tuttavia, a riposo diversi punti di riferimento del team di Schmidt, come Johnny Sexton, Robbie Henshaw e Rory Best.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Ange Capuozzo a OnRugby: «Ho due sogni: la nazionale e il Top14»

L'estremo italo-francese si racconta a OnRugby, tra il sogno della nazionale azzurra e l'obiettivo della promozione in Top14.

3 Agosto 2021 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italrugby: gli Azzurri restano senza sponsor di maglia

Il main sponsor della nazionale esercitando il diritto di recesso ha scelto di non rinnovare il contratto con FIR

22 Luglio 2021 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Paolo Garbisi è nella lista dei 4 giovani mediani d’apertura più interessanti a livello mondiale

L'azzurro è in un sondaggio indotto da World Rugby assieme ad altri tre prospetti di altissimo livello

20 Luglio 2021 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

La “querelle” sul trasferimento di Paolo Garbisi a Montpellier

La ricostruzione della vicenda che ha visto il mediano di apertura azzurro approdare a Montpellier per il prossimo TOP 14

17 Luglio 2021 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

L’Italia ha (ri)contattato Louis Lynagh

A dirlo è stato il papà Michael che svela anche i retroscena della cosa

29 Giugno 2021 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Maxime Mbandà: fra le Zebre e l’Italia, due “nuovi” capitoli della sua carriera

Il terza linea non vede l'ora aggiungere nuove pagine al suo personalissimo libro ovale

24 Giugno 2021 Rugby Azzurro / La Nazionale