Benetton, Bortolami: “C’è un pizzico di amarezza per Agen, potevamo e dovevamo vincere”

Abbiamo parlato con l’assistente allenatore del Benetton Rugby, tra sensazioni post Agen e futuro a breve termine dei Leoni

ph. Sebastiano Pessina

A mente fredda, dopo un paio di giorni dal bruciante K.O. francese, abbiamo parlato con Marco Bortolami, assistent coach dei Leoni della sfida di Agen, ma anche e soprattutto del futuro a breve termine che attende il club veneto in Pro14.

Marco, quali sono le sensazioni dopo la trasferta transalpina?

C’è un pizzico di amarezza e di rammarico perché siamo consapevoli che fosse una partita che potevamo e dovevamo vincere. Non ci deve essere, però, scoramento. Nello sport anche una sconfitta ha valore se si è in grado di trarne tutti gli insegnamenti del caso

Come è andata la partita?

Ad Agen siamo partiti col piede giusto. Abbiamo segnato subito due mete in drive nei primi 15 minuti ed abbiamo gestito il primo parziale in modo piuttosto sereno, prima di peccare, sul finire di tempo, di indisciplina, permettendo a loro di segnare una meta ed accorciare ulteriormente con un calcio, ma eravamo comunque in controllo. Avevamo fatto un po’ di fatica in touche ed in un paio di mischie, ma lo avevamo messo in conto, perché le squadre francesi sono molto performanti in quegli aspetti del gioco. Nel secondo tempo siamo partiti nuovamente alla grande, ma poi, purtroppo, abbiamo subito il ritorno prepotente di Agen nel match, grazie allo sviluppo del loro game plan, semplice ma efficace, corroborato anche dalla nostra indisciplina. Probabilmente, fossimo stati più accorti in alcuni frangenti importanti del gioco saremmo riusciti a vincere lo stesso, nonostante qualche difficoltà e dei punti mancati dalla piazzola.

Prima della gara si era parlato dell’importanza di far correre Agen, di costringerli ad un ritmo alto per metterli in difficoltà. Siete riusciti nel vostro intento?

Ci siamo riusciti abbastanza nel primo tempo, ma non nel secondo. Questo, non a caso, si è riflesso anche sull’andamento della gara. Quindi, nel complesso, ti direi che non siamo stati in grado di proporre il ritmo che avremmo desiderato, anche per la nostra indisciplina.

Il calendario non vi da tregua. Archiviate le settimane di coppa si torna subito in clima campionato con la sfida contro Leinster, sabato prossimo a Monigo. Una gara (come quella contro Ulster ad inizio novembre, nel weekend di Italia v Irlanda) che arriva in un momento particolare, con il raduno della nazionale nel corso della settimana. Come gestirete la rosa?

Sicuramente saranno due weekend difficili sotto questo punto di vista, tra ritiro azzurro e sfida di Chicago. La nostra idea, al netto di infortuni ed acciacchi, è quella di utilizzare, per queste partite, i giocatori che saranno presenti a Treviso nel corso della settimana, e magari scegliere quei 3/4 internazionali che rientreranno giovedì mattina, vuoi perché non abbiamo copertura in un determinato ruolo oppure perché ci sono dei ragazzi che anche con un solo allenamento sono già in grado di performare allo standard richiesto in partita. In ogni caso abbiamo piena fiducia della rosa a nostra disposizione e penso si sia visto in questi primi 8 incontri dell’anno, nei quali, pur ruotando parecchio i ragazzi a nostra disposizione, il livello medio delle nostre performance è sempre stato più che valido. Discorso estendibile anche ai permit, sul quale lavoro posso spendere solo buone parole. Siamo soddisfatti dell’energia e della qualità che stanno mettendo nel loro impegno alla Ghirada. Può darsi che in questa doppia sfida in arrivo ci sia spazio per alcuni di questi ragazzi.

Chi, invece, non è uscito praticamente mai dalle rotazioni è Seb Negri, il cui “minutometro” segna un valore altissimo?

Nessuno è insostituibile, ma è effettivamente difficile rinunciare a Seb. Il suo work rate è sempre alle stelle, fornisce un contributo notevole sia in attacco che in difesa, ed i dati GPS che abbiamo a disposizione ci danno dei riscontri molto positivi. Ha fatto un ulteriore salto di qualità rispetto alla passata stagione, sarà protagonista nuovamente anche con la nazionale.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterGoogle+Pinterest
item-thumbnail

Benetton Rugby: i convocati per il tour sudafricano

Kieran Crowley ha selezionato 25 leoni per le sfide contro Cheetahs e Southern Kings

16 novembre 2018 Pro 14 / Benetton Rugby
item-thumbnail

Benetton Treviso, la fotografia di Lamaro dopo la sconfitta contro Ulster

Il terza linea analizza il ko spiegando anche il cartellino giallo subito

6 novembre 2018 Pro 14 / Benetton Rugby
item-thumbnail

Pro14: cosa ci lascia l’ottava giornata di Benetton Rugby e Zebre Rugby

Due sconfitte celtiche diverse per dimensione, ma anche per peso specifico rispetto alle attese della vigilia

5 novembre 2018 Pro 14 / Benetton Rugby
item-thumbnail

Italia: infrazione alla decima costola per Hayward

Piove sul bagnato in casa azzurra, dove gli infortuni stanno martoriando il ruolo di estremo

4 novembre 2018 Pro 14 / Benetton Rugby
item-thumbnail

Benetton, Budd dopo la sconfitta casalinga: “Mai stati così dominanti, dovevamo chiuderla nel primo tempo”

Amarezza e delusione fra le fila del Benetton, uscito perdente dallo scontro frontale con Ulster. Davanti ai microfoni Ezio Galon, Dean Budd e Michele...

4 novembre 2018 Pro 14 / Benetton Rugby
item-thumbnail

Pro14: un Benetton Rugby opaco nella ripresa perde in casa contro Ulster

I Leoni dominano nella prima frazione, ma calano nella ripresa, cedendo 10-15 agli irlandesi

3 novembre 2018 Pro 14 / Benetton Rugby