Slow Motion #18: fra centri ci s’intende

La terza meta dell’Argentina contro l’Australia è il frutto del dialogo fra Jeronimo de la Fuente e Matias Orlando

ph. Reuters

Slow Motion è la rubrica di OnRugby che ogni settimana racconta la meta più bella del weekend, nei minimi particolari, corredata dal video. Il fanatico ovale la segue così: prima se la guarda tutta, e poi torna indietro a leggere paragrafo per paragrafo, alternando il tasto play a quello pausa. Qui la scorsa puntata. Buon divertimento.

Vi ricordate quando l’Argentina giocava alla grande e tutto sembrava andare per il meglio? Succedeva nei 40 minuti precedenti all’abbattimento del tornado Australia sulle teste dei Pumas.

Nel primo tempo della sfida di Salta i sudamericani hanno dominato in lungo e in largo, e l’azione che ha portato alla terza meta dei padroni di casa vince la palma di meta di questo fine settimana.

Nasce tutto dal dialogo fra i due centri, Jeronimo de la Fuente e Matias Orlando. L’azione incomincia a metà campo, con un lancio in rimessa laterale rubato imperiosamente da Guido Petti. L’Argentina carica quindi in mezzo al campo con capitan Creevy e lo stesso Petti, mantenendo un discreto ritmo avanzante.

In terza fase Sanchez serve Orlando poco dietro la linea dei 10 metri. Il centro dei Pumas incorna e abbatte il diretto avversario, Reece Hodge, e continua a spingere sulle gambe mentre Michael Hooper cerca affannosamente di metterlo a terra. Proprio in quell’istante, de la Fuente attacca lo stesso corridoio del compagno e si presente per ricevere il pallone. Saltato il placcaggio di Genia, viene catturato da Kurtley Beale, che però viene sospinto indietro di altri 5 metri: siamo adesso ben dentro i 22 dei Wallabies.

L’Argentina, complice il calcio di punizione raccolto stupidamente da Adam Coleman, sposta il pallone rapidamente all’esterno, dove Javier Ortega Desio sceglie di provare a sfondare. Dalla carica del numero otto si susseguono quindi un paio di penetrazioni efficaci, con protagonisti Creevy e Matera.

A fare la differenza, però, è di nuovo l’attacco dei due centri argentini, molto vicini tra loro proprio per attaccare la difesa a maglie un po’ larghe degli australiani, sfruttando la possibilità di riciclare il pallone. Siamo alla settima fase dell’offensiva Pumas: de la Fuente finta di passare al compagno di reparto e poi sfida la difesa. Koroibete e Coleman provano a fermarlo, ma il numero 12 riesce a liberare le mani e a servire Orlando che, per la seconda volta nella stessa azione, sfugge alla guardia di Hodge, batte Genia e va a schiacciare sotto i pali.

Vero che la resistenza australiana è stata flebile nella circostanza (Hodge e Genia termineranno la partita rispettivamente con 4 e 6 placcaggi sbagliati), ma il dialogo fra i due trequarti centro dei Pumas, con il comportamento di cercare linee dirette e giocare stretti in attacco probabilmente preparato già in fase di approccio alla partita, è stato strumentale nel dominio del primo tempo e coronato da questa ottima azione. Peccato che sia tutto reso vano dai secondi quaranta minuti.

Lorenzo Calamai

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

Farrell ha dato del “tuffatore” (e non solo) a un avversario. E per RugbyPass il rugby ha un problema con le simulazioni

Il mediano inglese si è arrabbiato tantissimo per una simulazione di Bevan Rodd durante Saracens-Sale, apostrofandolo duramente, e secondo Andy Goode ...

24 Maggio 2024 Terzo tempo
item-thumbnail

European OnRugby Ranking: Leinster perde la vetta, il Benetton la top 20

L'ultimo aggiornamento della classifica prima delle finali delle Coppe europee

22 Maggio 2024 Terzo tempo
item-thumbnail

Ugo Gori: “Dopo il ritiro aprirò una gelateria. L’Italia può rompere il tabù del tour estivo. Benetton fantastico”

Il mediano di mischia appende gli scarpini al chiodo: "La cucina è la mia seconda passione, vorrei fare anche lo chef a domicilio. Gli Azzurri rispett...

17 Maggio 2024 Terzo tempo
item-thumbnail

European OnRugby Ranking: i Saracens entrano nella top10, Benetton guadagna 7 posizioni

Leinster sempre al comando, fuori dalla Top10 La Rochelle

15 Maggio 2024 Terzo tempo
item-thumbnail

European OnRugby Ranking: cambio al vertice, il Benetton va giù

Le semifinali europee hanno un grosso influsso sulla classifica settimanale dei club

9 Maggio 2024 Terzo tempo
item-thumbnail

La Francia contro World Rugby e l’espulsione da 20 minuti: “Non è vero che i rossi uccidono le partite”

Il vicepresidente della FFR Jean-Marc Lhermet: "Su 160 partite giocate in Tier 1 dal 2021, 30 hanno visto cartellini rossi: la squadra numericamente i...

2 Maggio 2024 Terzo tempo