Slow Motion #18: fra centri ci s’intende

La terza meta dell’Argentina contro l’Australia è il frutto del dialogo fra Jeronimo de la Fuente e Matias Orlando

ph. Reuters

Slow Motion è la rubrica di OnRugby che ogni settimana racconta la meta più bella del weekend, nei minimi particolari, corredata dal video. Il fanatico ovale la segue così: prima se la guarda tutta, e poi torna indietro a leggere paragrafo per paragrafo, alternando il tasto play a quello pausa. Qui la scorsa puntata. Buon divertimento.

Vi ricordate quando l’Argentina giocava alla grande e tutto sembrava andare per il meglio? Succedeva nei 40 minuti precedenti all’abbattimento del tornado Australia sulle teste dei Pumas.

Nel primo tempo della sfida di Salta i sudamericani hanno dominato in lungo e in largo, e l’azione che ha portato alla terza meta dei padroni di casa vince la palma di meta di questo fine settimana.

Nasce tutto dal dialogo fra i due centri, Jeronimo de la Fuente e Matias Orlando. L’azione incomincia a metà campo, con un lancio in rimessa laterale rubato imperiosamente da Guido Petti. L’Argentina carica quindi in mezzo al campo con capitan Creevy e lo stesso Petti, mantenendo un discreto ritmo avanzante.

In terza fase Sanchez serve Orlando poco dietro la linea dei 10 metri. Il centro dei Pumas incorna e abbatte il diretto avversario, Reece Hodge, e continua a spingere sulle gambe mentre Michael Hooper cerca affannosamente di metterlo a terra. Proprio in quell’istante, de la Fuente attacca lo stesso corridoio del compagno e si presente per ricevere il pallone. Saltato il placcaggio di Genia, viene catturato da Kurtley Beale, che però viene sospinto indietro di altri 5 metri: siamo adesso ben dentro i 22 dei Wallabies.

L’Argentina, complice il calcio di punizione raccolto stupidamente da Adam Coleman, sposta il pallone rapidamente all’esterno, dove Javier Ortega Desio sceglie di provare a sfondare. Dalla carica del numero otto si susseguono quindi un paio di penetrazioni efficaci, con protagonisti Creevy e Matera.

A fare la differenza, però, è di nuovo l’attacco dei due centri argentini, molto vicini tra loro proprio per attaccare la difesa a maglie un po’ larghe degli australiani, sfruttando la possibilità di riciclare il pallone. Siamo alla settima fase dell’offensiva Pumas: de la Fuente finta di passare al compagno di reparto e poi sfida la difesa. Koroibete e Coleman provano a fermarlo, ma il numero 12 riesce a liberare le mani e a servire Orlando che, per la seconda volta nella stessa azione, sfugge alla guardia di Hodge, batte Genia e va a schiacciare sotto i pali.

Vero che la resistenza australiana è stata flebile nella circostanza (Hodge e Genia termineranno la partita rispettivamente con 4 e 6 placcaggi sbagliati), ma il dialogo fra i due trequarti centro dei Pumas, con il comportamento di cercare linee dirette e giocare stretti in attacco probabilmente preparato già in fase di approccio alla partita, è stato strumentale nel dominio del primo tempo e coronato da questa ottima azione. Peccato che sia tutto reso vano dai secondi quaranta minuti.

Lorenzo Calamai

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterGoogle+Pinterest
item-thumbnail

Slow Motion #26: The Full Monty

La meta dell'ala australiana dei biancoverdi è la vincitrice della settimana, anche per l'importanza del momento

12 dicembre 2018 Terzo tempo
item-thumbnail

Carichi di lavoro, pressioni dei club e partite giocate: i risultati di un sondaggio tra i giocatori

Li ha pubblicati l'associazione mondiale dei rugbisti: tanti i temi di attualità sul welfare degli atleti toccati nel report

4 dicembre 2018 Terzo tempo
item-thumbnail

Slow Motion #25: Usa le gambe, Luke!

La forza non è tutto, la velocità aiuta: gran segnatura per Morahan in Bristol-Tigers

4 dicembre 2018 Terzo tempo
item-thumbnail

Anne McClain: dalla Premiership inglese allo spazio

La donna statunitense, ex tallonatrice degli USA, è un'astronauta della NASA

4 dicembre 2018 Terzo tempo
item-thumbnail

Slow Motion #24: i poteri speciali di Semi Radradra

L'ex stella fijiana di Rugby League ha scherzato contro la difesa francese nella storica vittoria dello Stade de France

29 novembre 2018 Terzo tempo
item-thumbnail

Quindici anni fa il drop di Wilkinson decideva la Rugby World Cup

Il 22 novembre 2003 l'Inghilterra conquistava il trofeo più ambito grazie anche al piede del suo numero 10

22 novembre 2018 Terzo tempo