Top 12: le Fiamme Oro espugnano Calvisano, Rovigo passa a Reggio in extremis

Il Petrarca vince in casa su Verona e si riprende la vetta

ph. Luca Sighinolfi

La quarta giornata di Top 12 regala clamorosi colpi di scena e finali al cardiopalma su diversi campi ovali in giro per l’Italia. Vediamo quanto successo, stadio per stadio.

Valorugby v Rovigo (16-19): nel big match del Mirabello, gli ospiti partono fortissimo sotto una pioggia battente, mettendo subito in campo tutta il proprio arsenale offensivo, costringendo gli emiliani ad un fallo professionale in zona rossa. Mantelli non si fa pregare dalla piazzola, ed al 3′ manda i suoi sul 3-0. Il Valorugby, però, è assolutamente in partita, su entrambi i lati del campo. In difesa, gli emiliani, nei primi 20 minuti, riescono ad imbragare gli attacchi avversari, costringendoli talvolta al calcio tattico, mentre in attacco imbastiscono un paio di mulifase erosivi, dai quali, tuttavia, cavano molto poco, pagando a caro prezzo diversi errori gestuali, forzati anche dalla discreta pressione veneta.

Al 20′, Rovigo prova il primo allungo: Du Preez non si toglie in tempo dal breakdown in zona rossa, concedendo un piazzato semplice ai veneti, mandato a bersaglio da un ispirato Mantelli. La giovane apertura ospite replica cinque minuti più tardi, grazie ad un penalty generato dal medesimo fallo emiliano. Al 33′ arriva la prima meta del match, firmata dai padroni di casa: penaltouche vinta senza patemi e poi rolling maul debordante, con Du Preez che schiaccia l’ovale oltre la linea di meta. Gennari converte da posizione complessa con il suo mancino preciso (dopo aver fallito un piazzato non impossibile in avvio), fissano il punteggio sul 7-9. Parziale con cui si va all’intervallo, al termine di una prima frazione piuttosto equilibrata. Degni di nota, tra le fila ospiti, le iniziative in prima persone dei due mediani Mantelli e Chillon, spesso in grado di attaccare con successo la linea.

L’avvio di ripresa è tutto di marca locale, con il Valorugby che, per la prima volta, mette la testa avanti al 46′, con il piazzato vincente di Gennari, generato da un fuorigioco rodigino. I reggiani macinano multifase e gestiscono il possesso, ma sbattono contro il muro dei ragazzi di Casellato, che alla prima occasione della seconda frazione puniscono da grande squadra. Al 23′, infatti, arriva una rocambolesca meta ospite: Mantelli calcia una punizione colpendo il palo, con l’ovale che rimbalza in campo e diventa preda di un lestissimo Odiete che timbra la prima meta veneta del match, trasformata da Mantelli per il 16-10. Un duro colpo per i padroni di casa, che, però, si rimettono subito in carreggiata con il penalty di Gennari, per il 13-16 al 65′. Allo scadere, gran lavoro della mischia locale: punizione guadagnata ed il solito Gennari, sempre dalla piazzola, trova il pari che manda in delirio il Mirabello. Entrambe le squadre hanno delle chance in attacco per vincere la gara, ma, addirittura al 50′ della ripresa, Rovigo guadagna un calcio di punizione in zona pregiata e Mantelli regala il successo ai rossoblù, che scacciano così le critiche delle ultime settimane e portano a casa 4 punti preziosissimi.

Petrarca v Verona (18-7): derby veneto vinto dai campioni d’Italia con meno margine di quanto si potesse immaginare alla vigilia dell’incontro. Tre ad uno, in favore dei padroni di casa, il computo complessivo delle marcature pesanti di giornata, firmate da Riera e Benetti, da un lato, e Mortali dall’altro nel primo tempo, chiuso sul 10-7. Nella ripresa, poi, arriva anche il sigillo di Capraro

Calvisano v Fiamme Oro (7-8): i romani piazzano il colpaccio nella bassa bresciana, portandosi via quattro punti fondamentali da Calvisano, alla seconda sconfitta nel giro di poche settimane. La gara è a bassissimo punteggio, con i laziali che allungano nel primo tempo grazie al piazzato di Ambrosini ed alla meta di Favaro. Vana, invece, la meta dei padroni di casa di De Santis al 70′ (trasformata da Pescetto). A Calvisano finisce 7-8, con le Fiamme che proseguono nel loro cammino stagionale più che positivo.

Le altre: vittorie preziosissime per Medicei, Mogliano e Lazio, tutte in grado di ottenere il successo tra le mura amiche, rispettivamente contro Valsugana (16-3), Viadana (26-3) e San Donà (13-5), andando così a rimescolare ulteriormente una classifica sorprendente, caratterizzata da grande equilibrio un poco in tutte le zone della graduatoria.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterGoogle+Pinterest
item-thumbnail

Carlo Festuccia: il segreto per tornare in campo? Praticare vari sport

Dal rugby alla bicicletta passando per la barca a vela, dove il tallonatore si è imposto anche alla Barcolana di Trieste

17 ottobre 2018 Campionati Italiani / TOP12
item-thumbnail

Lo sfogo di Umberto Casellato contro Jacques Momberg e i giornalisti

L'allenatore del Rovigo ha criticato duramente il tallonatore dopo il giallo preso nel finale del derby, definendo il tutto "una vergogna" e "imbarazz...

15 ottobre 2018 Campionati Italiani / TOP12
item-thumbnail

Mogliano, parla Buonfiglio: “Mi sentivo il peggior pilone dell’Eccellenza, ora lottiamo per il riscatto”

Il prima linea di Mogliano racconta il ritrovato entusiasmo dei biancoblu dopo la travagliata stagione passata

10 ottobre 2018 Campionati Italiani / TOP12
item-thumbnail

Fiamme Oro: intervista a Simone Favaro, tra ovale, sogni e corso d’agente

Abbiamo parlato con il flanker della crescita delle Fiamme Oro e del suo percorso professionale

9 ottobre 2018 Campionati Italiani / TOP12
item-thumbnail

Top 12: le voci dai campi dopo una rocambolesca quarta giornata

La nuova caduta del Calvisano, la prima sconfitta del Valorugby da marzo e la grande partita del Mogliano

8 ottobre 2018 Campionati Italiani / TOP12
item-thumbnail

Top 12: la diretta streaming dei match della sesta giornata

I player delle partite per seguire e commentare il masimo campionato italiano

6 ottobre 2018 Campionati Italiani / TOP12