Rosso a Parisse: anche Alan Brazo scagiona il capitano azzurro

Il giocatore del Perpignan ricostruisce l’episodio constatando l’involontarietà del gesto subito

parisse stade francais top 14

ph. Reuters

Il cartellino rosso comminato a Sergio Parisse ha fatto discutere e non poco in Francia. In molti, praticamente tutti ad eccezione dell’arbitro Cardona e del TMO, si sono accorti da subito dell’involontarietà del gesto del capitano dello Stade Francais e della nazionale italiana ai danni dello sfortunato Alan Brazo.
Lo stesso flanker del Perpignan, dalle pagine di Rugbyrama è voluto intervenire spiegando la dinamica dell’azione: “Nell’impatto mi si è aperto un labbro. Mi hanno messo sei punti di sutura e in più ho un dente che balla. Questa settimana i medici dovranno dirmi se parteciperò o no alla trasferta ad Agen. La cosa positiva è che non ho avuto concussion.
L’azione l’ho rivista. Era un calcio di invio, ho guardato il pallone. Avevo un primo giocatore davanti a me, l’ho evitato e quando ho rialzato la testa mi sono trovato direttamente a contatto con Parisse. Non ho avuto il tempo per abbassarmi a placcarlo. Quando sono arrivato lì era troppo tardi. Ero in posizione di corsa, andavo troppo veloce, mi sarei dovuto rendere conto che ero così vicino. Non ho anticipato la sua traiettoria. Non è stata un’aggressione, sono stato io a colpirlo alla spalla.
Solamente più tardi – continua Brazo – c’è questo gesto del gomito che si alza un po’ per allontanarmi, ma credo che sia un riflesso. Non ho dubbi, è stato involontario. Spero non prenda molte settimane di squalifica, anzi nessuna”.

Incalzato poi sulla decisione del direttore di gara, prova così a spiegarne il comportamento: “Le immagini sono impressionanti. Credo che sia questa seconda fase dell’azione, quando si vede il braccio che respinge il mio volto, che gli abbia fatto prendere la decisione. Nel contesto attuale, con tutti i problemi che ci sono stati, credo che anche questo abbia contato.
In questi giorni, poi, ho sentito un po’ tutti i pareri e le versioni possibili: il cartellino c’era, il cartellino non c’era. L’arbitro ha deciso e bisogna rispettare la decisione, senza commentarla. Però capisco Sergio, la decisione è ingiusta”.

onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

Jake Polledri potrebbe giocare in Francia dalla prossima stagione

Il flanker azzurro, che ha sempre giocato a Gloucester, potrebbe attraversare la Manica e finire in Top 14

2 Febbraio 2023 Emisfero Nord / Top 14
item-thumbnail

Parisse: “È sicuro, smetto a giugno”

Sciolti i dubbi sull'attività di club, rimane viva la disponibilità dell'ex capitano di competere per l'azzurro

31 Gennaio 2023 Emisfero Nord / Top 14
item-thumbnail

Maxi-squalifica per il capitano di Perpignan dopo la testata a Danty

Mathieu Acebes tornerà in campo direttamente alla fine di marzo, ma la sospensione avrebbe potuto essere ancora più ampia senza alcuni fattori mitigan...

12 Gennaio 2023 Emisfero Nord / Top 14
item-thumbnail

Federico Mori giocherà a Bayonne dalla prossima stagione

Il trequarti italiano ha firmato un contratto triennale che entrerà in vigore dalla prossima estate

6 Gennaio 2023 Emisfero Nord / Top 14
item-thumbnail

Siya Kolisi giocherà in Francia dopo la Coppa del Mondo 2023

Il capitano del Sudafrica ha risolto anticipatamente il contratto con gli Sharks, e passerà al Racing 92

3 Gennaio 2023 Emisfero Nord / Top 14
item-thumbnail

Top 14: il Bayonne continua a superare le aspettative

Dopo aver battuto Tolone in casa, i neopromossi sono quinti in classifica, davanti a tante big

2 Gennaio 2023 Emisfero Nord / Top 14