La Namibia sarà avversaria dell’Italia nella Coppa del Mondo 2019

I Welwitschias battono il Kenya 53-28 nell’ultima giornata dell’Africa Gold Cup, qualificandosi ai Mondiali

ph. Sebastiano Pessina

La Namibia batte il Kenya nell’ultima giornata dell’Africa Gold Cup 2018 e si qualifica alla Coppa del Mondo 2019 in Giappone. A Windhoek, i Welwitschias vincono con un largo e staccano il pass per il girone B dei Mondiali, in cui affronteranno Italia, All Blacks e Sudafrica.

A fare la partita sono i padroni di casa, ma al 15′ è il Kenya ad andare in meta con Ambaka, dopo due fiammate offensive della Namibia che avevano portato solo a tre punti dalla piazzola. I padroni di casa mantengono il pallino del gioco per la maggior parte del tempo e lavorano molto con gli avanti, puntando a sorprendere i Simbas caricando sulle loro spalle interne mentre la difesa scivola al largo.

Dopo la meta subita, i Welwitschias martellano con insistenza sui 5 metri kenioti, rompendo gli argini al 24′: de la Harpe perde il pallone a contatto, l’estremo Botha è il più lesto ad avventarsi sull’ovale e a schiacciare per il 10-7. La Namibia sa di poter essere molto efficace quando corre in verticale, vista la superiorità fisica di gran parte della sua squadra: al 28′, gli uomini in blu recuperano un pallone a metà campo e a suon di cariche a testa bassa arrivano fino in area di meta con van der Westhuizen per il 17-7.

Il Kenya prova a rendersi pericoloso provando ad allargare il gioco, ma una buona corsa di Kllonzo si conclude con un turnover. Dai propri 22, i Welwitschias ripartono in maniera devastante con Tromp che si infila in mezzo a due, mentre il sostegno e l’offload successivo di Uanivi lancia in campo aperto Venter: la difesa keniota non riesce a riorganizzarsi e per Loubser è un gioco da ragazzi sfruttare i buchi lasciati e segnare il 22-7.

La partita è in discesa per la Namibia, che infatti ad inizio ripresa va oltre ancora con van der Westhuizen al 42′ grazie ad una devastante rolling maul. La risposta del Kenya arriva con la doppietta di Ambaka, ma la Namibia ristabilisce le distanze marcando il 39-14 con Tjeriko. Con la partita ormai indirizzata, le difese si aprono e gli spazi per gli attacchi aumentano; negli ultimi venti minuti le due squadre marcano due mete per parte e il match si chiude sul 53-28.

La Namibia, dunque, è già in Giappone; il Kenya giocherà il torneo di ripescaggio mondiale contro Canada, Hong Kong e Germania, la cui vincitrice ritroverà proprio All Blacks, Springboks, Italia e Namibia nel girone iridato.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Eddie Jones sulla finale mondiale: “Nella mia testa la rivedo ogni giorno”

Il CT dell'Inghilterra è tornato sulla partita persa contro gli Springboks, ammettendo che "mi sembra di vedere la Coppa davanti a me"

12 Novembre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

La multa per la risposta inglese all’haka è “colpa” di Joe Marler

Il pilone inglese ha raccontato - con la consueta grande personalità - di aver mal interpretato il piano studiato la sera prima del match

9 Novembre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Rugby World Cup: Scozia multata di 70mila sterline per la vicenda Hagibis

La federazione minacciò di intentare causa alla federazione internazionale se non si fosse disputata la gara del girone A

7 Novembre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Slow Motion – Speciale RWC: la meta più bella della fase finale

I 90 abbaglianti secondi che sono serviti all'Inghilterra per prendere la testa della semifinale, raccontati nel dettaglio

6 Novembre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Springboks, Tendai Mtawarira saluta la nazionale

Il pilone si ritira dal rugby internazionale dopo la vittoria da protagonista del trofeo più importante

6 Novembre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

La storia unica di Makazole Mapimpi, campione del mondo

Cresciuto molto lontano dal rugby che conta, a 27 anni non aveva mai avuto un contratto professionistico. È diventato titolare e protagonista negli Sp...

6 Novembre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019