Test Match: Steve Hansen chiede maggior chiarezza a World Rugby sulle regole arbitrali

All’allenatore degli All Blacks sono rimasti parecchi dubbi sulle decisioni prese dai vari direttori di gara nelle sfide alla Francia

hansen

ph. Reuters

Il giugno internazionale dei Test Match si è di fatto concluso, eppure le polemiche non sembrano placarsi. Nonostante la netta vittoria per 3-0 nella serie, il coach della Nuova Zelanda Steve Hansen è voluto tornare sulla sfida contro la Francia analizzandone gli aspetti arbitrali, che nell’Emisfero Sud sono stati definiti come controversi: “Il gioco sta cambiando – ha affermato rivolgendosi a World Rugby – ed è arrivato il momento di fare qualcosa. Questo deve essere il prossimo obiettivo che, come movimento mondiale, dobbiamo prefissarci”.

Un esordio dialettico a cui ha fatto seguito una specifica sul TMO e sul metro di giudizio: “Sta diventando troppo influente, si gioca molto di meno e le decisioni diventano poco chiare. Non si capisce chi ha viste determinate cose e chi stia decidendo A questo punto – prosegue –forse sarebbe il caso di pensare all’introduzione di un Challenge (in stile Football Americano, ndr): ogni squadra ne avrebbe uno o due per tempo, da poter sfruttare in caso di episodi dubbi”.
E’ chiaro che i casi del cartellino rosso di Benjamin Fall, del doppio fallo non sanzionato a Sam Cane e Ofa Tu’ungafasi e della meta di Damian McKenzie (avvenuta con l’involontaria, ma decisiva complicità dell’arbitro) abbiano alzato un polverone.

Hansen infine conclude: “Non è facile avere contatti con World Rugby, su questi argomenti; anche perchè immagino che abbiano un “codice di precedenza” che avrà gli stessi direttori di gara come primi interlocutori sulle regole del gioco, ma io ho parlato anche gli arbitri ed in particolare con Angus Gardner durante una delle partite e anche lui mi è sembrato a volte incerto sul da farsi. Spero che prevalga il buon senso, per tutti”.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterGoogle+Pinterest
item-thumbnail

L’ultima vittoria di Sam Warburton

Che non ha portato ad una vittoria, ma al pareggio più memorabile nella storia recente del rugby

item-thumbnail

Sfruttare le fasi statiche in modo creativo

Mischia e touche sono sempre più utilizzate per lanciare schemi elaborati e fantasiosi. Due esempi dall'ultima stagione

item-thumbnail

Australia: i dubbi e le certezze di Michael Cheika

Dalla finestra estiva è uscita una nazionale sconfitta ma forte, in crescita e in grado di mettere in difficoltà anche i migliori

item-thumbnail

Israel Folau è stato squalificato per una giornata

La Federazione australiana ha già presentato ricorso. Punito il contrasto aereo con Peter O'Mahony nell'ultimo Test Match

item-thumbnail

Giappone, verso la World Cup c’è ottimismo: “Siamo sulla strada giusta. Puntiamo ai quarti di finale”

A parlare è stato coach Jamie Joseph, che traccia la rotta verso l'appuntamento iridato da giocarsi in casa

item-thumbnail

Una vittoria non fa primavera: cosa succede all’Inghilterra di Eddie Jones

Dialogo appassionato sui problemi della nazionale inglese dopo la vittoria di Cape Town che ha portato la serie di giugno sul 2 a 1