Test Match: Irlanda e Australia a Sydney per decidere la serie

La sfida più in equilibrio di questo giugno mondiale arriva al momento clou con il suo terzo episodio

ph. Reuters

E’ stata la serie più interessante e quella maggiormente in equilibrio, quella dove l’Irlanda ha scoperto di poter contare su qualche volto nuovo e quella dove l’Australia ha riscoperto il proprio valore. Oggi Australia e Irlanda scendono sul prato verde dell’Allianz Stadium di Sydney per decidere chi porterà a casa la serie che ha caratterizzato questa finestra internazionale di giugno.

Notizia dell’ultimo minuto è che l’Irlanda dovrà fare a meno di Sean Cronin. Il giocatore di Leinster avrebbe dovuto essere il terzo tallonatore a giocare titolare in tre partite, ma un infortunio lo ha fermato durante il captain’s run di ieri. Solo poco dopo le 8 del mattino italiane è stata confermata la sua indisponibilità, e la sua sostituzione con Niall Scannell, con Rob Herring a coprire il cambio in panchina.

L’assenza di Cronin si somma a due altre assenze importanti: Dan Leavy e Garry Ringrose. Joe Schmidt ha per tutta risposta innalzato il livello di fisicità della propria squadra, inserendo Bundee Aki in mezzo al campo al fianco di Robbie Henshaw e aggiungendo alla terza linea l’esuberanza di Jack Conan, scelto come numero 8 spostando CJ Stander a numero 6 e offrendo quindi a O’Mahony il ruolo di flanker dalla parte aperta.

Il reparto di terza linea e le relative competenze nel breakdown saranno ancora una volta l’ago della bilancia della partita. Nel primo test l’Australia ha lentamente preso il sopravvento grazie a David Pocock e ha portato a casa la partita, mentre nel secondo episodio un’Irlanda maggiormente pronta alla battaglia fisica ha saputo difendere a sufficienza il proprio possesso per aver ragione degli avversari.

Cambia qualcosa in proposito anche Michael Cheika, che inserisce Lukhan Tui in terza linea, al suo settimo cap ma alla prima da titolare con la maglia dell’Australia. Un’opzione per la rimessa laterale ma soprattutto un giocatore fisico per andare a contrastare gli avversari proprio in quel frangente di cui si parlava. A ulteriore dimostrazione dell’importanza della battaglia fra i due pacchetti di mischia nei raggruppamenti a terra, Cheika porta ben due terze linee in panchina: Ned Hanigan e Pete Samu. Partenza obbligatoria fra i titolari, invece, per Nick Phipps, visto l’infortunio a Will Genia, grave perdita da parte Wallabies.

Punti d’incontro quindi fondamentali per portare a casa la partita, con un accento sulla direzione di gara di Pascal Gauzère. La prima squadra che saprà adattarsi al metro arbitrale del francese potrà essere più disciplinata e non offrire opportunità offensive agli avversari. Soprattutto l’Australia ha dimostrato di dover migliorare in questo. Se gli australiani metteranno a posto la disciplina, potranno contare su una squadra che nella linea arretrata ha un tasso di talento maggiore grazie alla forma di Kurtley Beale e alla classe di Israel Folau. L’Irlanda è più quadrata e organizzata, con un grande appetito per partite di questo tipo. Difficile prevedere il risultato, che sarà probabilmente in bilico fino alla fine.

Diretta su Sky Sport 2 alle 11:25.

 

Australia: 15 Israel Folau, 14 Dane Haylett-Petty, 13 Samu Kerevi, 12 Kurtley Beale, 11 Marika Koroibete, 10 Bernard Foley, 9 Nick Phipps, 8 David Pocock, 7 Michael Hooper (c), 6 Lukhan Tui, 5 Adam Coleman, 4 Izack Rodda, 3 Sekope Kepu, 2 Brandon Paenga-Amosa, 1 Scott Sio
A disposizione: 16 Tolu Latu, 17 Tom Robertson, 18 Taniela Tupou, 19 Rob Simmons, 20 Ned Hanigan, 21 Pete Samu, 22 Joe Powell, 23 Reece Hodge

Irlanda: 15 Rob Kearney, 14 Keith Earls, 13 Robbie Henshaw, 12 Bundee Aki, 11 Jacob Stockdale, 10 Johnny Sexton, 9 Conor Murray, 8 Jack Conan, 7 Peter O’Mahony, 6 CJ Stander, 5 James Ryan, 4 Devin Toner, 3 Tadhg Furlong, 2 Niall Scannell, 1 Jack McGrath
A disposizione: 16 Rob Herring, 17 Cian Healy, 18 John Ryan, 19 Tadhg Beirne, 20 Jordi Murphy, 21 Kieran Marmion, 22 Ross Byrne, 23 Jordan Larmour

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterGoogle+Pinterest
item-thumbnail

L’ultima vittoria di Sam Warburton

Che non ha portato ad una vittoria, ma al pareggio più memorabile nella storia recente del rugby

item-thumbnail

Sfruttare le fasi statiche in modo creativo

Mischia e touche sono sempre più utilizzate per lanciare schemi elaborati e fantasiosi. Due esempi dall'ultima stagione

item-thumbnail

Australia: i dubbi e le certezze di Michael Cheika

Dalla finestra estiva è uscita una nazionale sconfitta ma forte, in crescita e in grado di mettere in difficoltà anche i migliori

item-thumbnail

Israel Folau è stato squalificato per una giornata

La Federazione australiana ha già presentato ricorso. Punito il contrasto aereo con Peter O'Mahony nell'ultimo Test Match

item-thumbnail

Giappone, verso la World Cup c’è ottimismo: “Siamo sulla strada giusta. Puntiamo ai quarti di finale”

A parlare è stato coach Jamie Joseph, che traccia la rotta verso l'appuntamento iridato da giocarsi in casa

item-thumbnail

Test Match: Steve Hansen chiede maggior chiarezza a World Rugby sulle regole arbitrali

All'allenatore degli All Blacks sono rimasti parecchi dubbi sulle decisioni prese dai vari direttori di gara nelle sfide alla Francia