Sei Nazioni 2018: gli highlights di Italia-Scozia

Tutte le azioni più belle del pomeriggio dello Stadio Olimpico

Il Sei Nazioni 2018 in salsa azzurra è ufficialmente andato in archivio dopo l’ultima sfida casalinga contro la Scozia. Una partita dai due volti, dominata, sino all’ora di gioco, da un’Italia estremamente qualitativa, in grado di proporre con continuità pericoli nei 22 metri avversari, vincere spesso l’impatto nelle collisioni e controllare con discreta facilità le fasi statiche del match. Poi, però, complice l’indisciplina italiana, e una panchina di primo livello per la banda di Townsend, la Scozia è riuscita ad invertire la rotta del match, effettuando il sorpasso decisivo proprio sul filo di lana, con il piazzato di Laidlaw.

Leggi ancheSei Nazioni 2018: Italia, la parola agli Azzurri;

Riviviamo, dunque, tutte le emozioni del pomeriggio romano con gli highlights dell’incontro:

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterGoogle+Pinterest
TAG:
item-thumbnail

Danny Wilson rinuncia ai Wasps e diventa assistant coach della Scozia

L'ex coach dei Cardiff Blues aveva firmato con gli inglesi a dicembre, ma non inizierà nemmeno la sua avventura a Coventry

18 giugno 2018 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Il Sei Nazioni 2018: a Roma un successo organizzativo da record

Ecco i numeri delle due partite casalinghe dell'Olimpico

item-thumbnail

Quanti giocatori sono scesi in campo subito dopo il Sei Nazioni?

Quasi tutti gli eroi del Grande Slam sono rimasti a riposo, a differenza degli inglesi. Solo Parisse e Ghiraldini gli azzurri in campo

item-thumbnail

Sei Nazioni 2018: Galles al secondo posto, fra certezze e dubbi

I Dragoni hanno vinto tutte le partite casalinghe del Torneo, mostrando un gioco a tratti spettacolare, ma il cantiere è ancora aperto

item-thumbnail

Sei Nazioni 2018: è Jacob Stockdale il miglior giocatore del torneo

L'irlandese batte i suoi compagni di squadra. Matteo Minozzi chiude in quinta posizione

item-thumbnail

Sei Nazioni 2018: Scozia, il futuro non è più un’ipotesi

I Dark Blues chiudono al terzo posto un Torneo che può essere il trampolino di lancio per la RWC