Peter De Villiers ha accusato la SARU di ostacolare il suo ingaggio con lo Zimbabwe

L’ex CT degli Springboks punta il dito contro i suoi ex datori di lavoro

ph. Reuters

Tra Peter de Villiers e la Federazione sudafricana la frattura non si è mai sanata, nonostante siano passati quasi sette anni dalla fine del suo contratto con la SARU. Il nuovo CT dello Zimbabwe, che de Villiers proverà a condurre ai Mondiali 2019, ha infatti accusato i suoi ex datori di lavoro di ostacolare il suo nuovo possibile ingaggio.

De Villiers ha puntato pesantemente il dito contro il governo Springbok, secondo lui reo di averlo inserito in una ‘blacklist’ e di aver provato a dissuadere la Zimbabwe Rugby Union dall’assumerlo come nuovo head coach dei Sables.

Al Citizen, il 60enne si è detto “contento di essere il nuovo coach dello Zimbabwe. Mi conforta, perché non sono il benvenuto nel mio Paese, perciò l’ho lasciato. La prima cosa che farò quando arriverò lì sarà imparare l’inno nazionale, perché loro mi vogliono. Gli Springboks no”.

De Villiers poi racconta i retroscena della presunta azione di disturbo operata dalla Federazione sudafricana: “La Zimbabwe Rugby Union mi ha chiamato, dicendomi che c’era un problema, ovvero che la SARU mi aveva inserito in una lista nera e loro non avrebbero potuto ingaggiarmi”.

Non sarebbe nemmeno il primo episodio, stando alle sue parole. “Quando Boland (club della Currie Cup, ndr) ha provato a contattarmi per diventare il loro allenatore (nel 2016, ndr), qualcuno dalla Federazione ha offerto loro 2 milioni di rand (circa 130mila euro) per non mettermi sotto contratto. E un Union come quella non avrebbe potuto dire di no a un’offerta del genere”.

Nonostante alcuni buoni risultati, come una vittoria in Nuova Zelanda e una serie vinta contro i British & Irish Lions, il coach degli Springboks tra il 2008 e il 2011 ha lasciato tutt’altro che un buon ricordo nel suo Paese d’origine. A pesare erano state soprattutto le diverse esternazioni fatte alla stampa nel corso del suo mandato, sia per questioni prettamente rugbistiche sia extra campo dal tono razziale.

La sua nuova missione alla guida dello Zimbabwe si annuncia particolarmente difficile per de Villiers. I Sables sono tra le sei squadre (insieme a Namibia, Kenya, Marocco, Tunisia e Uganda) che si giocheranno un posto per la Coppa del Mondo in Giappone nell’Africa Gold Cup 2018. La vincente del girone si qualificherà come Africa 1, insieme a Nuova Zelanda, Sudafrica e Italia, mentre la seconda andrà al ripescaggio.

 

“So che sarà molto difficile, è un lavoro più grosso rispetto a quello degli Springboks perché il 95% delle persone lì si aspettano un mio fallimento – ha aggiunto de Villiers – “In Zimbabwe, la pressione è molto maggiore e non voglio rovinare le loro speranze. Io rido di fronte al pericolo”.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterGoogle+Pinterest
item-thumbnail

Rugby World Cup: annunciate le sedi del ritiro azzurro

Quattro sedi di ritiro diverse, con la principale a Fukuoka. Per i tifosi è giunta l'ora di fare i biglietti

20 aprile 2018 Rugby Mondiale / Rugby World Cup
item-thumbnail

Sevens World Series femminili, giro di boa a Kitakyushu

Australia finora imbattuta, ma Black Ferns cariche dopo la vittoria ai Commonwealth Games

20 aprile 2018 Rugby Mondiale / Sevens World Series
item-thumbnail

Dal Mondiale 7s alla Rugby World Cup 2027: Stati Uniti, una scintilla da far scoccare

Dal Campionato del Mondo di San Francisco al torneo iridato fra 9 anni: un passo non impossibile

11 aprile 2018 Rugby Mondiale / Rugby World Cup
item-thumbnail

All’Arena Civica con Francois Pienaar

Con lo storico capitano degli Springboks, in Italia per un evento, abbiamo parlato del momento ovale sudafricano

10 aprile 2018 Rugby Mondiale
item-thumbnail

Sevens World Series: Fiji domina di nuovo ad Hong Kong

Quarta vittoria consecutiva degli isolani in Asia. Finale di stagione decisamente aperto

item-thumbnail

Sevens World Series, ad Hong Kong per scrivere la storia

Il torneo nell’ex colonia britannica è il più prestigioso appuntamento del circuito mondiale a Sette