Francia, fra concussion e il post Edimburgo: un responso e l’avvio di un’indagine interna

In casa transalpina è arrivata la risposta alle presunte concussion, mentre sulla questione scozzese è intervenuta la Federazione

ph. Sebastiano Pessina

È una Francia nel segno del due quella che ha cominciato il Sei Nazioni 2018:

  • 2 sconfitte in 2 partite;
  • 2 punti di bonus difensivo raccolti;
  • 2 casi da risolvere fuori dal campo.

Ed è proprio su questo ultimo punto che tra media locali e Federazione Francese, Oltralpe v’è il maggior fermento.
Il Board e la Commissione Medica del Sei Nazioni infatti si sono espressi sul caso “presunte concussion” della partita d’esordio contro l’Irlanda a Parigi, di dieci giorni fa circa comunicando che, dopo un’attenta revisione, gli infortuni occorsi a Jalibert e Dupont non fossero “stati creati” dallo staff medico di Brunel per trarne un vantaggio ma che il protocollo relativo agli infortuni alla zona della testa fosse stato applicato direttamente dal medico indipendente previsto dall’organizzazione del torneo stesso. In ogni caso, gli organi decisionali in questione si sono espressi richiedendo maggiore attenzione in futuro per evitare che si possano ripetere casi dubbi come questo.

Sulle vicende di Edimburgo invece, la Federazione Francese è intervenuta con un duro comunicato dove si esprime appoggio incondizionato per le decisioni prese da Jacques Brunel  – facendo capire che un forte danno di immagine è stato recato a tutto il movimento transalpino –  ed ufficializzando l’apertura di un’indagine interna, condotta dal Segretario Generale della FFR Christian Dullin, al fine di risolvere la questione con la possibilità di infliggere sanzioni personalizzate ai responsabili della pessima condotta.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Perché Rory Best non canta mai gli inni irlandesi

Il capitano della nazionale irlandese, senza mancare d'ironia, ha spiegato il motivo per cui rimane sempre in silenzio

14 Agosto 2019 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Il Sei Nazioni è vicino ad un accordo da 500 milioni di sterline con CVC

la società d’investimento starebbe per acquisire una quota di minoranza (attorno al 15%)

13 Luglio 2019 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

“La retrocessione al Sei Nazioni? Per ora è impraticabile”

Lo dice Bill Sweeney, il nuovo CEO della federazione inglese, al debriefing stagionale a Twickenham

14 Giugno 2019 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Italia: Ghiraldini operato, comincia la corsa alla Rugby World Cup

Il tallonatore azzurro si è sottoposto all'operazione a Roma e proseguirà la riabilitazione a Tolosa

item-thumbnail

Sei Nazioni 2019: cosa ci dicono i numeri di fine torneo

Il Galles bada al sodo, puntando sulla propria grande difesa. Tra i singoli spicca Braam Steyn nelle statistiche individuali

item-thumbnail

Sei Nazioni 2019: Alun Wyn Jones vince il premio come miglior giocatore del torneo

Il capitano del Dragoni diventa il quinto gallese ad ottenere questo riconoscimento