Italia, Conor O’Shea: “Voglio che i miei giochino la miglior partita che possono”

Il commissario tecnico della nazionale ha risposto alle domande dei giornalisti dopo l’annuncio della formazione

ph. Sebastiano Pessina

E’ un Conor O’Shea determinato quello che è apparso ieri di fronte ai microfoni dei giornalisti irlandesi per l’annuncio dei 23 giocatori che scenderanno in campo sabato pomeriggio contro l’Irlanda nel catino dell’Aviva Stadium. L’head coach dell’Italia non ha intenzione di lasciare niente al caso e di non concedere niente di facile alla  nazionale che, nel suo passato da giocatore, gli ha regalato 35 caps internazionali fra il 1993 ed il 2000.

“Voglio che i miei giocatori giochino la migliore partita che possono e poi quello che sarà, sarà. Se noi giochiamo al meglio e l’Irlanda gioca al meglio, vincerà l’Irlanda, punto.”

“Per questo dobbiamo giocare al meglio del nostro potenziale – ha detto O’Shea alla stampa intervenuta – Lo sport è una cosa molto, molto strana.”

“L’energia è una cosa che cambia durante la medesima partita, pensate anche alla scorsa settimana: sul 20 a 10 Tommaso Boni si vede annullare la meta, concediamo un calcio di punizione in mischia, concediamo un calcio di punizione in rimessa laterale, e poi loro segnano da un’altra rimessa laterale, 27 a 10 al minuto 56. Il gioco è questo: ogni momento conta.”

“Joe (Schmdt, ndr) ha un gruppo di giocatori eccezionale a disposizione e alcuni dei miglior finishers, per citare Eddie Jones, del gioco, ma noi daremo assolutamente tutto quello che abbiamo. Continueremo il percorso che stiamo intraprendendo: vogliamo fare qualcosa di speciale nel breve termine con questo gruppo, nel corso dei prossimi due anni.”

Leggi anche: La formazione dell’Italia per la seconda giornata

Conor O’Shea ha voluto soffermarsi inoltre sul suo approccio sempre pieno di fiducia e ottimista nei confronti della propria squadra, spiegandone le motivazioni.

“Abbiamo migliorato la competizione e la profondità: ci sono giocatori che non sono qui come Sarto, Esposito, Campagnaro, Gega, Fuser, Padovani, tutti questi ragazzi che sono infortunati adesso, e abbiamo questi giovani che stanno crescendo. Non parlerei con questo fervore se non vedessi i cambiamenti che stiamo facendo, se non sentissi che c’è una prospettiva futura. Sono molto eccitato dall’idea di contribuire a fare dell’Italia il paese che dovrebbe essere.”

L’head coach degli Azzurri ha poi risposto ad una domanda diretta di un giornalista irlandese su Jordan Larmour, apprezzandone le doti, ma riportando i riflettori sulla propria squadra: “Sarà divertente da vedere se entrerà in campo, anche noi abbiamo fatto giocare un estremo di 21 anni che ha allo stesso modo un ottimo gioco di piedi e che ha dato vita ad una gran prestazione la settimana scorsa.”

 

 

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterGoogle+Pinterest
item-thumbnail

Il Sei Nazioni 2018: a Roma un successo organizzativo da record

Ecco i numeri delle due partite casalinghe dell'Olimpico

item-thumbnail

Quanti giocatori sono scesi in campo subito dopo il Sei Nazioni?

Quasi tutti gli eroi del Grande Slam sono rimasti a riposo, a differenza degli inglesi. Solo Parisse e Ghiraldini gli azzurri in campo

item-thumbnail

Sei Nazioni 2018: Galles al secondo posto, fra certezze e dubbi

I Dragoni hanno vinto tutte le partite casalinghe del Torneo, mostrando un gioco a tratti spettacolare, ma il cantiere è ancora aperto

item-thumbnail

Sei Nazioni 2018: è Jacob Stockdale il miglior giocatore del torneo

L'irlandese batte i suoi compagni di squadra. Matteo Minozzi chiude in quinta posizione

item-thumbnail

Sei Nazioni 2018: Scozia, il futuro non è più un’ipotesi

I Dark Blues chiudono al terzo posto un Torneo che può essere il trampolino di lancio per la RWC

item-thumbnail

Sei Nazioni 2018: la Francia ha fatto pace con se stessa

Un Sei Nazioni in ripresa per la nuova nazionale di Jacques Brunel, dopo le turbolenze a cavallo del nuovo anno