Sei Nazioni 2018: Galles, fatta la formazione per l’Inghilterra

I dragoni scelti per la battaglia di Twickenham

ph. Reuters

Warren Gatland ha annunciato ufficialmente la formazione gallese in vista della seconda sfida dei dragoni in questo Sei Nazioni, in casa dell’Inghilterra. Il tecnico neozelandese ha confermato in blocco i 15 titolari che hanno vinto nettamente contro la Scozia all’esordio, mantenendo invariati anche sette ottavi della panchina. L’unico avvicendamento è quello tra Watkin e Geroge North, con il trequarti dei Saints che ha pienamente recuperato dai problemi fisici.

Gatland ha commentato così le proprie scelte in vista del match probabilmente più importante e complesso del torneo gallese: “E’ semplicemente fantastico poter schierare un XV di partenza invariato. I ragazzi si sono ampiamente meritati questa conferma grazie alla performance notevole di sabato. Abbiamo fatto solo un cambio in panchina, con George al posto di Watkin. So che per Owen (Watkin) è una scelta tosta, ma Adams ha fornito una grande prova contro la Scozia e North ci da più copertura in quella zona di campo”.

L’head coach delle ultime due serie dei Lions, poi, ha analizzato anche la sfida agli inglesi più nel dettaglio: “Sappiamo che sarà una vera battaglia. Il loro pack ci testerà, sarà un duello stimolante. L’Inghilterra è in uno stato di forma eccellente da un paio di stagioni, siamo consci della sfida che ci aspetta, ma in queste settimane ci siamo allenati molto bene”.

Leggi anche: Sei Nazioni 2018: la formazione ideale di On Rugby per la prima giornata;

Galles:15 Leigh Halfpenny, 14 Josh Adams, 13 Scott Williams, 12 Hadleigh Parkes, 11 Steff Evans, 10 Rhys Patchell, 9 Gareth Davies, 8 Ross Moriarty, 7 Josh Navidi, 6 Aaron Shingler, 5 Alun Wyn Jones (c), 4 Cory Hill, 3 Samson Lee, 2 Ken Owens, 1 Rob Evans;
A disposizione: 16 Elliot Dee, 17 Wyn Jones, 18 Tomas Francis, 19 Bradley Davies, 20 Justin Tipuric, 21 Aled Davies, 22 Gareth Anscombe, 23 George North;

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Perché Rory Best non canta mai gli inni irlandesi

Il capitano della nazionale irlandese, senza mancare d'ironia, ha spiegato il motivo per cui rimane sempre in silenzio

14 Agosto 2019 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Il Sei Nazioni è vicino ad un accordo da 500 milioni di sterline con CVC

la società d’investimento starebbe per acquisire una quota di minoranza (attorno al 15%)

13 Luglio 2019 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

“La retrocessione al Sei Nazioni? Per ora è impraticabile”

Lo dice Bill Sweeney, il nuovo CEO della federazione inglese, al debriefing stagionale a Twickenham

14 Giugno 2019 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Italia: Ghiraldini operato, comincia la corsa alla Rugby World Cup

Il tallonatore azzurro si è sottoposto all'operazione a Roma e proseguirà la riabilitazione a Tolosa

item-thumbnail

Sei Nazioni 2019: cosa ci dicono i numeri di fine torneo

Il Galles bada al sodo, puntando sulla propria grande difesa. Tra i singoli spicca Braam Steyn nelle statistiche individuali

item-thumbnail

Sei Nazioni 2019: Alun Wyn Jones vince il premio come miglior giocatore del torneo

Il capitano del Dragoni diventa il quinto gallese ad ottenere questo riconoscimento