Sei Nazioni 2018: la Francia alle prese con tre pesanti infortuni

Per la Scozia sono fuori in tre (e per Dupont la stagione è finita). Richiamati Beauxis, Picamoles e un esordiente

francia

ph. Reuters

L’esordio della Francia nel Sei Nazioni 2018 va anche oltre la beffa del chilometrico drop di Sexton al minuto 83. Notizie ben peggiori, infatti, arrivano dallo staff medico in vista della seconda sfida nel torneo contro la Scozia a Murrayfield. Jacques Brunel dovrà fare a meno di Kevin Gourdon, uno dei migliori contro l’Irlanda, Antoine Dupont e Mathieu Jalibert, l’apertura classe 1998 che ha debuttato proprio sabato allo Stade de France.

L’infortunio meno grave è toccato al terza linea Gourdon: il 28enne ha riportato una distorsione alla caviglia e resterà fuori per tre settimane, che mette in dubbio la sua presenza anche per la sfida a Marsiglia contro l’Italia. Più pesanti i bollettini per Jalibert e Dupont. Il primo, uscito per un duro impatto ginocchio contro ginocchio con Aki, ha subito la parziale rottura del legamento posteriore dell’articolazione sinistra: per lui il Sei Nazioni dovrebbe essere già finito.

Si è conclusa a Saint-Denis, invece, l’intera stagione del 21enne Dupont, sulla cui sostituzione sono nate diverse polemiche in quanto è stato applicato il protocollo della concussion che ha così permesso a Maxime Machenaud di rientrare in campo. Il mediano di mischia ha subito la rottura dei legamenti crociati anteriori, a causa della quale potrà tornare a giocare soltanto nel 2018/2019.

I sostituti

Tra i nomi scelti per rimpiazzare i tre indisponibili, spicca soprattutto il nome di Lionel Beauxis. Il 32enne del Lione aveva ottenuto il suo ultimo dei 20 cap in Nazionale nel 2012, ma ora Brunel ha dovuto fare di necessità virtù richiamando anche uno dei veterani del Top 14.

Si rivede anche Louis Picamoles, lasciato fuori dalla prima lista di convocati un po’ a sorpresa: il 31enne terza linea del Montpellier è a quota 68 presenze con la maglia dei Bleus e potrà contribuire alla causa con le sue rinomate doti da ball carrier.

Al posto di Dupont, invece, Brunel ha scelto un esordiente. Si tratta di Baptiste Couilloud, mediano 20enne in forza al Lione con cui ha collezionato 17 presenze e 7 mete in stagione.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Perché Rory Best non canta mai gli inni irlandesi

Il capitano della nazionale irlandese, senza mancare d'ironia, ha spiegato il motivo per cui rimane sempre in silenzio

14 agosto 2019 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Il Sei Nazioni è vicino ad un accordo da 500 milioni di sterline con CVC

la società d’investimento starebbe per acquisire una quota di minoranza (attorno al 15%)

13 luglio 2019 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

“La retrocessione al Sei Nazioni? Per ora è impraticabile”

Lo dice Bill Sweeney, il nuovo CEO della federazione inglese, al debriefing stagionale a Twickenham

14 giugno 2019 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Italia: Ghiraldini operato, comincia la corsa alla Rugby World Cup

Il tallonatore azzurro si è sottoposto all'operazione a Roma e proseguirà la riabilitazione a Tolosa

item-thumbnail

Sei Nazioni 2019: cosa ci dicono i numeri di fine torneo

Il Galles bada al sodo, puntando sulla propria grande difesa. Tra i singoli spicca Braam Steyn nelle statistiche individuali

item-thumbnail

Sei Nazioni 2019: Alun Wyn Jones vince il premio come miglior giocatore del torneo

Il capitano del Dragoni diventa il quinto gallese ad ottenere questo riconoscimento