Sei Nazioni 2018: l’Inghilterra non vuole sorprese, dentro le certezze

Eddie Jones sceglie il miglior XV a disposizione rinunciando agli esperimenti. Si rivede Te’o

eddie jones

ph. Sebastiano Pessina

Eddie Jones ha scelto un XV collaudato, al netto degli infortuni, per evitare qualsiasi sorpresa gli Azzurri possano avergli preparato nella sua terza sfida contro l’Italia da head coach della nazionale inglese, valida per la prima giornata del Sei Nazioni 2018.

Un’Inghilterra solida che si affida ai senatori a partire dalla linea arretrata, dove Mike Brown è affiancata da Jonny May e Anthony Watson.

L’unica piccola sorpresa si ha fra i centri, dove Ben Te’o ottiene il suo secondo cap da titolare proprio contro l’Italia, come lo scorso anno ottenne il primo. Il centro di origine neozelandese vestirà la maglia numero 13, mentre rimane in panchina Jonathan Joseph, le cui quotazioni agli occhi di Jones sembrano essere in caduta libera negli ultimi mesi.

Owen Farrell sarà ancora una volta il primo centro della Rosa, con Youngs e Ford in cabina di regia. Come previsto, viste le assenze di Billy Vunipola e Nathan Hughes, sarà il terza centro degli Exeter Chiefs Sam Simmonds a portare la maglia numero 8.

Courtney Lawes viene scelto come terza linea, mentre Maro Itoje si accomoda in seconda, in un’altra soluzione già sperimentata dall’Inghilterra. Completano i rispettivi reparti Chris Robshaw, che è riuscito a recuperare dagli acciacchi e batte la concorrenza di Sam Underhill, e Joe Launchbury.

In prima linea Mako Vunipola, Dylan Hartley e Dan Cole sono ancora una volta incaricati di portare avanti il pack nelle fasi ordinate. La carenza di ricambi di esperienza per infortuni e squalifiche (Joe Marler) ha spinto Eddie Jones a selezionare come finishers, come piace definirli all’ex tecnico dell’Australia e del Giappone (è scritto anche nel comunicato ufficiale), due prime linee di limitata esperienza internazionale: Harry Williams a destra (5 caps) e Alec Hepburn a sinistra (esordiente), entrambi provenienti da Exeter.

Ho scelto la miglior squadra possibile per giocare contro l’Italia – ha detto Jones – La nostra preparazione nelle ultime due settimane è stata eccellente e i giocatori si sentono rinfrescati. Vogliamo cominciare bene il torneo e siamo pronti ad andare a caccia dell’Italia.”

“Sappiamo che dobbiamo fare bene nelle fasi di conquista, essere forti difensivamente e giocare con aggressività ed energia.”

Inghilterra: 15 Mike Brown, 14 Anthony Watson, 13 Ben Te’o, 12 Owen Farrell, 11 Jonny May, 10 George Ford, 9 Ben Youngs, 8 Sam Simmonds, 7 Chris Robshaw, 6 Courtney Lawes, 5 Maro Itoje, 4 Joe Launchbury, 3 Dan Cole, 2 Dylan Hartley (c), 1 Mako Vunipola
A disposizione: 16 Jamie George, 17 Alec Hepburn, 18 Harry Williams, 19 George Kruis, 20 Sam Underhill, 21 Danny Care, 22 Jonathan Joseph, 23 Jack Nowell

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

Sei Nazioni femminile: Inghilterra ancora rullo compressore, l’Irlanda si rialza

Red Roses mai in difficoltà contro la Scozia malgrado un altro cartellino rosso, il Galles cade a Cork

14 Aprile 2024 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Due Azzurri nel XV ideale del Sei Nazioni 2024

Reso noto il Team of the Championship, dove l'Irlanda la fa da padrona e l'Italia ha più giocatori dell'Inghilterra

item-thumbnail

Scozia: fiducia in Gregor Townsend, nonostante tutto

Il capo allenatore rimane al suo posto, ma la federazione ha fatto intendere di non essere troppo soddisfatta dell'ultimo Sei Nazioni

item-thumbnail

Sei Nazioni femminile: la classifica dopo il secondo turno, balzo dell’Italia

La vittoria in Irlanda rilancia le Azzurre, e non solo nel ranking

item-thumbnail

Sei Nazioni Femminile: la sanzione disciplinare a Sarah Beckett dell’Inghilterra

La giocatrice inglese si era resa protagonista di un intervento scorretto ai danni di Michela Sillari

item-thumbnail

Sei Nazioni: Lorenzo Pani candidato per la miglior meta del Torneo

Tra le quattro marcature in corsa per il titolo di più bella c'è quella dell'Azzurro contro il Galles