Conor O’Shea: il CT sta per uno

Il tecnico azzurro aveva previsto il XV scelto da Eddie Jones quasi per intero

Come ricordato su Twitter dall’account ufficiale della FIR, in occasione della presentazione a Londra del Sei Nazioni 2018 il CT degli Azzurri Conor O’Shea, in risposta a una domanda dell’intervistatore che chiedeva se fosse il momento propizio per affrontare l’Inghilterra vista la crisi di infortuni che ha colpito la nazionale di Eddie Jones, aveva risposto con un sorriso beffardo: “E’ una crisi di infortuni, questa?”

Aveva poi proseguito snocciolando la possibile formazione dell’Inghilterra per la sfida di domenica prossima. Adesso che l’annuncio del XV della Rosa è avvenuto, possiamo stabilire che il coach si è sbagliato di poco, cadendo soltanto sul secondo centro, la piccola sorpresa di Jones, che ha scelto Ben Te’o al posto di Jonathan Joseph.

Leggi anche: L’Inghilterra non vuole sorprese, dentro le certezze

Riprovaci coach, sarai più fortunato!
 



 

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterGoogle+Pinterest
item-thumbnail

Il Sei Nazioni 2018: a Roma un successo organizzativo da record

Ecco i numeri delle due partite casalinghe dell'Olimpico

item-thumbnail

Quanti giocatori sono scesi in campo subito dopo il Sei Nazioni?

Quasi tutti gli eroi del Grande Slam sono rimasti a riposo, a differenza degli inglesi. Solo Parisse e Ghiraldini gli azzurri in campo

item-thumbnail

Sei Nazioni 2018: Galles al secondo posto, fra certezze e dubbi

I Dragoni hanno vinto tutte le partite casalinghe del Torneo, mostrando un gioco a tratti spettacolare, ma il cantiere è ancora aperto

item-thumbnail

Sei Nazioni 2018: è Jacob Stockdale il miglior giocatore del torneo

L'irlandese batte i suoi compagni di squadra. Matteo Minozzi chiude in quinta posizione

item-thumbnail

Sei Nazioni 2018: Scozia, il futuro non è più un’ipotesi

I Dark Blues chiudono al terzo posto un Torneo che può essere il trampolino di lancio per la RWC

item-thumbnail

Sei Nazioni 2018: la Francia ha fatto pace con se stessa

Un Sei Nazioni in ripresa per la nuova nazionale di Jacques Brunel, dopo le turbolenze a cavallo del nuovo anno