Inghilterra, parla Sam Underhill: “Ho cambiato il mio approccio al placcaggio”

Il forte terza linea analizza le cause delle sue due concussion e la tecnica di placcaggio: un tema sempre più caldo

ph. Reuters

“Per me la più grande considerazione da fare è stato pensare a come mi preparo al contatto. E’ un gioco di numeri: se hai un gran numero di contatti dove la tua testa è in una posizione vulnerabile e sono forti contatti, hai più probabilità prima o poi di metterla nel posto sbagliato.”

Le parole sono di Sam Underhill, così come riportate dal Guardian. Il terza linea inglese è il favorito per l’ambita maglia numero sette della Rosa, nonostante le due concussion che l’hanno tenuto fuori per gran parte della stagione. Underhill è un flanker di grande fisicità, che esegue un gran numero di placcaggi in una partita, ma il fatto di essere stato fermo per ben due volte in un periodo di tempo ravvicinato a causa di traumi cranici aveva sollevato dei dubbi sulla sicurezza della sua tecnica di placcaggio.

“Non c’è nessun merito nel tentare di dare gran botte tutto il tempo, devi placcare efficientemente. Se dai delle gran botte, solo perché sei bravo in un tipo di placcaggio, non significa che tu sia un buon difensore – ha detto Underhill al quotidiano inglese, sottolineando la sua maturità nonostante i 21 anni appena – Avere una migliore coscienza della situazione significa essere più efficace.”

 

In un rugby sempre più fisico e con contatti sempre più estremi, soprattutto ad alto livello, sta crescendo l’attenzione sulla tecnica di placcaggio, essenziale a garantire la sicurezza dell’atleta contro colpi che potrebbero essere pericolosi. Troppe volte sui campi da rugby vediamo i giocatori impegnarsi in placcaggi tecnicamente sbagliati pur di essere sicuri di fermare l’avversario: un modo pericoloso e poco efficiente di mettere il proprio corpo a disposizione della squadra.

“Vuoi sempre aggiungere un elemento di fisicità – dice Underhill, con lucidità – ma l’importante è essere a proprio agio con differenti modi di placcare. Non tutti i placcaggi devono essere dei colpi forti. Guardate François Louw: può dare delle gran botte, ma anche essere un difensore molto intelligente. La sua continuità dimostra che avere un arsenale vario è più sostenibile.”

La sostenibilità diventa quindi un concetto chiave del rugby nel presente e nell’immediato futuro: da una fisicità grezza è necessario passare a impatti consapevoli. Non basta gettare il proprio corpo nella mischia, ma occorre farlo con consapevolezza per garantire una continuità e un approccio diverso a seconda delle situazioni, che non significa non vedere più autoscontri degni delle giostre, ma una crescita di tecnica individuale di ogni giocatore per applicare differenti placcaggi a seconda delle situazioni.

“Una bella botta è una cosa più che altro emotiva, ma è dura da sostenere ripetutamente durante una stagione. E’ dura essere sempre il giocatore più aggressivo in campo, ma puoi essere continuativamente il giocatore più intelligente.”

 

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Squalifica da record in francia: 35 settimane a Ludovic Radosavljevic

Lunghissimo stop inflitto al mediano di mischia, colpevole di aver pronunciato una terribile frase razzista nei confronti di un avversario

16 Settembre 2021 Emisfero Nord
item-thumbnail

La guida alla Premiership 2021/2022 da Bath ai London Irish

La prima parte della preview della nuova stagione del massimo campionato inglese

15 Settembre 2021 Emisfero Nord / Premiership
item-thumbnail

Com’è andata la seconda giornata di Top 14

Fra arbitri infortunati, vittorie in inferiorità numerica e vasche da bagno a bordo campo

15 Settembre 2021 Emisfero Nord / Top 14
item-thumbnail

Parisse annuncia il ritiro a fine stagione: “Non voglio tirare troppo la corda”

Uno dei giocatori più rappresentativi della storia del rugby italiano chiuderà col rugby giocato a fine stagione: nel futuro, la prospettiva di un ruo...

10 Settembre 2021 Emisfero Nord / Top 14
item-thumbnail

Tommy Allan titolare per l’amichevole di lusso fra Harlequins e Leinster

Importante test prestagione per le due squadre: il 10 azzurro torna ad affrontare Johnny Sexton

9 Settembre 2021 Emisfero Nord / Premiership
item-thumbnail

Top14: il 19 settembre si giocherà il “Trofeo Christophe Dominici”

Tolone e Stade Français onoreranno la memoria del grande trequarti francese durante le loro sfide del campionato transalpino

9 Settembre 2021 Emisfero Nord / Top 14