Il percorso speciale di Pasquali: intervista al pilone del Benetton

Con il romano abbiamo parlato di scelte di vita, della sua crescita ovale e pure del Leicester di Ranieri

pasquali benetton treviso

ph. Benetton Treviso

Tiziano Pasquali è, senza ombra di dubbio, un pilone di livello internazionale, ma anche, e forse soprattutto, un ragazzo dalla storia particolare, quasi iconica della sua bramosia di migliorarsi sempre, giorno dopo giorno, a caccia di nuovi traguardi, in campo e fuori. Lo abbiamo intervistato con altrettanto desiderio di scoprire tutte le sfaccettature del suo carattere e le pieghe della sua parabola sportiva e non.

Tiziano, partiamo dagli inizi. Dopo la gioventù romana, a 15 anni decidi di cambiare vita e di partire per la Scozia. Come e perché si arriva ad una scelta simile?

Una scelta simile arriva perché qui in Italia è impossibile riuscire a seguire scuola e sport allo stesso tempo. Non è stato facile, come potrete immaginare, ma non ho avuto altra possibilità. Volevo proseguire con lo studio ma al tempo stesso continuare con il rugby di alto livello, così, a 15 anni, ho lasciato casa e ho deciso di intraprendere l’avventura scozzese. Sono andato ad Edimburgo, e ho iniziato il mio percorso al Merchiston Castle School. Difficile trovare di meglio dal punto di vista rugbistico. Lì, infatti, ho conosciuto grandi allenatori, ho potuto allenarmi in modo super professionale, ed ho pure vinto una borsa di studio, grazie alla palla ovale. In quel periodo mi sono appassionato sempre di più al rugby, e senza dubbio ha contribuito molto, in tal senso, il fatto di vivere in una landa che mastica il nostro sport tutti i giorni a tutte le ore. E’ stato un periodo formativo, per me, sotto tutti i punti di vista. Per mantenere il posto in squadra, serviva che mantenessi anche un buon rendimento scolastico, altrimenti non avrei potuto giocare regolarmente. Era impegnativo, ma assolutamente fattibile. In Italia, invece, era un casino. A Roma, per muoversi da una parte all’altra della città serviva un’ora di tempo, quando andava bene. La mia giornata la passavo tra macchina e campo da rugby per l’allenamento, ed i professori erano tutto fuorché elastici con interrogazioni e verifiche, anzi, sembrava proprio che volessero farmi faticare di proposito, proprio perché praticavo sport ad un certo livello.

Poi l’approdo a Leicester, club di livello mondiale…

Eh si. Con la scuola giocavamo tante partite importanti in giro per tutto il Regno Unito, la cosa sicuramente ebbe un peso notevole in termini di visibilità. Un giorno ricevetti una proposta da parte degli scout dei Tigers. Volevano che andassi subito da loro, ed entrassi nella loro accademia. Avevo ancora un anno da fare al Merchiston Castle, ma quello di Leicester era un treno da prendere al volo e mi trasferii nelle Midlands. Ho avuto la fortuna di incontrare Castrogiovanni (che all’epoca non conoscevo personalmente) ed ho imparato molto da lui. In quegli anni, poi, arrivarono anche Ghiraldini, Rizzo e Barbieri. Si creò una sorta di Little Italy del Leicestershire.

Cosa porti con te di quei tre anni in una compagine del genere?

Sicuramente la dedizione al lavoro e la professionalità eccezionale. L’etica del lavoro. A Leicester ho imparato a dare sempre il 110 percento. Non solo durante le partite, ma anche e soprattutto durante gli allenamenti, al campo e in palestra. Ho imparato ad essere professionale su tutta la linea. E poi, come scordarsi tutti i grandi campioni con cui ho diviso lo spogliatoio. L’ambiente era sereno, tutti erano disponibili con i più giovani ed ho ricevuto molti consigli preziosi per la mia carriera.

A proposito di Leicester, hai vissuto da vicino la cavalcata delle Foxes di Ranieri. Fu un evento particolarmente emozionante per la città intera. Cosa racconteresti di quei mesi leggendari e forse irripetibili?

Fu una cosa bellissima, specialmente quando avemmo la possibilità di fare amicizia con Ranieri, una grande persona. Io sono tifoso Laziale, ma vi confesso che ho vissuto con molto più trasporto il calcio in pochi anni a Leicester che non in tutta la vita precedente a Roma. Quando le Foxes vinsero il titolo, poi, ci fu un’invasione di italiani in città. Molta gente partì dall’Italia e venne a celebrare l’impresa direttamente sul posto, portando grandissimo entusiasmo. Gli inglesi accolsero benissimo queste persone festanti e si creò veramente una’atmosfera indimenticabile.

Ovviamente il rugby ha dinamiche molto diverse dal calcio, ma credi possa esserci una “Leicester ovale”, magari proprio a latitudini a noi care, nel prossimo futuro?

Non te lo nascondo, parlo spesso di questa impresa ai miei compagni. La strada è dura, lo sappiamo, ma dobbiamo renderci conto di essere tutti dei giocatori di alto livello, pur con i nostri limiti. Dobbiamo crescere, migliorare giorno dopo giorno, ma anche levare gli steccati mentali che a volte ci impediscono di fare il salto di qualità decisivo. Qualsiasi step di crescita è difficile da archiviare, richiede grande lavoro e dedizione, ma dobbiamo metterci in testa che nulla è impossibile.

A Treviso avete già tolto qualche steccato questa stagione…

Tutto quello che abbiamo seminato l’anno scorso, pian piano, sta dando i propri frutti. L’anno scorso abbiamo iniziato un percorso nuovo, tanti ragazzi alla prima stagione in veneto (me compreso), lo stesso dicasi per lo staff. In un anno abbiamo implementato al meglio diverse soluzioni di gioco ed abbiamo imparato a gestire molto meglio anche situazioni complesse. Nel gruppo c’è molta positività, trasmessa anche dagli allenatori, siamo consapevoli delle nostre qualità. Si vede anche dalle grandi partite che abbiamo fatto. Penso alla vittoria di Edimburgo, alla battaglia con Tolone. C’è una grande mentalità e i giocatori sono tutti disponibili per lavorare al meglio, dentro e fuori dal campo.

Cosa vi manca per vincere le gare come quelle con Tolone e Scarlets?

Abbiamo una difesa valida, abbiamo un attacco di buon livello, ma ci manca ancora qualcosina. Creiamo abbastanza opportunità, ma non siamo concreti a sufficienza quando entriamo in zona punti. Non a caso questo è uno dei focus principali dei nostri allenamenti.

Cosa vi ha dato la doppia vittoria nei derby? Può essere un trampolino di lancio per un 2018 ancora migliore?

Le due vittorie ci hanno dato grande consapevolezza. Loro sono una grande squadra. In attacco hanno ottime doti, e noi siamo stati bravi ad arginarli, rallentando quasi tutte le loro palle e concedendogliene pochissime di vera qualità. Li avevamo studiato per due settimane e credo si sia visto tutto il lavoro che c’è stato dietro le partite. Ora bisogna subito ripartire al meglio contro i Cheetahs, una squadra molto fisica e veloce, che sta richiedendo in questi giorni un tipo di preparazione al match ovviamente diverso rispetto alle Zebre. C’è grande bramosia di vittoria. Vogliamo risalire in classifica ed andare a riprendere Edimburgo.

Matteo Viscardi

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Benetton Rugby, a tutto Sgarbi: “E’ chiaro che tutti si aspettino molto da noi. Dobbiamo lavorare sull’attacco”

Il capitano dei veneti si racconta: fra lavoro nel gruppo, competitività nel ruolo e il capitolo nazionale

17 Settembre 2019 Pro 14 / Benetton Rugby
item-thumbnail

Benetton Rugby, Pettinelli: “Lavoreremo sulla disciplina. Quest’anno voglio confermarmi”

Abbiamo parlato del derby contro le Zebre con il flanker classe '96

14 Settembre 2019 Pro 14 / Benetton Rugby
item-thumbnail

Le Zebre Rugby vincono a Monigo: Benetton Rugby sconfitto 12-19

I ducali si impongono in rimonta. Decisiva la meta di Ratko Jelic nel finale

13 Settembre 2019 Pro 14 / Benetton Rugby
item-thumbnail

Benetton Rugby: i convocati per l’amichevole contro le Zebre Rugby

I veneti sono pronti a scendere in campo nella prima delle due amichevoli contro gli emiliani

12 Settembre 2019 Pro 14 / Benetton Rugby
item-thumbnail

Benetton Rugby, parla Lazzaroni: “Dall’esclusione dalla nazionale, devo ricavarne stimoli”

L'avanti si sente già pronto per essere a disposizione di coach Crowley con i Leoni

11 Settembre 2019 Pro 14 / Benetton Rugby
item-thumbnail

Le nuove maglie del Benetton Rugby per la stagione 2019/2020

Per la prima divisa tornano le canoniche strisce orizzontali, mentre la seconda è un omaggio al marchio di abbigliamento

28 Agosto 2019 Pro 14 / Benetton Rugby
  1. try 4 Gennaio 2018, 12:36

    Apppena arrivato a Treviso qualcuno dubitava di lui, forse per quei discorsi sulla nazionale quando era a Leincester, ma io ero uno di quelli che diceva da dargli il giusto tempo per ambientarsi e crescere.
    Ora anche a causa degli infortunii a Filippetto, Riccioni e per ultimo Ferrari, sta facendo delle ottime prestazioni. sta crescendo in chiusa e nel gioco aperto è sempre pronto. Deve migliorare sicuramente ancora in chiusa e soprattutto in attacco. Ma a mio avviso ha le qualità per diventare un pilone dx con i fiocchi.

    • ermy 4 Gennaio 2018, 16:42

      Concordo! Uno che con il lavoro, piano piano se la giocherà anche con Ferrari e Riccioni!
      Tanto di cappello al ragazzo!

      • Hullalla 5 Gennaio 2018, 05:02

        Giá durante questo tempo a Treviso é migliorato molto e con il tempo e l’esperienza puó solo andare di bene in meglio.

  2. balin 4 Gennaio 2018, 14:44

    c ‘erano così tanti italiani che ci si dimentica di Brugnara 😉

  3. Dusty 4 Gennaio 2018, 17:07

    Quando leggo che in Italia è impossibile conciliare sport e scuola mi viene una rabbia incredibile. So per esperienza quanto sia vero e quanto sia avvilente per un ragazzo volenteroso di riuscire in entrambi i campi scontrarsi spesso anche con la incomprensione degli insegnanti anche se in genere è il sistema scuola che da questo punto vista fa acqua da tutte le parti. Infatti poi vediamo i risultati nelle varie discipline con le ovvie eccezioni. Del resto siamo un paese così di telespettatori, blogghisti e social dipendenti che il più delle volte manco sanno cosa significhi allenarsi seriamente.

    • try 4 Gennaio 2018, 18:35

      una cosa mi è piaciuta aver letto:
      Il fatto di giocare nelle partite sono dipendenti dai risultati che devi ottenere a scuola. Ottimo stimolo per i ragazzi a studiare oltre che allenarsi.

    • Hullalla 4 Gennaio 2018, 23:29

      In generale nella scuola italiana (e anche nall’Universitá) praticare sport seriamente é una penalizzazione molto forte.
      Chissá perché…

  4. Camoto 4 Gennaio 2018, 21:17

    Sembra in gamba da come parla. Ma perché è laziale?

  5. Manna 5 Gennaio 2018, 12:55

    Ahah pilone internazionale, calma. Non è il primo articolo o intervista che fate su di lui, immagino qualcuno di voi abbia una certa “amicizia”…

    Peccato non gli abbiate chiesto nulla del suo NO alla Nazionale per attendere la convocazione mai avvenuta per l’Inghilterra…

    Che bello il.politically correct

Lascia un commento