Australia: Stephen Moore si ritirerà dopo il Test Match contro la Scozia

Il 34enne non disputerà un’altra stagione con i Reds. A luglio aveva annunciato soltanto l’addio ai Wallabies

ph. Sebastiano Pessina

ph. Sebastiano Pessina

Stephen Moore ha annunciato il suo ritiro dall’attività agonistica al termine dell’ultimo Test Match di novembre con la sua Australia, impegnata sabato a Edimburgo contro la Scozia. A Murrayfield andrà in scena l’ultima recita del 34enne tallonatore aussie, colonna della Nazionale nell’ultima decade con i suoi 128 cap, che lo rendono il secondo Wallaby di sempre per presenze (dietro George Gregan) e il settimo nella classifica generale della storia del rugby.

 

Inizialmente il capitano della nazionale australiana aveva dichiarato di voler proseguire per un altro anno con i Reds nel Super Rugby 2018, dando l’addio soltanto al rugby internazionale, ma negli utlimi mesi le cose sono cambiate. “Ho cominciato a pianificare la mia vita dopo il rugby dal momento dell’annuncio del mio ritiro dalla nazionale a luglio, e l’opportunità su cui mi stavo informando si è materializzata sei mesi prima di quanto mi aspettassi – ha detto Moore – […] Sento che è il momento giusto per concludere la mia carriera rugbistica e non vedo l’ora di vedere i progressi dei Reds sotto la guida di Brad (Thorn, ndr). Ha dimostrato negli anni di sapere cosa serve per essere il migliore al mondo. Sono molto contento di aver lavorato al fianco di Michael Cheika e orgoglioso di come Michael Hooper sta indossando la fascia di capitano dei Wallabies”.

 

Moore ha esordito con la maglia dell’Australia nel 2005 e ha disputato tre Coppe del Mondo, in cui ha conquistato con i Wallabies un secondo posto nel 2015 alle spalle degli All Blacks, vittoriosi nella finale a Londra. A livello di franchigie, il suo debutto con la maglia dei Reds nel Super Rugby era arrivato nel 2003; da quel momento ha collezionato 177 presenze nel torneo dell’Emisfero Sud, che gli ha permesso di arrivare al secondo posto nella classifica dei giocatori più presenze di sempre, alle spalle di Wyatt Crockett (187).

 

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Rugby Championship: il primo Sudafrica del 2019

Due esordienti (Elstadt e Herschel Jantjies) dal primo minuto, con diversi big a riposo

17 luglio 2019 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

Ci può essere un nuovo Nehe Milner-Skudder?

Ovvero: un giocatore senza presenze in nazionale può diventare improvvisamente il titolare da qui alla Rugby World Cup in Giappone?

17 luglio 2019 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

Rugby Championship: Aphiwe Dyantyi fuori per l’esordio del Sudafrica

L'ala salterà la sfida contro l'Australia per un infortunio rimediato in allenamento

16 luglio 2019 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

Rugby Championship: i 30 convocati dell’Argentina per la sfida agli All Blacks

Il capitano sarà Creevy, escluso Juan Imhoff. Nel gruppo c'è anche un uncapped

16 luglio 2019 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

Verso il Rugby Championship 2019

Il punto della situazione dai 4 camp impegnati nella preparazione del torneo

14 luglio 2019 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

All Blacks, Rugby Championship e RWC: Ben Smith è pronto alle ultime battaglie della sua carriera

L'estremo potrebbe essere addirittura il capitano dei campioni del mondo nel primo impegno ufficiale del 2019

11 luglio 2019 Emisfero Sud / Rugby Championship