Australia: Stephen Moore si ritirerà dopo il Test Match contro la Scozia

Il 34enne non disputerà un’altra stagione con i Reds. A luglio aveva annunciato soltanto l’addio ai Wallabies

ph. Sebastiano Pessina

ph. Sebastiano Pessina

Stephen Moore ha annunciato il suo ritiro dall’attività agonistica al termine dell’ultimo Test Match di novembre con la sua Australia, impegnata sabato a Edimburgo contro la Scozia. A Murrayfield andrà in scena l’ultima recita del 34enne tallonatore aussie, colonna della Nazionale nell’ultima decade con i suoi 128 cap, che lo rendono il secondo Wallaby di sempre per presenze (dietro George Gregan) e il settimo nella classifica generale della storia del rugby.

 

Inizialmente il capitano della nazionale australiana aveva dichiarato di voler proseguire per un altro anno con i Reds nel Super Rugby 2018, dando l’addio soltanto al rugby internazionale, ma negli utlimi mesi le cose sono cambiate. “Ho cominciato a pianificare la mia vita dopo il rugby dal momento dell’annuncio del mio ritiro dalla nazionale a luglio, e l’opportunità su cui mi stavo informando si è materializzata sei mesi prima di quanto mi aspettassi – ha detto Moore – […] Sento che è il momento giusto per concludere la mia carriera rugbistica e non vedo l’ora di vedere i progressi dei Reds sotto la guida di Brad (Thorn, ndr). Ha dimostrato negli anni di sapere cosa serve per essere il migliore al mondo. Sono molto contento di aver lavorato al fianco di Michael Cheika e orgoglioso di come Michael Hooper sta indossando la fascia di capitano dei Wallabies”.

 

Moore ha esordito con la maglia dell’Australia nel 2005 e ha disputato tre Coppe del Mondo, in cui ha conquistato con i Wallabies un secondo posto nel 2015 alle spalle degli All Blacks, vittoriosi nella finale a Londra. A livello di franchigie, il suo debutto con la maglia dei Reds nel Super Rugby era arrivato nel 2003; da quel momento ha collezionato 177 presenze nel torneo dell’Emisfero Sud, che gli ha permesso di arrivare al secondo posto nella classifica dei giocatori più presenze di sempre, alle spalle di Wyatt Crockett (187).

 

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Il Sudafrica comincia la preparazione: i 26 convocati di Rassie Erasmus

C'è anche Francois Steyn, unico reduce dalla Rugby World Cup vinta nel 2007

24 giugno 2019 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

Rugby Championship: l’idea di un ampliamento del torneo è all’orizzonte

Con il fallimento del progetto Nations Championship il torneo dell'emisfero sud potrebbe avere due squadre in più

22 giugno 2019 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

Steve Tew lascerà il ruolo di chief executive di New Zealand Rugby a fine 2019

L'ex Crusaders se ne andrà dopo 18 anni in seno alla federazione tuttanera

5 giugno 2019 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

Il calendario del Rugby Championship 2019: luoghi, date, orari e tv del torneo

Tutti i dettagli sulla principale competizione australe per nazionali

22 maggio 2019 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

La prima lista di All Blacks verso la Rugby World Cup 2019

Steve Hansen ha convocato anche Sam Cane per il primo di tre "foundation days" in vista della stagione internazionale

9 aprile 2019 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

Argentina: Creevy resta fino a fine 2019, Tuculet due anni in più

Ma per il tallonatore potrebbe essere l'ultima stagione in patria, prima di un trasferimento in Francia

19 dicembre 2018 Emisfero Sud / Rugby Championship
  1. Dusty 22 novembre 2017, 13:23
  2. moro0 22 novembre 2017, 13:30

    gran bel giocatore…il problema per l’Australia è che non vedo molto potenziale dopo di lui con Polota-Nau che va in inghilterra sarà un bel grattacapo lo spot n.2 per cheika

  3. And 22 novembre 2017, 14:53

    gran giocatore…belle mani x un tallonatore

  4. fabiogenova 22 novembre 2017, 15:07

    A me non ha mai fatto impazzire, ma non è il momento per le critiche tecniche. Onore a un simbolo del rugby australiano e un capitano corretto e determinato. Non conosco stadio migliore di quello di Murrayfield per terminare la carriera. Credo che gli scozzesi gli tributeranno applausi a scena aperta

  5. Katmandu 22 novembre 2017, 18:35

    A me é sempre piaciuto, poco spettacolare ma testa bassa e lavorare, ecco peró mi chiedo la federazione australiana che cavolo ha in testa? Giusto portarlo per il tour, ma doveva essere a sto punto la terza scelta e con pilota nati che si sapeva che avrebbe firmato per Leicester mettere due tallonatore giovani per il tour pareva brutto?

  6. Giaps 22 novembre 2017, 21:31

    Si ritira un grande tallonatore con ottimo gioco alla mano e per l’australia si apre l’incognita tallonatore…

Lascia un commento