Italia: Giovanni Licata e il possibile debutto nella sua Sicilia

Contro le Fiji il classe ’97 potrebbe esordire in azzurro proprio in una delle città in cui è cresciuto rugbisticamente

ph. Sebastiano Pessina

ph. Sebastiano Pessina

Chiamatela coincidenza, oppure scherzo del destino. Proprio in concomitanza con il ritorno dell’Italia del rugby in Sicilia, a 23 anni dall’ultima volta, un figlio della terra sicula potrebbe vestire nuovamente la maglia azzurra. L’ultimo è stato Andrea Lo Cicero, la cui carriera in Nazionale si è protratta per ben 103 cap, mentre il prossimo potrebbe essere Giovanni Licata, proprio in quella Catania dove rugbisticamente è cresciuto. A 20 anni, l’agrigentino di Favara sembra essere destinato ad un futuro scintillante, soprattutto dopo il positivo impatto con la realtà del PRO 14 in maglia Zebre, lui che è tesserato con le Fiamme Oro in Eccellenza (dove tornerà a giocare a dicembre). Come racconta a La Sicilia, tuttavia, il rugby è entrato soltanto in un secondo momento nella sua vita. “Come tutti i ragazzi della mia età, avevo cominciato a fare sport giocando a calcio e come punta centrale me la cavavo bene. Poi, un mio amico mi ha fatto conoscere il rugby è c’è stato amore a prima vista”. Meglio tardi che mai, come si dice in questi casi.

 

“Non ho un modello di giocatore ideale al quale ispirarmi – continua Licata – Ammiro molti giocatori e molti di questi adesso sono miei compagni di squadra o ci gioco contro». L’ex Cus Catania, poi, frena i paragoni con i suoi corregionali Lo Cicero e Orazio Arancio, attuale presidente del Comitato regionale siciliano e ex azzurro: “Andiamoci piano con i paragoni, Lo Cicero e Arancio sono stati due mostri sacri dell’Italia e io ancora sono all’inizio della mia carriera e sono solo alla prima convocazione con la nazionale assoluta”.

 

Le motivazioni naturalmente sono altissime: “Ho tanta voglia di fare bene e soprattutto tanta voglia di imparare da tutti questi campioni azzurri che ho al fianco e dal ct O’Shea, che sta facendo a mio avviso un grande lavoro per il rilancio del rugby azzurro”. Sul pubblico che arriverà all’ ‘Angelo Massimino’: “Spero solo di non deluderli e soprattutto spero tanto che l’Italia possa regalare grande spettacolo ad un pubblico appassionato e competente come quello siciliano che ha il rugby nel Dna”.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Come sarà l’Italia della Rugby World Cup 2023?

Abbiamo provato a immaginare delle liste di 31 convocati per il prossimo Mondiale. Ecco cosa ne è uscito fuori

13 Novembre 2019 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Test Match 2020: il probabile calendario dell’Italia, tra luglio e novembre

Per gli azzuri, tour americano in estate e sfide di lusso a novembre

7 Novembre 2019 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

80° minuto: la Rugby World Cup dell’Italia vista con gli occhi di Mattia Bellini

Intervista all'ala che nella rassegna iridata giapponese è stato uno dei migliori del gruppo azzurro

1 Novembre 2019 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Conor O’Shea dovrebbe ricoprire un ruolo all’interno della RFU a partire dal 2020

Secondo il 'Daily Telegraph', l'allenatore irlandese avrebbe già raggiunto un accordo con la federazione britannica

27 Ottobre 2019 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

80° minuto: il mondiale di Braam Steyn attraverso le sue parole

Intervista al terza linea della nazionale dopo l'avventura in Giappone, fra numeri, ruoli e risultati

25 Ottobre 2019 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Sergio Parisse continuerà a giocare per l’Italia

Il capitano azzurro lo ha confermato una volta per tutte in un'intervista a Midi Olympique: "Il mio finale con l'Italia è ancora da scrivere"

15 Ottobre 2019 Rugby Azzurro / La Nazionale