Il duro attacco al rugby di Martin Castrogiovanni

Durante la presentazione del canale Alpha, l’ex azzurro ha parlato di uno sport “con tante ipocrisie e giochi politici”

ph. Sebastiano Pessina

ph. Sebastiano Pessina

Martin Castrogiovanni sarà uno dei volti del nuovo canale televisivo dedicato agli uomini, Alpha (gruppo De Agostini), che produrrà tra le altre cose dei racconti sulle storie di alcuni sportivi (oltre a Castro, per fare un esempio, uno dei personaggi coinvolti sarà anche il calciatore Rino Gattuso). Prima di diventare protagonista sul piccolo schermo, tuttavia, l’ex pilone della nazionale italiana ha acceso i riflettori su di sé già in sede di presentazione del canale, sia in conferenza stampa che  in un’intervista rilasciata a margine dell’evento a Corriere TV in cui attacca in maniera decisa il suo stesso sport.

 

“È un mondo che non mi piace più. La mia idea era giocare finché mi divertivo e non era più così. Sono entrato in uno sport che era pulito, sono finito in uno sport con tante ipocrisie, giochi politici. Noi giocatori siamo solo dei pezzi di carne. Ho sempre detto che avrei giocato a rugby fino a quando non mi sarei più divertito. Non mi divertivo più per tante cose. Per cose politiche ma anche per una questione fisica perché venivo dal tumore e da infortuni molto graviche non mi permettevano più di essere il giocatore che ero. Si è grandi atleti anche quando si capisce quando bisogna smettere”.

 

Il vero affondo di Castro arriva nel momento in cui lo sguardo si allarga al panorama del rugby mondiale: “C’è gente che mi giudica, ma era quella che si drogava e a cui non venivano fatti i test antidoping, gente che calciava in testa a chi era per terra. Ci sono tante falsità che non mi vanno bene. Dietro agli arbitri c’è sempre un favoritismo per le squadre più grandi. Io non ho smesso per il rugby italiano, che ha i suoi problemi, ma per il rugby in generale. Ho cominciato a giocare a rugby che era una cosa, e ho finito che era un’altra – continua Castrogiovanni. Riferendosi alla sua prossima esperienza in televisione, infine, Castro chiude: “Io forse sto entrando in un mondo forse finto, ma so che è finto”.

 

 

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Uno studio scientifico per spiegare i rapporti tra un club e la sua Academy

Lo ha pubblicato il manager delle giovanili del Munster, che ha preso spunto da un match giocato a dicembre senza 48 seniores tra giocatori e staff

19 Agosto 2022 Terzo tempo
item-thumbnail

Zebre: dopo cinque anni torna il seconda linea Joshua Furno

L'ex azzurro rientra in Italia dopo un lungo giro del mondo che lo ha visto in Francia come ultima tappa

item-thumbnail

Australia: dopo la batosta argentina cambia lo staff tecnico dei Wallabies

L'allenatore della difesa lascia la squadra quando si avvicina il delicato doppio scontro con i Campioni del Mondo

19 Agosto 2022 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

Premiership: dopo i Wasps anche Worcester è in grosse difficoltà economiche

I gialloneri rischiano l'amministrazione controllata e si parla anche di stipendi non pagati ad alcuni giocatori

19 Agosto 2022 Emisfero Nord / Premiership
item-thumbnail

Benetton, il capo della preparazione Molony: “La squadra è già in ottima forma fisica”

In casa biancoverde si lavora tanto con l'ovale a meno di un mese dal debutto nel prossimo United Rugby Championship

item-thumbnail

Zebre, video-intervista a Giampietro Ribaldi: “Voglio guadagnarmi il posto da titolare”

Il tallonatore dei ducali analizza il momento, tra l'impegnativa preparazione e la voglia di fare bene in un gruppo giovane