Il duro attacco al rugby di Martin Castrogiovanni

Durante la presentazione del canale Alpha, l’ex azzurro ha parlato di uno sport “con tante ipocrisie e giochi politici”

ph. Sebastiano Pessina

ph. Sebastiano Pessina

Martin Castrogiovanni sarà uno dei volti del nuovo canale televisivo dedicato agli uomini, Alpha (gruppo De Agostini), che produrrà tra le altre cose dei racconti sulle storie di alcuni sportivi (oltre a Castro, per fare un esempio, uno dei personaggi coinvolti sarà anche il calciatore Rino Gattuso). Prima di diventare protagonista sul piccolo schermo, tuttavia, l’ex pilone della nazionale italiana ha acceso i riflettori su di sé già in sede di presentazione del canale, sia in conferenza stampa che  in un’intervista rilasciata a margine dell’evento a Corriere TV in cui attacca in maniera decisa il suo stesso sport.

 

“È un mondo che non mi piace più. La mia idea era giocare finché mi divertivo e non era più così. Sono entrato in uno sport che era pulito, sono finito in uno sport con tante ipocrisie, giochi politici. Noi giocatori siamo solo dei pezzi di carne. Ho sempre detto che avrei giocato a rugby fino a quando non mi sarei più divertito. Non mi divertivo più per tante cose. Per cose politiche ma anche per una questione fisica perché venivo dal tumore e da infortuni molto graviche non mi permettevano più di essere il giocatore che ero. Si è grandi atleti anche quando si capisce quando bisogna smettere”.

 

Il vero affondo di Castro arriva nel momento in cui lo sguardo si allarga al panorama del rugby mondiale: “C’è gente che mi giudica, ma era quella che si drogava e a cui non venivano fatti i test antidoping, gente che calciava in testa a chi era per terra. Ci sono tante falsità che non mi vanno bene. Dietro agli arbitri c’è sempre un favoritismo per le squadre più grandi. Io non ho smesso per il rugby italiano, che ha i suoi problemi, ma per il rugby in generale. Ho cominciato a giocare a rugby che era una cosa, e ho finito che era un’altra – continua Castrogiovanni. Riferendosi alla sua prossima esperienza in televisione, infine, Castro chiude: “Io forse sto entrando in un mondo forse finto, ma so che è finto”.

 

 

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

Rovigo, Davide Giazzon verso il ruolo di capo allenatore

L'attuale allenatore degli avanti dovrebbe essere affiancato da Joe van Niekerk e Stefan Basson

18 Maggio 2024 Campionati Italiani / Serie A Elite
item-thumbnail

Serie A Elite: appuntamento per costituire la lega dei club

Si chiamerà Lega Rugby e dovrebbe diventare realtà il prossimo 27 maggio

18 Maggio 2024 Campionati Italiani / Serie A Elite
item-thumbnail

URC: Benetton sbriciolato dai Bulls, ma c’è il bonus che serviva

Partita mai in discussione che finisce 56-35, ma le cinque mete dei biancoverdi sono preziosissime per la classifica

item-thumbnail

ProD2: chiusa la stagione regolare, Provence e Vannes in semifinale

Qualificato anche il Dax di Furno e il Beziers di Alongi. Gori saluta Colomiers con 50 minuti in campo

18 Maggio 2024 Emisfero Nord
item-thumbnail

URC, due squadre a caccia di punti pesanti: la preview di Bulls-Benetton

Ad una settimana dalla vittoria di Durban, un nuovo impegnativo banco di prova per i biancoverdi

item-thumbnail

URC: Munster vince e frena la corsa ai play-off di Edimburgo

Il Benetton Rugby in attesa della sfida di Pretoria con i Bulls è distante un punto dalla squadra scozzese, che affronterà sabato 1 giugno