La Bledisloe Cup: perché in fondo in fondo c’è sempre una buona notizia

La storta e la furba rimbalza tra cronaca e attualità. E poi atterra dentro i confini di Ovalia

all blacks rugby championship

ph. Reuters

“Ma ha letto?”.

“Che cosa”.

 

“La plastica. La plastica nell’acqua. Dai rubinetti di tutto il mondo sgorgano microscopiche fibre di plastica. Lo ha rilevato un’indagine condotta su 159 campioni di acqua potabile, si fa per dire, in città grandi e piccole di cinque continenti, da New York a Nuova Dehli. Lei dove abita?”.

 

“Qui a Genova”.

“Genova non è stata considerata, ma sarà così anche qui da noi. Un nemico invisibile. Perché nell’83 per cento dei casi l’acqua dei rubinetti contiene plastica. Il giornale dice che ci vorrebbero più studi per capire le conseguenze, ma non credo che bere plastica allunghi o migliori la vita. E poi…”.

“E poi?”.

 

“E poi ha letto della malaria?”.

“Dove?”.

“A Brescia. Una bambina di quattro anni è entrata in ospedale per curare il diabete, ha contratto la malaria da una zanzara, forse lì, forse altrove, forse spuntata da un bagaglio aereo, ed è morta così. Per non parlare di…”.

“Per non parlare di?”.

 

“Per non parlare del Po. La sorgente, ai piedi del Monviso, si è prosciugata. Non una goccia di acqua. E’ il segno del cambiamento climatico, del disastro ambientale, dell’inferno terrestre che noi uomini abbiamo provocato”.

“Io, veramente, no”.

 

“Neanch’io, se è per questo. Raccolta differenziata, perfino la raccolta dei tappi di plastica a fini umanitari oltre che ecologici, niente più bagni ma veloci docce, niente più macchina ma, come adesso, mezzi pubblici. Insomma, quel poco che ognuno di noi può fare. Ma è poco, pochissimo, troppo poco, impercettibile, insignificante. Tanto più che…”.

“Tanto più che?”.

 

“Tanto più che siamo tutti minacciati da quel pazzo di nordcoreano, lui e le sue bombe atomiche, come se quello successo a Hiroshima sia stato cancellato dalla memoria, e dalla storia, e dalla Terra. Noi forse non ce ne rendiamo conto, ma basta un niente e se quel pazzo di nordcoreano schiaccia un bottone, saltiamo tutti per aria”.

“Vero”.

 

“Certo che è vero. Com’è vero che l’Italia sarà anche in ripresa, ma intanto continuano a chiudere le aziende, o a ridurre il personale, o ad assumere alla giornata, alla settimana, al mese, costringendo a stare sempre allerta, sul chi vive, sul tirare a campare. E per i giovani, compensi da fame, quando ci sono i compensi, altrimenti c’è anche chi lavora gratis, sperando, prima o poi, in un’assunzione magari temporanea”.

“Poveri ragazzi”.

 

“Poveri fino a un certo punto. Rimbambiti dai telefonini, dai videogiochi, anche dalle scommesse. Almeno noi ci parliamo, ci guardiamo, ci confrontiamo. Invece loro sono piegati, chiusi, barricati in loro stessi. E gli effetti sono scritti anche qui: emarginazione, autismo, suicidio”.

 

“Ma una buona notizia c’è, almeno una buona notizia me la dà?”.

“E’ ricominciata la stagione del rugby. La Bledisloe Cup, per il quindicesimo anno consecutivo, è andata agli All Blacks. Visto che partite pazzesche?”.

 

di Marco Pastonesi

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterGoogle+Pinterest
item-thumbnail

Briganti Librino: incendio doloso alla Club House

Nella notte il rogo ha bruciato la struttura portando via i ricordi della società siciliana

item-thumbnail

Quando dei Cinghiali e un ex pugile olimpico si incontrano in un agriturismo

Il forte legame tra Paolo Vidoz, bronzo a Sydney 2000, e la squadra di rugby di Gorizia. Ce lo racconta Marco Pastonesi

30 novembre 2017 I nostri esperti / La storta e la furba
item-thumbnail

Martin Castrogiovanni, senza peli sulla lingua

Un evento al Teatro Brancaccio è l'occasione per svelare diversi aneddoti sul suo passato. Ce li racconta Marco Pastonesi

item-thumbnail

Amatori Rugby Milano, “la storia e la leggenda di una squadra che non c’è più”

Marco Pastonesi ci racconta il nuovo libro di Genesio Rossi sulla squadra più titolata d'Italia

item-thumbnail

Di palla ovale, di bambini, di infanzia e di palloni. Di Marco Pastonesi

Ritrovare il rugby in un manuale per genitori. Perché nel rugby la cosa più preziosa te la tieni stretta al petto

24 settembre 2017 I nostri esperti / La storta e la furba
item-thumbnail

Un mediano che passa, un’ala che attende. Mauro Zaffiri nel ricordo di Marco Pastonesi

" Un piccoletto - capelli neri, sopracciglia nere, baffi neri, pelle scura, modi spicci, esclamazioni forti - capace di tenere in riga otto energumeni...