Il muro della FIR: dopo Padovani anche Baker e Koelegenberg?

I due estremi uniti da un destino comune: manca il nullaosta

zebre rugby Koegelenberg

ph. Luca Sighinolfi

La situazione rischia di trasformarsi in un muro contro muro che fa male a tutti: ai giocatori coinvolti, al movimento e alla nostra immagine e percezione dall’estero. Scrive la Gazzetta dello Sport che dopo quello di Padovani, la FIR sarebbe intenzionata a non concedere il nullaosta di Kurt Baker e a Gideon Koelegenberg. L’estremo neozelandese – che ha già lasciato Parma – da prima dell’estate stava cercando di liberarsi delle Zebre: lui, abituato a giocare con Highlanders e Taranaki, e che alla Cittadella deve averne viste di ogni per quanto riguarda l’idea di rugby inteso come professionismo dentro e fuori dal campo. Il seconda linea sudafricano Koelegenberg, classe 1994, è arrivato in Italia nel dicembre 2015 con il chiaro obiettivo di farne un equiparato in vista dei Mondiali: era legato alle vecchie Zebre con un contratto che scadeva proprio nel 2019.

 

In tutto questo, arrivano da Rugby1823 le dichiarazioni del Presidente Alfredo Gavazzi. “Quella di Padovani è una questione morale. Aveva ancora un anno di contratto e gli ho chiesto di rispettarlo, per la squadra. Non ha voluto. Per questo ho deciso di passare da World Rugby e di non concedere il nullaosta […] posso anche perdere, non mi importa nulla. E’ il principio che conta”. La “questione morale” si riferirebbe a un debito di riconoscenza del giocatore nei confronti di chi ha investito in lui formandolo – FIR – di chi lo ha spostato di ruolo facendone un estremo dalle grandi potenzialità – gli staff tecnici di Zebre e Nazionale – e di chi lo ha voluto alle Zebre a fronte del disinteresse  di Treviso – lo stesso Presidente Gavazzi.

 

Dire come andrà a finire davanti a World Rugby è dura, non conoscendo i minimi dettagli dei contratti dei giocatori né i minimi dettagli del regolamento ed eventualmente del diritto sportivo. La questione di fondo però, più che morale, è strutturale: ha senso investire nelle Accademie e formare giocatori come Padovani / prendere equiparati come Koelegenberg / far arrivare giocatori come Baker, se poi quello che proponi loro è giocare in una realtà come le Zebre? E se dovessimo pensare al bene del movimento, all’Italrugby fa meglio avere un Padovani che gioca alle Zebre o un Padovani che gioca a Tolone?

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Zebre Rugby: il XV ideale della storia multicolor, votato dai fan

I social del team ducale hanno pubblicato la formazione - a forte trazione azzurra - selezionata dagli appassionati

5 Aprile 2020 Pro 14 / Zebre Rugby
item-thumbnail

Zebre Rugby: Gabriele Di Giulio rinnova fino al 2022

Il 24enne trequarti di Frascati prolunga il suo accordo con la franchigia federale con cui gioca dal 2015

2 Aprile 2020 Pro 14 / Zebre Rugby
item-thumbnail

Zebre Rugby: Giulio Bisegni rinnova fino al 2022

Il trequarti della Nazionale prolunga il suo rapporto con la franchigia multicolor per altre due stagioni

26 Marzo 2020 Pro 14 / Zebre Rugby
item-thumbnail

La rosa delle Zebre Rugby ’20/’21 – in aggiornamento

Quali sono, ad oggi, i giocatori ufficialmente sotto contratto con le Zebre Rugby per la prossima stagione

22 Marzo 2020 Pro 14 / Zebre Rugby
item-thumbnail

Condizione fisica: come le Zebre affrontano lo stop di allenamenti e campionato

Ne abbiamo parlato con il pilone Giosuè Zilocchi e il preparatore fisico Giovanni Biondi

17 Marzo 2020 Pro 14 / Zebre Rugby
item-thumbnail

Zebre, Nagle e Kearney: il racconto del rientro in Irlanda nelle settimane del Coronavirus

Le due seconde linee hanno deciso di fare ritorno in patria durante questo periodo di attività ferme

12 Marzo 2020 Pro 14 / Zebre Rugby