O’Shea: prenderemo decisioni che daranno fastidio a qualcuno

Bisogna mettere l’ego in tasca. Non possiamo continuare a fare le stesse cose

o'shea

ph. Sebastiano Pessina

Parole nette quelle di Conor O’Shea in conferenza stampa dopo la sconfitta contro la Scozia.

 

L’importanza di concretizzare

È molto difficile giustificare il risultato della gara di oggi, perché 0-29 non rispecchia l’andamento della partita. Quando spendi energie e non raccogli punti, ti puoi far prendere dallo scoramento. È difficile venire a vincere al Murrayfield, certo, ma sono convinto che oggi, per lunghi tratti, non ci siano state differenze tra noi e loro. Quello che puoi fare è continuare a lavorare duro, ma per far crescere la fiducia nei giocatori devi poter mettere in campo performance ad alto livello. Questo è il nostro compito, nostro e dei club, continuo a credere che il gap tra noi e le altre Nazioni non è così ampio e che possiamo cambiare l’inerzia; anche per questo, ripeto, è difficile accettare il risultato di oggi […] In ogni sport, quando sei superiore, devi concretizzare la superiorità. Certo, facile dirlo adesso a mente serena, ma è così.

 

 

Ego in tasca e decisioni che daranno fastidio

Tutti, in Italia, devono mettersi l’ego in tasca e capire che la Nazionale è la cosa più importante in assoluto, la Nazionale deve venire prima di tutto. Perché le decisioni che prenderemo daranno fastidio a qualcuno, ma sono da prendere. Non possiamo continuare a fare le stesse cose e sperare che le cose cambino. Guardiamo ad altri Paesi, dove sono state prese decisioni che hanno portato enormi divisioni, molti club famosi non sono, adesso, quelli che erano vent’anni fa, e penso a quanto successo, per esempio, in Scozia e Irlanda.

 

 

Sergio Parisse: lo staff deciderà chi farà parte del progetto

Da capitano posso dire che ho visto molte cose positive, ogni partita dura ottanta minuti e il nostro problema stata la mancanza di continuità; abbiamo fatto cose buone per quaranta, a volte cinquanta, sessanta minuti, dipende, ma sappiamo che le gare durano ottanta minuti e molto spesso degli errori individuali portano poi tutta la squadra a calare l’intensità e poi a subire.

Adesso è difficile fare un’analisi lucida, perché siamo appena usciti dal campo e il risultato può influenzare ogni ragionamento; abbiamo lasciato per strada punti e occasioni, ma a fine primo tempo sono subito andato da Carlo Canna a dirgli di non pensare agli errori, che tutto andava bene e che avevamo ancora un tempo. Nel secondo tempo avremmo potuto mettere punti a referto che avrebbero potuto cambiare la nostra gara, quando Conor parla di fiducia intende anche questo.

Oggi abbiamo sempre mancato le occasioni che abbiamo creato e mentalmente ti mette in condizioni difficili. Come detto, ognuno di noi penserà a quanto fatto, Conor e il suo staff giudicherà poi il lavoro messo in campo dal gruppo e le prestazioni dei giocatori, per capire in futuro quali sono gli elementi che meriteranno di vestire questa maglia, quelli che non lo meriteranno e se ci sono giocatori che potranno tornare a far parte di questo gruppo. In questo Sei Nazioni ci sono stati giocatori che hanno preso parte a tutte le partite e che hanno avuto la loro opportunità, spetterà allo staff ora decidere chi farà parte del progetto e chi no.

 

di Matteo Mangiarotti

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Italia: Monty Ioane potrà scendere in campo contro il Galles

L'ala del Benetton Rugby è diventata eleggibile per la selezione azzurra

1 Dicembre 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia, Cannone: “Abbiamo davvero bisogno di una vittoria”

Il seconda linea è convinto che non sia una questione fisica il calo degli Azzurri intorno all'ora di gioco

1 Dicembre 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Il borsino azzurro dopo Francia-Italia

Chi sale, chi resta stabile e chi scende dopo il terzo turno dell'Italia in Autumn Nations Cup

1 Dicembre 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia, Franco Smith: “La Francia ha eseguito meglio di noi. La nostra velocità d’uscita della palla non è adeguata”

Il capo allenatore azzurro ha commentato la sconfitta di Parigi in conferenza stampa

29 Novembre 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Autumn Nations Cup: 5 motivi per seguire Francia-Italia

Kick-off alle 21.10, allo Stade de France. Diretta TV su Canale 20: tanti temi d'interesse per una sfida da non fallire

28 Novembre 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

La formazione dell’Italia del rugby, contro la Francia – Autumn Nations Cup

Franco Smith rilancia Sperandio e Mbandà dal 1'. Doppio possibile debutto dalla panchina

26 Novembre 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale