E Philippe Saint-Andre allenerà…alla Africa Rugby Cup 2017

L’ex tecnico della Francia allenatore per due settimane del Camerun

cameron rugby

ph. Reuters

Inizierà a giungo l’edizione 2017 dell’Africa Cup, il torneo ovale di rugby a 15 più importante del continente nero. La competizione è articolata in quattro livelli di categoria (Gold, Silver, Bronze e Regional) per un totale di 8 gironi e 28 squadre partecipanti. Occhi puntati soprattutto sulla Poule più importante, la Gold Cup: il vincitore (sfida di sola andata tra le sei squadre) accede direttamente alla Rugby World Cup, mentre seconda, terza e qualificata più la vincitrice della Silver Cup accederanno all’African Repechage play-off da cui uscirà la squadra africana che giocherà il torneo di ripescaggio finale da cui uscirà l’ultima qualificata. Con i favori del pronostico partono da tradizione Namibia, presente anche alla Rugby World Cup 2015, e Kenya.

 

Ma l’Africa Cup 2017 avrà un nuovo protagonista, l’ex tecnico della Nazionale francese Philippe Saint-Andre. L’ex tecnico di Bleus, Gloucester, Sale e Tolone siederà infatti per alcune settimane sulla panchina del Camerun, che occupa il novantesimo posto del ranking mondiale. A lanciare l’esca è stato l’ex compagno di squadra Georges Ngono, attuale Team Manager della Fédération Camerounaise de Rugby. “Allenerò la squadra per due settimane – conferma Saint-Andre ad EspnScrum – Sarà un’avventura eccezionale. Dicono sempre che il rugby sia scuola di vita, incontrerò persone con molta passione. Spero di dare il mio contributo per diffondere il gioco nel paese”.

In Francia militano alcuni giocatori camerunesi: il pilone Thierry Marcial Kounga Kuaté (Carcassonne, ProD2), il pari ruolo e pari categoria Arsène N’Nomo (Agen) e infine il più famoso, Robins Tchale-Watchou, seconda linea di Montpellier e Presidente di Provale, il sindacato dei giocatori pro francesi (protagonista ad ottobre di una durissima intervista contro il rugby iper fisico). I tre non è però detto siano rilasciati, essendo la competizione al di fuori della finestra internazionale e quindi i club non obbligati a concedere i propri giocatori.

 

 

Gold Cup: Kenya, Namibia, Senegal, Tunisia, Uganda, Zimbabwe

Silver Cup: Botswana, Costa d’Avorio, Madagascar, Marocco

Bronze Cup North: Algeria, Cameron, Nigeria

Bronze Cup South: Mauritius, Rwanda, Zambia

Regional West 1: Benin, Ghana, Togo

Regional West 2: Burkina Faso, Mali, Niger

Regional Centre: Burundi, Congo, Gabon

Regional South: Lesotho, Malawi, Swaziland

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterGoogle+Pinterest
TAG:
item-thumbnail

Western Force, anche Joshua Furno per le nuove World Rugby Series

La franchigia australiana ha annunciato una serie di match a inviti a partire da maggio

6 marzo 2018 Emisfero Sud / Altri tornei
item-thumbnail

Americas Rugby Championship: Grande Slam per gli USA

Cala il sipario sulla manifestazione americana. Primo percorso netto nella storia del torneo

4 marzo 2018 Emisfero Sud / Altri tornei
item-thumbnail

Juan Smith dice basta: ritiro dal rugby per motivi familiari

Dopo quattro anni a Tolone era andato in Giappone, allenato da Jake White

18 ottobre 2017 Emisfero Sud / Altri tornei
item-thumbnail

Rugby e giustizia: 20 settimane di squalifica per morso

Succede durante un match di NRC australiano

7 settembre 2017 Emisfero Sud / Altri tornei
item-thumbnail

Americas Rugby Championship: Stati Uniti corsari in Canada

Eagles e Argentina a braccetto. Primo successo del Cile

20 febbraio 2017 Emisfero Sud / Altri tornei
item-thumbnail

Brisbane Global Tens: nel rugby a dieci trionfano i Chiefs

Battuti in finale i Crusaders. Ecco gli spettacolari highlights

14 febbraio 2017 Emisfero Sud / Altri tornei