Rugby e regole: revisione in arrivo dopo quanto visto a Twickenham?

E Nigel Owens punzecchia Haskell: possibile non conosca la ruck?

james haskell sei nazioni

ph. Sebastiano Pessina

Quanto fatto dall’Italia contro l’Inghilterra ha ormai fatto il giro di Ovalia, raccolto qualche critica e molti elogi e a quanto pare costretto World Rugby a rivedere il regolamento. Già perché sempre più media, non ultimo l’autorevole Telegraph, scrivono che il Board internazionale sarebbe intenzionato a rivedere le regole per evitare quanto fatto in modo sistematico dall’Italia domenica a Twickenham: non contestare la situazione di placcato/placcatore, evitare il formarsi della ruck e di conseguenza restare in una situazione di gioco aperto con tutti annessi e connessi del caso (come mettersi nella traiettoria 9-primo ricevitore in piedi o marcare a uomo quest’ultimo).

Secondo il Telegraph, da parte della Federazione inglese non ci sarebbero state rimostranze ufficiali (e ci mancherebbe), ma World Rugby dovrebbe avviare a breve un Law Clarification Process che potrebbe portare ad una nuova e diversa regolamentazione della materia. “E’ una cosa abbastanza ridicola – ha dichiarato al quotidiano inglese il mediano di mischia Danny Care – Conor O’Shea (che allenava Care agli Harlequins, ndr) era il tecnico più offensivo ed è diventato ora il più negativo del gioco”. “Ho pulito sul breakdown solo tre avversari in tutto il match – continua James Haskell – E’ stato un pomeriggio bizzarro, sembrava una partita di Seven a tratti. Non mi sembrava di giocare un Test normale”.

 

 

Chi si è invece detto sorpreso della scarsa capacità dell’Inghilterra di adattarsi alla situazione è Nigel Owens. “Era una tattica già vista – ha dichiarato il fischietto più famoso di Ovalia al Daily Telegraph – L’hanno fatto anche i Dragons la scorsa settimana a Connacht, nulla di nuovo e noi arbitri avevamo già discusso come maneggiare questa situazione. Che piaccia o no, è una tattica che rientra nelle regole del gioco”. In generale invece, Owens si dice sorpreso dal siparietto Haskell-Poite: “Sono sorpreso che un giocatore non sappia le regole della ruck, anche perché negli incontri squadre-arbitri se ne discute“.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterGoogle+Pinterest
item-thumbnail

Sei Nazioni, Scozia: Huw Jones sarà assente per il resto del torneo. Da verificare invece le condizioni di Hogg

Finito il torneo per il numero 13 di Townsend, mentre sull'estremo c'è ancora incertezza

15 febbraio 2019 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Sei Nazioni 2019, Inghilterra: Eddie Jones sceglie i 25 per la sfida al Galles

Rientra Ben Te'o, mentre Itoje e Dylan Hartley rimangono indisponibili. Fra i convocati c'è anche Ollie Devoto

14 febbraio 2019 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Francia, le parole di Laporte: “Brunel? E’ l’uomo con cui continueremo a lavorare”

Il presidente federale si è espresso sulla questione riguardante la nazionale analizzando anche il resto del movimento francese

14 febbraio 2019 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Sei Nazioni 2019: Mako Vunipola salterà il resto del torneo

Il pilone inglese dovrà stare fermo per 10 settimane a causa di un problema alla caviglia

13 febbraio 2019 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Sei Nazioni 2019: il Galles può recuperare Halfpenny e Faletau in vista della sfida all’Inghilterra

L'estremo e il terza linea stanno decisamente meglio e non è escluso un loro impiego nella prossimo turno del torneo

12 febbraio 2019 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Sei Nazioni, Francia: la situazione è molto confusa. I giocatori sono pronti ad un ammutinamento

La sconfitta contro l'Inghilterra potrebbe aver scoperchiato un Vaso di Pandora molto dannoso per il rugby transalpino

12 febbraio 2019 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni