Rugby e regole: revisione in arrivo dopo quanto visto a Twickenham?

E Nigel Owens punzecchia Haskell: possibile non conosca la ruck?

james haskell sei nazioni

ph. Sebastiano Pessina

Quanto fatto dall’Italia contro l’Inghilterra ha ormai fatto il giro di Ovalia, raccolto qualche critica e molti elogi e a quanto pare costretto World Rugby a rivedere il regolamento. Già perché sempre più media, non ultimo l’autorevole Telegraph, scrivono che il Board internazionale sarebbe intenzionato a rivedere le regole per evitare quanto fatto in modo sistematico dall’Italia domenica a Twickenham: non contestare la situazione di placcato/placcatore, evitare il formarsi della ruck e di conseguenza restare in una situazione di gioco aperto con tutti annessi e connessi del caso (come mettersi nella traiettoria 9-primo ricevitore in piedi o marcare a uomo quest’ultimo).

Secondo il Telegraph, da parte della Federazione inglese non ci sarebbero state rimostranze ufficiali (e ci mancherebbe), ma World Rugby dovrebbe avviare a breve un Law Clarification Process che potrebbe portare ad una nuova e diversa regolamentazione della materia. “E’ una cosa abbastanza ridicola – ha dichiarato al quotidiano inglese il mediano di mischia Danny Care – Conor O’Shea (che allenava Care agli Harlequins, ndr) era il tecnico più offensivo ed è diventato ora il più negativo del gioco”. “Ho pulito sul breakdown solo tre avversari in tutto il match – continua James Haskell – E’ stato un pomeriggio bizzarro, sembrava una partita di Seven a tratti. Non mi sembrava di giocare un Test normale”.

 

 

Chi si è invece detto sorpreso della scarsa capacità dell’Inghilterra di adattarsi alla situazione è Nigel Owens. “Era una tattica già vista – ha dichiarato il fischietto più famoso di Ovalia al Daily Telegraph – L’hanno fatto anche i Dragons la scorsa settimana a Connacht, nulla di nuovo e noi arbitri avevamo già discusso come maneggiare questa situazione. Che piaccia o no, è una tattica che rientra nelle regole del gioco”. In generale invece, Owens si dice sorpreso dal siparietto Haskell-Poite: “Sono sorpreso che un giocatore non sappia le regole della ruck, anche perché negli incontri squadre-arbitri se ne discute“.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterGoogle+Pinterest
item-thumbnail

Sei Nazioni 2019: cosa ci dicono i numeri di fine torneo

Il Galles bada al sodo, puntando sulla propria grande difesa. Tra i singoli spicca Braam Steyn nelle statistiche individuali

item-thumbnail

Sei Nazioni 2019: Alun Wyn Jones vince il premio come miglior giocatore del torneo

Il capitano del Dragoni diventa il quinto gallese ad ottenere questo riconoscimento

item-thumbnail

Le avventure di Russellberry Finn

Sabato abbiamo visto di cosa può essere capace la Scozia quando il suo 10 è in stato di grazia

item-thumbnail

Sei Nazioni : il calendario e gli orari delle edizioni 2020 e 2021

L'Italia aprirà la sua avventura post Mondiale contro il Galles, a Cardiff, l'1 febbraio 2020

item-thumbnail

E se fosse Warren Gatland il nuovo allenatore della Francia?

Il tecnico neozelandese è ambito da molte squadre fra cui anche i Bleus, che intanto pensano a O'Gara per la RWC

item-thumbnail

Sei Nazioni 2019: il XV del Torneo secondo OnRugby

Abbiamo provato a scegliere i migliori di questa edizione del Torneo