Pro12: tutto il rammarico di Crowley e Jimenez nel post-partita

I coach di Benetton Treviso e Zebre: poca continuità e troppi errori. Budd: non giochiamo 80 minuti ad un certo livello

ph. Luca Sighinolfi

ph. Luca Sighinolfi

Due mete negli ultimi dieci minuti, un passivo ridimensionato quando ormai era troppo tardi e tante recriminazioni per non essere rimasti in partita più a lungo in precedenza. Kieran Crowley, dopo la sconfitta del Benetton Treviso contro Connacht, non può dirsi soddisfatto della prestazione dei suoi: “No, non posso essere contento – si legge su La Tribuna – Nel primo tempo abbiamo spinto con una certa continuità avendo avuto 3-4 opportunità per andare in meta ma non le abbiamo sfruttate […] Potevamo fare qualcosa di meglio – dice il coach dei Leoni. Sulla stessa lunghezza d’onda anche le dichiarazioni di Dean Budd, che va dritto al nocciolo della questione: “Il problema è che non riusciamo mai a giocare ad un certo livello per 80 minuti. Per metà partita contro i Blues il nostro rugby è stato perfetto, e neanche stavolta siamo riusciti a giocar bene per tutta la gara […] Oggi ad esempio ci è mancato l’ultimo passaggio, non siamo riusciti a concretizzare. Ci sono stati 2-3 offload che potevano portarci in mezzo ai pali”. Proprio sulla continuità di rendimento insiste il terza linea: “È un difetto che stiamo cercando di mettere a posto: è questa la nostra sfida ogni settimana. Purtroppo ci manca sempre qualcosa, anche a me, ad esempio l’ultimo quarto d’ora”.

 

Sulla sponda Zebre, battute da Ulster per 17-40 nonostante un primo tempo equilibrato, in sala stampa coach Victor Jimenez torna soprattutto sulle mancanze dei singoli: ”Penso che a momenti abbiamo fatto un buon rugby in attacco ed in difesa, ma con errori gravi individuali abbiamo pagato caro il conto – ha dichiarato l’argentino – Una buona gara da parte nostra, ma il rugby è così; dobbiamo limitare questi errori soprattutto in una partita come questa giocata alla pari”. E di fronte i bianconeri avevano gente come Pienaar, Piutau, Marshall, Olding e Tommy Bowe: “Abbiamo affrontato un Ulster quasi al completo; una formazione di alto livello, un altro rispetto al nostro”, eppure “i nostri ragazzi si sono comportati bene, rompendo più volte la linea entrando bene nella loro difesa. Abbiamo avuto più possesso rispetto alle ultime gare, con uno standard che purtroppo ci vede sempre faticare maggiormente nel secondo tempo. Con possesso e collisione oggi siamo stati all’altezza – conclude Jimenez -, anche grazie alla performance dei più giovani che possono dare tanto al futuro del movimento”.

Ha parlato anche il capitano di giornata, Valerio Bernabò: “Le gare girano su piccole cose; dettagli che cambiano l’inerzia della gara e ti tolgono il controllo. Ci sono situazioni di gestione e di uscita dal nostro campo dove dobbiamo essere più precisi – spiega il seconda linea – per scaricare la pressione in difesa e controllare meglio la gara. Quando abbiamo il possesso anche gli altri sbagliano e anche noi possiamo mettere in difficoltà gli avversari. C’è voglia di tutti di fare bene fino a fine stagione dove dobbiamo pensare solo a giocare a rugby”.

 

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

Benetton, Tiziano Pasquali: “L’idea è quella di alzare un trofeo”

Il pilone romano spiega quali sono le ambizioni personali e del club biancoverde

item-thumbnail

Benetton, Amerino Zatta: “Ogni anno ci siamo prefissati di fare un gradino alla volta”

Il presidente dei Leoni presenta la stagione 24/25 sia di URC che di Champions Cup

item-thumbnail

Zebre, Luca Bigi: “Ce lo stiamo ripetendo come un mantra, mai più ultimi”

L'ex capitano dell'Italia identifica degli obiettivi chiari: valorizzare i giovani e aumentare la competitività in URC

item-thumbnail

Comincia preparazione all’URC del Benetton: i convocati, gli assenti e il programma di lavoro

Due programmi differenti tra chi comincerà subito e i Nazionali impegnati nei test match e nelle altre competizioni

item-thumbnail

Benetton Rugby: nel 2023/24 un bilancio da 14 milioni, numeri da record destinati ad aumentare

Il bilancio consuntivo del club trevigiano evidenzia una crescita esponenziale sul piano organizzativo e finanziario

item-thumbnail

URC: un rinforzo in prima linea per le Zebre 2024/25

La mischia della franchigia ducale si arrichisce di un giocatore proveniente dalla Serie A Elite