Festuccia, Guidi e l’addio alle Zebre: un’intervista che farà discutere

Il tallonatore, tornato ai Wasps, non usa mezzi termini sull’esperienza in bianconero

carlo festuccia wasps

ph. Peter Cziborra/Action Images

Che l’amore tra Festuccia e le Zebre non fosse mai scattato, era una sensazione che più di qualcuno aveva avuto. E dopo la sfida tra le due squadre dello scorso 22 gennaio, è arrivata l’ufficialità del ritorno del tallonatore nel club dove aveva militato nelle tre stagioni precedenti. Nei mesi trascorsi alla Cittadella, Festuccia ha collezionato nove presenze in Pro12 e quattro in Champions Cup, per un totale di 355 minuti che diluiti in 13 partite complessive (di cui appena 2 da titolare) significa nemmeno mezzora a partita. Decisamente poco, considerando gli obiettivi con cui Festuccia era tornato in Italia (tra questi anche riconquistare la maglia azzurra, come raccontato nell’intervista fatta lo scorso luglio). Per questo, ma anche per molto altro, è maturata la decisione di tornare ai Wasps con cui ha già collezionato due partenze da titolare su tre match giocati dalla squadra (contro gli Ospreys in Anglo Welsh Cup e contro gli Exeter domenica in Premiership, partita pareggiata 35-35). Vero che in periodo di Sei Nazioni mancano gli internazionali, con Ashley Johnson che va in terza, ma alle Zebre considerando l’indisponibilità di Manici e la squalifica di Fabiani, un maggior impiego era, almeno sulla carta, prevedibile. E ora, dalle pagine di Abruzzo Live, Festuccia parla proprio dell’addio alle Zebre.

 

Sono andato via perché mi son reso conto di non essere utile alla squadra – esordisce – […] Per quanto mi riguarda, un contatto con i Wasps c’era già stato a ottobre ma vista la squalifica di Fabiani, non me la sono sentita di abbandonare la nave e quindi ho tenuto fede al mio impegno. Mi hanno richiamato a Natale e ho detto loro che dalla metà di gennaio sarei stato disponibile al trasferimento”. Il problema principale è stato il rapporto con coach Guidi: “Da questo punto di vista, Gianluca Guidi non mi è stato d’aiuto nonostante avessi parlato di ciò con lui. Ho visto che da parte sua non c’era una grande apertura per cui ho deciso di concentrarmi solo sul campo”, dice Festuccia a proposito della chiusura dell’ex tecnico dei ducali circa un eventuale coinvolgimento di Festuccia in vista di “un futuro da allenatore”.

Una cosa che mancava ultimamente in casa Zebre era il divertimento: “Se ciò non avviene, neanche in allenamento, allora ci sono problemi seri. Il professionismo è importante ma il divertimento è tutto […] Ecco perché si è creata una ferita insanabile tra Guidi e la squadra che, a un certo punto, l’ha delegittimato. Già dopo il suo esonero, l’aria che si respirava agli allenamenti era cambiata, testimonianza palese che uno dei problemi principali era lui. È chiaro che l’ambiente fosse ormai deteriorato”.

 

Per un giocatore proveniente dai Wasps, contesto e realtà sono decisamente di un altro livello: “Le cose sono cambiate dal momento che non è più  gestita direttamente dalla federazione. Rispetto a società francesi o inglesi è, sicuramente, una realtà dilettantistica, semi professionistica al massimo […] E’ una società gestita come, forse, era gestito il mio Gran Parma dieci anni fa”.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

L’inversione a U di Huw Jones: andrà agli Harlequins

Il centro scozzese ha fatto saltare l'accordo con Bayonne dopo la retrocessione del club in ProD2

6 Luglio 2021 Emisfero Nord / Premiership
item-thumbnail

Premiership: i Wasps ingaggiano un All Black

Vaea Fifita raggiungerà gli ex compagni di squadra Brad Shields e Jeff Toomaga-Allen a Coventry

30 Giugno 2021 Emisfero Nord / Premiership
item-thumbnail

Inghilterra: La rivoluzione della Premiership

La RFU ha deciso degli importanti cambiamenti che riguarderanno le prossime stagioni del massimo campionato inglese

29 Giugno 2021 Emisfero Nord / Premiership
item-thumbnail

Video: Le due mete decisive di Louis Lynagh, nella finale di Premiership

Il giovane trequarti classe 2000 ha deciso la finale di Premiership con due mete: rivediamole

28 Giugno 2021 Emisfero Nord / Premiership
item-thumbnail

Video: l’intervista di Joe Marler post finale di Premiership di cui tutti parlano

Il pilone inglese è stato eletto man of the match dell'incontro di Twickenham

27 Giugno 2021 Foto e video
item-thumbnail

Harlequins campioni d’Inghilterra. Vittoria da sogno (38-40) in finale di Premiership sui Chiefs

Decisiva la doppia meta nel finale di Louis Lynagh, figlio d'arte nato a Treviso da madre italiana

27 Giugno 2021 Emisfero Nord / Premiership