Leinster è troppo per queste Zebre: ducali battuti 70-6

A Dublino irlandesi superiori e a referto con dieci mete

leinster pro12

ph. Sebastiano Pessina

DUBLINO – Dopo un buon inizio delle Zebre Leinster va in meta al 4’ con Sean O’Brien dopo una bella combinazione fra Ringrose e Henshaw, anche se sull’ultimo passaggio pesano sospetti di in avanti, confermati dai replay. L’arbitro non chiede il Tmo e Sexton converte quasi dalla linea laterale, 7-0. Nell’azione si infortuna Ceccarelli, sostituito da Roan. Greeff evita la seconda meta di O’Brien poco dopo sgambettandolo lanciato verso la meta sulla sinistra.

Errori che a questo livello non sono ammissibili: Padovani su una punizione dai propri 35 metri centrali non trova la touche. Al 13’ splendido contropiede delle Zebre: l’ovale arriva a Greeff sull’ala destra, calcetto che scavalca Rory O’Loughlin ma lui e Padovani non riescono a schiacciare nell’area di meta. Il buon momento delle Zebre continua, Padovani va in piazzola per un tenuto e segna i primi tre punti bianconeri: 7-3 al 15’. Leinster va in rimessa laterale su una punizione dai 30 metri centrali. Niente da fare sul carretto seguente e Hayden Triggs schiaccia la seconda meta. Al 20’ è 14-3 Leinster con la trasformazione.

 

L’impegno delle Zebre è frustrato anche dalla rimessa laterale, al 22’ i parmigiani ne hanno già perse due delle proprie. Padovani di nuovo in piazzola al 25’ su tenuto irlandese dopo una fase di gioco confusa: il calcio da 35 metri è fra i pali, 14-6. Palla al centro, disattenzione difensiva e terza meta di Luke McGrath che schiaccia sotto i pali senza aver incontrato nessuna resistenza su assist di Kirchner.

La quarta meta del bonus point arriva al 31’ con Cian Healy, convalidata con assistenza del Tmo. Dopo un attacco italiano fermato sui cinque metri, McGrath sfugge alla difesa nel recupero e serve O’Loughlin per la quinta meta.

 

 

Il secondo tempo inizia con Festuccia al posto di D’Apice. Leinster continua a spingere come se il risultato non fosse acquisito e va in meta per la sesta volta con Ringrose (rebus irrisolto per tutta la partita, premiato col titolo di man of the match) dopo una veloce combinazione con McGrath (idem come sopra).

Inizia la girandola dei cambi e le Zebre con Festuccia, Palazzani e Venditti in campo si portano nei 22 avversari. Da segnalare alcune buone iniziative di Federico Ruzza. Al 55’ come prevedebile escono McGrath e Sexton. Leinster ormai con i cinque punti in tasca inizia a pensare alla Champions Cup e non spinge più con la stessa intensità.

 

Passano dunque un po’ di minuti di equilibrio prima che torni ad affondare senza pietà nella difesa italiana. Prima O’Loughlin segna la propria tripletta personale con la meta numero sette su assist di Gibson Park e la otto sul lato destro. Un giallo un po’ fiscale a Roan al 74′ per un placcaggio pericoloso su Toner, dà il là alla meta di Ringrose. Finisce 70-6.

 

 

Leinster: 15 Zane Kirchner, 14 Adam Byrne, 13 Garry Ringrose, 12 Robbie Henshaw, 11 Rory O’Loughlin, 10 Johnny Sexton (c), 9 Luke McGrath, 8 Jack Conan, 7 Sean O’Brien, 6 Dan Leavy, 5 Hayden Triggs, 4 Devin Toner, 3 Michael Bent, 2 James Tracy, 1 Cian Healy
A disposizione: 16 Sean Cronin, 17 Jack McGrath, 18 Tadhg Furlong, 19 Rhys Ruddock, 20 Jamie Heaslip, 21 Jamison Gibson-Park, 22 Ross Byrne, 23 Noel Reid

Marcatori Leinster
Mete: Sean O’Brien (4′), Hayden Triggs (18′), Luke McGrath (26′), Cian Healy (30′), Rory O’Loughlin (40′, 68′, 71′), Garry Ringrose (47′, 74′), Jamie Heaslip (79′)
Conversioni: Johnny Sexton (5′, 19′, 27′, 31′, 40′, 48′), Ross Byrne (69′, 72′, 75′, 80′)
Punizioni:

 

Zebre Rugby: 15 Kurt Baker, 14 Mattia Bellini, 13 Matteo Pratichetti, 12 Tommaso Castello, 11 Lloyd Greeff, 10 Edoardo Padovani, 9 Marcello Violi, 8 Andries Van Schalkwyk, 7 Federico Ruzza, 6 Derick Minnie, 5 George Biagi (c), 4 Gideon Koegelenberg, 3 Pietro Ceccarelli, 2 Tommaso D’Apice, 1 Andrea Lovotti
A disposizione: 16 Carlo Festuccia, 17 Andrea De Marchi, 18 Guillermo Roan, 19 Joshua Furno, 20 Maxime Mbandà, 21 Guglielmo Palazzani, 22 Giovanbattista Venditti, 23 Serafin Bordoli

Marcatori Zebre Rugby
Mete:
Conversioni:
Punizioni: Edoardo Padovani (15′, 25′)

 

di Damiano Vezzosi

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Zebre, Bradley: “Un grande lavoro di squadra, ma troppi errori ci hanno condannato”

Mike Bradley analizza la prestazione delle Zebre contro Edimburgo, fra aspetti positivi e altri su cui lavorare in vista delle prossime partite.

item-thumbnail

URC, le Zebre fanno progressi ma gli errori sono tanti. Vince Edimburgo 27-10

I ducali lasciano tutto sul campo, ma in attacco sono ancora balbettanti. Gli scozzesi centrano il bonus a tempo scaduto

item-thumbnail

URC: la preview di Zebre-Edimburgo

Gli emiliani cercano la prima vittoria stagionale, gli scozzesi invece vogliono riconfermarsi. Kick off alle 14

item-thumbnail

Dove si vede Zebre-Edimburgo, in tv e streaming – United Rugby Championship

I dettagli per seguire la partita dei ducali contro gli scozzesi

item-thumbnail

URC: ecco le Zebre che attendono Edimburgo con sei novità dal primo minuto

Seconda avversaria scozzese in due settimane al Lanfranchi. I ducali cercano di rialzarsi dopo la prova opaca offerta contro Glasgow

item-thumbnail

Zebre, Bradley: “Contro Glasgow create molte opportunità, risultato deludente”

Michael Bradely si dice deluso per il risultato del match contro Glasgow Warriors di sabato, ma guarda avanti con ottimismo verso il futuro.