35 cartellini in un turno di Coppe: quando il rugby scoprì di avere delle regole

La tolleranza zero del 2017 è già iniziata. E non mancano le polemiche

timisoara cartellino rosso rugby

ph. Reuters

Non abbiamo le statistiche in mano, ma se non è un record siamo pronti a scommettere che poco ci manca. L’ultimo weekend di Coppe Europee è stato caratterizzato da una pioggia di cartellini gialli e rossi: nelle 20 partite complessivamente disputate tra Champions e Challenge Cup, i direttori di gara hanno estratto ben 35 cartellini: 6 rossi (tutti diretti) e 29 gialli. Solamente le sfide Glasgow-Racing92 e Tolosa-Zebre si sono giocate in parità numerica per tutti e ottanta i minuti di gara. I match più interessati sono stati Brive-Enisei (quattro gialli), Harlequins-Tmisoara (due rossi), Leicester-Munster (tre gialli) e Sale-Saracens (tre gialli).

 

Un weekend particolarmente “scorretto” che, tuttavia, non è un’eccezione, in quanto già il fine settimana precedente aveva fatto registrare ben 25 cartellini (tre rossi e 22 gialli). Rivedendo e analizzando alcuni dei 35 episodi sopra citati, insomma, la sensazione è che soprattutto in certe aree del gioco si stia andando verso un livello di tolleranza sempre più vicino allo zero. Il fatto che tutto ciò avvenga a fine anno e in due competizioni in cui sono complessivamente coinvolte otto diverse federazioni è indicativo della strada che, da questo punto di vista, il rugby sta intraprendendo. Il trend è chiaro: nell’epoca del rugby iper-fisico e iper-veloce, ma anche dei casi North, una più severa regolamentazione di alcune delle più delicate aree di gioco e contatto diventa fondamentale per preservare l’integrità etica del gioco e fisica degli atleti.

 

 

Bordeaux-Exeter: rosso a Nans Ducuing

Al minuto 48′ della ripresa, l’ala di casa Nans Ducuing frana addosso al diretto avversario Woodburn in aria, che cade in maniera molto pericolosa a terra impattando il terreno con collo e parte alta della schiena. Non sembra vi sia volontarietà da parte di Ducuing, che però una volta arrivato a tutta velocità nella zona di caduta non calcola bene il proprio svantaggio di posizione rispetto all’avversario senza controllare la propria corsa. In simili situazioni, insomma, viene meno la cosiddetta Duty of Care, che deve essere garantita dall’arbitro nei confronti dei giocatori. E nei confronti della quale, anche la volontarietà del gesto viene meno in sede di espulsione (ma non in sede di discussione  di eventuali squalifiche maggiori).

 

 

 

Castres-Montpellier: rosso a Paul Willemse

Finalmente, verrebbe da dire. Che breakdown e rolling maul stiano diventando un po’ una giungla, tra prese al collo e inutili entrate di spalla su avversari “inermi” ai fini dell’azione, è ormai sotto gli occhi di tutti. Quanto fatto dal seconda linea Paul Willemse merita l’espulsione diretta per la pericolosità del gesto (spalla/gomito contro parte alta del corpo), nella speranza che di queste pulizie (di cui purtroppo il rugby internazionale abusa) se ne vedano sempre meno grazie alla tolleranza zero.

 

 

 

Bath-Cardiff Blues: rosso a George Earle

Ancora una volta, come nel caso di Ducuing, è difficile arrivare ad una risposta definitiva sull’intenzionalità o meno del gesto. Ma nei prossimi mesi è molto probabile che la pena in campo sia (quasi) sempre la massima possibile, in virtù di quella mancanza di Duty of Care da parte del giocatore coinvolto.

 

 

Harlequins-Timisoara: rossi a Randall Morrison e Mat Luamanu

Doppio cartellino rosso per analogo motivo nel corso della sfida tra Quins e Tmisoara. Il primo a lasciare il campo è il giocatore della squadra rumena Randall Morrison ad inizio match (0:15 del video), mentre nei minuti finali è il flanker ex Benetton a vedersi sventolare in faccia il rosso (3:24). Decisione sacrosanta in entrambi i casi e da cui potrebbero arrivare due squalifiche superiori alla singola giornata, soprattutto in caso del recidivo Luamanu (già sospeso cinque settimane a novembre per placcaggio pericoloso). Entrambi gli episodi sono esemplificativi del nuovo corso voluto da World Rugby in merito ai contatti con la testa e il collo dell’avversario, in vigore ufficialmente solo dal prossimo 3 gennaio, ma di fatto già applicato dai direttori di gare in questi ultimi due weekend europei.

 

 

Le reazioni a caldo

La maggiore severità degli arbitri non ha lasciato indifferenti gli allenatori delle squadre coinvolte in alcuni episodi, come Rob Baxter: il coach di Exeter ha ammesso di aver provato una sensazione spiacevole nel momento in cui Ducuing è stato espulso: “Da persona che vive di rugby, se devo essere onesto al 100%, sinceramente non ho gradito molto. Non mi fraintendete, l’arbitro ha preso la decisione corretta e ha interpretato giustamente le regole, ma si può comminare un cartellino rosso quando entrambi i giocatori si contendono il pallone? – ha dichiarato Baxter – Il giocatore di Bordeaux non era intenzionato a placcare in aria. Stava guardando il pallone, la collisione è avvenuta e si è conclusa con l’espulsione”. Il tecnico dei Chiefs ha poi continuato a sollevare dei dubbi in merito alla questione: “Noi tutti comprendiamo le ragioni di queste direttive, atte a proteggere i giocatori, ma questo porta ad essere espulsi per gesti di cui i giocatori non hanno grandi colpe”.

 

Non utilizza giri di parole invece il coach dei Sale Sharks, Steve Diamond. Nella sconfitta patita per mano dei Saracens con il punteggio di 10-24, i padroni di casa hanno ricevuto ben tre cartellini gialli nel giro di 23 minuti (al 44′ Webber, al 56′ Evans, al 67′ Ioane), scatenando le critiche del tecnico inglese: “Abbiamo intenzione di farlo diventare touch rugby? Non so chi è stato consultato quando sono state fatte queste modifiche. Non me. Queste nuove regole sono state introdotte velocemente e per giocatori e allenatori devono adattarsi in maniera altrettanto rapida. Penso sia difficile ad essere onesti. Le decisioni – conclude Diamond – vengono lasciate agli arbitri, ma loro probabilmente non sanno quello che fanno la metà delle volte”.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterGoogle+Pinterest
item-thumbnail

Continental Shield: Calvisano, contro l’Heildelberger bisogna solo vincere

Per la squadra di Brunello ci sarà un solo risultato a disposizione. Diretta su The Rugby Channel alle ore 15

20 gennaio 2018 Coppe Europee / Continental shield
item-thumbnail

Challenge Cup: Pau corsara al Kingsholm, quarto di finale in casa

I francesi partono lentamente ma poi battono Gloucester e conquistano imbattuti la vetta della Pool 3

20 gennaio 2018 Coppe Europee / Challenge Cup
item-thumbnail

Champions Cup: Benetton Treviso, ultimo tango a Monigo

In Veneto arriva Bath, a cui serve una vittoria per sperare. Dall'altra dei Leoni in cerca di gloria

20 gennaio 2018 Pro 14 / Benetton Rugby
item-thumbnail

Challenge Cup: Zebre, missione riscatto

A Parma la sfida ad Agen, penultima in Top 14. La voglia e l'importanza di vincere

20 gennaio 2018 Coppe Europee / Challenge Cup
item-thumbnail

Champions Cup: il XV di Treviso per affrontare Bath

Crowley ha annunciato la propria formazione per l'ultimo turno di Champions. A Monigo gli inglesi devono fare risultato.

19 gennaio 2018 Coppe Europee / Champions Cup
item-thumbnail

Challenge Cup: le Zebre migliori per chiudere il cammino

Contro Agen coach Bradley vuole vincere: sono dodici gli Azzurri messi in campo

19 gennaio 2018 Coppe Europee / Challenge Cup