Martin Castrogiovanni: storia di un pilone di altissimo livello

Ha ufficialmente appeso le scarpe al chiodo uno dei giocatori più importanti del rugby italiano

martin castrogiovanni

ph. Reuters

E’ sceso in campo al torneo riservato ai “gordos” in occasione del Seven del Plumazo e l’ultima maglia da rugby usata è la prima indossata, quella del Club Atlético Estudiantes di Paraná, città dove e nato e dove ha mosso i primi passi ovali. Si è conclusa ufficialmente sabato 17 dicembre la carriera rugbistica di Martin Castrogiovanni, pilone classe 1981 e uno dei monumenti del rugby azzurro.

 

Da quei primi allenamenti a Paranà, si aprirà per Castrogiovanni una carriera di altissimo livello. Arrivato in Italia nel 2001 per giocare con Calvisano, l’anno dopo arriverà già la chiamata in Nazionale: l’esordio l’8 giugno 2002 ad Hamilton contro la Nuova Zelanda, nel giorno in cui debuttò sul palcoscenico internazionale anche Sergio Parisse. Da allora saranno 119 i caps collezionati dal pilone, secondo giocatore di sempre per presenze in azzurro e decimo nella classifica assoluta mondiale, dietro a mostri sacri come McCaw, O’Driscoll e Gregan.

 

A livello di club invece arriva nel 2006 la chiamata a Leicester, dove Martin Castrogiovanni si imporrà all’attenzione mondiale come uno dei migliori destri di tutta Ovalia: alla fine della prima stagione in Premiership vincerà il premio di miglior giocatore del torneo, primo pilone e secondo non inglese di sempre ad aggiudicarsi il prezioso titolo dopo il flanker sudafricano Jake Boer nel 2003 con Gloucester. Con la maglia dei Tigers tra il 2006 e il 2013 collezionerà 97 presenze con cinque mete marcate nel massimo campionato inglese e 42 in Heineken Cup: solleverà quattro Premiership in sette anni.

 

Poi arriva la chiamata con il prestigioso Tolone, dove metterà in bacheca un Top14 e due Heineken Cup. Il resto è storia recente, con il trasferimento al Racing92, il Mondiale 2015 abbandonato per motivi di salute e il caso Las Vegas. Mettendo insieme i numeri complessivi arriviamo a quasi 10.000 minuti di rugby club professionistico in giro per l’Europa in dieci stagioni e 6.000 a livello internazionale.

Ieri ha ufficialmente detto stop uno dei giocatori più importanti della storia del rugby italiano, tanto dentro quanto fuori dal campo per far uscire la palla ovale dalla propria nicchia anche grazie alla riconoscibilità pubblica dei propri interpreti. E uno dei migliori piloni destri del rugby professionistico.

 

 

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

Farrell ha dato del “tuffatore” (e non solo) a un avversario. E per RugbyPass il rugby ha un problema con le simulazioni

Il mediano inglese si è arrabbiato tantissimo per una simulazione di Bevan Rodd durante Saracens-Sale, apostrofandolo duramente, e secondo Andy Goode ...

24 Maggio 2024 Terzo tempo
item-thumbnail

European OnRugby Ranking: Leinster perde la vetta, il Benetton la top 20

L'ultimo aggiornamento della classifica prima delle finali delle Coppe europee

22 Maggio 2024 Terzo tempo
item-thumbnail

Ugo Gori: “Dopo il ritiro aprirò una gelateria. L’Italia può rompere il tabù del tour estivo. Benetton fantastico”

Il mediano di mischia appende gli scarpini al chiodo: "La cucina è la mia seconda passione, vorrei fare anche lo chef a domicilio. Gli Azzurri rispett...

17 Maggio 2024 Terzo tempo
item-thumbnail

European OnRugby Ranking: i Saracens entrano nella top10, Benetton guadagna 7 posizioni

Leinster sempre al comando, fuori dalla Top10 La Rochelle

15 Maggio 2024 Terzo tempo
item-thumbnail

European OnRugby Ranking: cambio al vertice, il Benetton va giù

Le semifinali europee hanno un grosso influsso sulla classifica settimanale dei club

9 Maggio 2024 Terzo tempo
item-thumbnail

La Francia contro World Rugby e l’espulsione da 20 minuti: “Non è vero che i rossi uccidono le partite”

Il vicepresidente della FFR Jean-Marc Lhermet: "Su 160 partite giocate in Tier 1 dal 2021, 30 hanno visto cartellini rossi: la squadra numericamente i...

2 Maggio 2024 Terzo tempo