Brendan Venter, il sudafricano che mandò il Sudafrica all’inferno

L’interim coach della difesa azzurra tra gioia e sofferenza. E racconta la chiamata (in ritardo) di Coetzee

brendan venter italia nazionale

ph. Sebastiano Pessina

C’è una prova difensiva enorme dietro la storica vittoria di Firenze contro il Sudafrica. E dietro la prova difensiva c’è il lavoro dello staff azzurro che può contare per questo novembre internazionale sull’aiuto di Brendan Venter, ex allenatore di London Irish e Saracens entrato nello staff tecnico della Nazionale con il compito proprio di defence coach. Da avversario Venter ha contribuito alla storica debacle del Sudafrica, con la cui maglia ha vinto la Rugby World Cup 1995 (per lui 17 caps dal 1994 al 1999).

 

“Ho sentito la stessa sofferenza provata da mio figlio e da tutto il resto del Sudafrica – ha dichiarato Venter al media sudafricano Netwerk24 – Ho giocato per questa squadra e le persone oggi coinvolte in tutto ciò sono anche amici”. L’ex trequarti centro degli Stormers ha poi svelato la richiesta dell’head coach Springboks coach Coetzee di unirsi al suo staff per l’autunno internazionale; richiesta arrivata due settimane dopo quella dell’Italrugby. “Insinuare che ho preferito l’Italia al Sudafrica è assurdo – precisa – La prima richiesta di Conor O’Shea è di sei mesi fa, cosa che mi ha permesso di organizzarmi con il lavoro di medico, che è la mia priorità. Ma a quel punto non potevo certo non rispettare la parola data”.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

Giappone-Italia: 80 minuti per chiudere col sorriso una stagione indimenticabile

Il 2024 sarà comunque da ricordare per il rugby azzurro, ma una vittoria certificherebbe un nuovo status per la nazionale

20 Luglio 2024 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia, Gonzalo Quesada: “Il Giappone vuole essere la squadra più veloce del mondo”

In conferenza stampa l'head coach degli Azzurri guarda alle scelte di formazione, al riposo dei protagonisti e all'approccio alla sfida contro il Giap...

19 Luglio 2024 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Summer Series: 4 cambi nella formazione dell’Italia per l’ultimo test contro il Giappone

Ritorna Louis Lynagh dal primo minuto, mentre davanti sono 3 le modifiche operate dal tecnico azzurro. In panchina si rivede Zanon

19 Luglio 2024 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia, Danilo Fischetti: “Contro il Giappone imporci fisicamente senza mai perdere la concentrazione”

Il pilone si proietta verso la sfida contro i nipponici: in programma domenica 21 luglio

18 Luglio 2024 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Sebastian Negri lascia il raduno Azzurro e torna in Italia

Il flanker della nazionale costretto a dare forfait a causa di un infortunio

17 Luglio 2024 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia, Monty Ioane: “A Tonga ritrovata energia positiva, col Giappone partita molto diversa dalle altre due”

Il trequarti ala plaude alla reazione del gruppo e mette in guardia dalle competenze tecniche di Eddie Jones

17 Luglio 2024 Rugby Azzurro / La Nazionale