Test Match: gli All Blacks non concedono il bis. Irlanda battuta 21-9

A Dublino neozelandesi determinati e cinici, che vincono ma senza dominare

irlanda nuova zelanda all blacks

ph. Clodagh Kilcoyne/Action Images

DUBLINO – Niente numero otto in risposta alla haka, gli irlandesi stanno in fila sui propri 40 metri. Gli All Blacks fanno subito capire le proprie intenzioni andando in meta dopo meno di tre minuti con Fekitoa a sinistra dopo un multifase senza errori. Decisivo uno splendido calcio laterale di Barrett che non dà il tempo alla difesa di adeguarsi. Trasformazione quasi dall’angolo e 7-0. L’Irlanda reagisce con una gran corsa di Heaslip che buca la difesa e serve O’Brien, tenuto alto nell’area di meta. Dopo la mischia ordinata sui cinque metri l’Irlanda entra di nuovo area di meta con Murray che viene tenuto ancora alto: stavolta si sceglie la punizione che Sexton manda fra i pali, 3-7. Poco dopo colpo al collo di Read a Henshaw che va a terra tramortito. Il pubblico ulula chiedendo almeno il giallo ma l’arbitro non fischia. Le telecamere mandano sui maxischermi la rabbia di Joe Schmidt; il colpo sembrava intenzionale. Entra Garry Ringrose, alla seconda presenza in nazionale dopo il debutto di sette giorni fa. Trimble sfiora il capolavoro intercettando un offload di Barret ma sulla mischia consecutiva Barret va in meta bucando la difesa. Dal replay sembra che il recupero in extremis di Sexton tenga il pallone alto ma il TMO convalida e lo stesso Barret trasforma il 14-3. Jordi Murphy, in campo a Chicago e oggi infortunato, twitta “Vergognoso”.

 

La partita si incattivisce, i contatti sporchi nei raggruppamenti aumentano. L’arbitro dà il giallo ad Aaron Smith ma nell’azione si fa male Sexton, costretto a uscire. Un velo sui cinque metri manda in fumo l’occasione. I verdi ci riprovano con una lunga serie di cariche e un paio di break (Stander e Heaslip), costringendo Read al fallo sotto i propri pali. Mischia ordinata con fallo, come la volta precedente si scelgono i pali e Jackson non sbaglia: 6-14. Gli All Blacks giocano con un’aggressività incredibile e sempre sul filo del fallo. Al 29’ Barret ruba l’ovale a Jackson ma nel farlo fa in avanti e la meta sotto i pali viene annullata. L’Irlanda gioca con determinazione e intensità (il possesso alla fine primo tempo è 57-43 per i verdi), fa un lavoro pazzesco sui punti di incontro, però Jackson non ha il piede di Sexton e questo rende i verdi molto più prevedibili in attacco, nonostante la monumentale partita di Heaslip e O’Brien. Si va negli spogliatoi con l’Irlanda tutto sommato a contatto (6-14) ma l’inerzia della partita è tutta in nero.

 

 

 

Si ricomincia e l’Irlanda pianta le tende nei 22 neozelandesi. Moltissime fasi, un paio di break di Ringrose (a suo agio anche a questo livello) e alla fine Fekitoa prende per il collo Zebo prendendosi il giallo. Sean O’Brien commette il primo errore della partita non tenendo un passaggio di Heaslip che lo avrebbe mandato in meta. Gli All Blacks passano la metà campo per la prima volta dopo quasi 14 minuti con una rimessa letarale a sorpresa, Kearney ferma Smith a 10 metri dalla meta.

Si torna dall’altra parte e Ringrose e Murray costringono al tenuto i neri, punizione e Jackson porta l’Irlanda a -5 sul 9-14. All Blacks di nuovo avanti ma Dagg non controlla un off load sui 15 metri graziando l’Irlanda. I verdi però sono stanchi e la Nuova Zelanda va in meta con una fantastica combinazione in velocità. Best protesta per un in avanti di Barret nell’ultimo passaggio (assai sospetto a giudicare dai replay) ma l’arbitro non va neanche dal Tmo. Barret trasforma il 21-9 che mette in ginocchio l’Irlanda. I verdi tornano nei 22 avversari e riescono a metterli sotto anche se hanno in campo ormai tutta la panchina (mostrando una profondità non abituale), ma la difesa degli All Blacks regge, anche perché Jackson non usa mai il piede.

 

Irlanda: 15 Rob Kearney 14 Andrew Trimble, 13 Jared Payne, 12 Robbie Henshaw, 11 Simon Zebo, 10 Johnny Sexton, 9 Conor Murray, 8 Jamie Heaslip, 7 Sean O’Brien, 6 CJ Stander, 5 Devin Toner, 4 Donnacha Ryan, 3 Tadhg Furlong, 2 Rory Best (c), 1 Jack McGrath
A disposizione: 16 Sean Cronin, 17 Cian Healy, 18 Finlay Bealham, 19 Iain Henderson, 20 Josh van der Flier, 21 Kieran Marmion, 22 Paddy Jackson, 23 Garry Ringrose

Marcatori Irlanda
Mete:
Conversioni:
Punizioni: Johnny Sexton (9′), Paddy Jackson (24′, 57′)

 

All Blacks: 15 Ben Smith, 14 Israel Dagg, 13 Malakai Fekitoa, 12 Anton Lienert-Brown, 11 Julian Savea, 10 Beauden Barrett, 9 Aaron Smith, 8 Kieran Read (c), 7 Sam Cane, 6 Liam Squire, 5 Samuel Whitelock, 4 Brodie Retallick, 3 Owen Franks, 2 Dane Coles, 1 Joe Moody
A disposizione: 16 Codie Taylor, 17 Wyatt Crockett, 18 Charlie Faumuina, 19 Scott Barrett, 20 Ardie Savea, 21 TJ Perenara, 22 Aaron Cruden, 23 Waisake Naholo

Marcatori All Blacks
Mete: Malakai Fekitoa (3’, 65′) Beauden Barrett (13’)
Conversioni: Beauden Barrett (4’, 14’, 68′)
Punizioni:

 

di Damiano Vezzosi

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Os Du Randt torna sul campo per allenare la mischia della Russia

Il leggendario pilone sudafricano si rimette in discussione per provare a rialzare la Russia dopo un periodo di risultati poveri

item-thumbnail

Dopo tre anni, nel 2022 l’Argentina tornerà a giocare in patria: ecco l’avversaria di luglio

I Pumas sfideranno la Scozia in una serie di tre test match, uno dei quali sarà disputato in una città che mai aveva visto la Nazionale

28 Dicembre 2021 6 Nazioni – Test match / Test Match
item-thumbnail

Dick Muir è il nuovo head coach della Russia

Ex assistente degli Springboks e head coach degli Sharks proverà a risollevare il movimento dalla crisi che sta attraversando

24 Dicembre 2021 6 Nazioni – Test match / Test Match
item-thumbnail

Eddie Jones sorprende tutti: “Rassie Erasmus? Aveva ragione sugli arbitri, ma è mancato il rispetto”

Il tecnico dell'Inghilterra ha analizzato quello che è successo con il Director of Rugby degli Springboks

22 Dicembre 2021 6 Nazioni – Test match / Test Match
item-thumbnail

Gli higlights di Paesi-Bassi Spagna. Giocatore iberico in fin di vita per un incidente dopo la partita

Vittoria a due facce per la Spagna, che chiude il torneo in quarta posizione ma è molto preoccupata per uno dei suoi equiparati

21 Dicembre 2021 6 Nazioni – Test match / Test Match