Vigilia di Italia-All Blacks, qui Azzurri: tra prime volte e ambizione

Mancano 24 ore alla sfida dell’Olimpico. Dove verranno anche premiati quattro grandi Azzurri

italia all blacks Italia-All Blacks

ph. Max Rossi/Action Images

Ancora 24 ore, poi Italia e All Blacks scenderanno in campo all’Olimpico di Roma nel match che inaugura il novembre internazionale degli Azzurri e nella prima partita davanti al pubblico amico del nuovo staff guidato dal Commissario Tecnico Conor O’Shea. Un incontro dal sapore sempre particolare, contro una squadra reduce dalla sconfitta contro l’Irlanda a Chicago e affamata di riscatto. Il coach irlandese ha dichiarato che quella che vedremo in campo non sarà una formazione sperimentale ma la migliore possibile, con Bronzini all’esordio da titolare a numero nove, McLean a primo centro e Bisegni all’ala. Quello che è sicuro è che per molti giocatori sarà la prima volta contro i tutti neri e proprio diversi giovani hanno parlato in conferenza stampa.

 

Chiede tanta comunicazione Carlo Canna, che siederà in regia (e che ha ricevuto parole di complimenti da parte del suo omologo Cruden): “Vogliamo portare avanti la nostra filosofia di gioco. In campo sarà fondamentale la comunicazione tra di noi. I complimenti di Cruden fanno piacere, anche noi studiamo molto i nostri avversari e su di lui c’è poco da aggiungere: è uno dei migliori al mondo. Stiamo lavorando a ritmi molto elevati in allenamento e tutti non vediamo l’ora di scendere in campo. Il calore dello Stadio Olimpico ci aiuterà a dare il massimo”.

 

Tra i migliori giocatori nel tour di giugno Oltreoceano e nell’avvio di stagione delle Zebre c’è sicuramente il flanker classe 1993 Maxime Mbandà. “La convocazione in Nazionale ha sempre un sapore speciale. Da questa esperienza con l’Italia posso solo imparare e migliorare. Lavorare con O’Shea, De Carli e due campioni del mondo come Catt e Vender è un onore che non tutti hanno. Gli All Blacks? E’ la partita che ogni rugbista sogna di giocare”.

 

Un salto vertiginoso è invece quello che aspetta a Giorgio Bronzini, mediano di mischia classe 1990 che a maggio giocava in Eccellenza con Rovigo e ora, a cinque mesi di distanza, si prepara all’esordio internazionale contro i bi campioni del mondo in carica: “Non sto nella pelle. Ho voglia di scendere in campo – racconta il numero nove della Benetton – Qualche mese fa giocavo in Eccellenza, ora affronterò i campioni del mondo con la maglia dell’Italia: mi sembra di vivere un sogno. A Treviso con l’aiuto di Edoardo (Gori, ndr) ho aumentato la fiducia in me stesso, fattore che mi ha aiutato nelle mie prestazioni”.

 

Di lavoro e fiducia nel nuovo staff ha invece parlato Leonardo Ghiraldini, dall’alto dei suoi 81 caps: “E’ sempre importante confrontarsi contro le migliori squadre del mondo. Il nostro obiettivo è quello di giocare il miglior rugby possibile e O’Shea sta costruendo un gruppo molto valido composto da un mix di atleti con maggiore esperienza e atleti giovani e molto interessanti. Conor è un allenatore molto ambizioso e noi dobbiamo esserlo ancora di più. Non c’è niente di meglio che giocare contro squadre forti in casa nostra. Siamo carichi e daremo il massimo in campo”.

 

Sabato all’Olimpico saranno inoltre premiati per la loro carriera Marco Bortolami, Andrea Lo Cicero, Andrea Masi e Michela Tondinelli, 86 caps con la maglia dell’Italdonne.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

Italia, Niccolò Cannone: “È un momento importante per il nostro rugby, non abbiamo mai smesso di crederci”

Intervistato durante la nuova puntata del nostro Podcast, l'Azzurro ha rimarcato il duro lavoro che c'è dietro i successi della nazionale

11 Aprile 2024 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Autumn Nations Series: Italia-Argentina verso il Ferraris di Genova

La prima partita dei test autunnali degli Azzurri dovrebbe giocarsi nel capoluogo ligure

6 Aprile 2024 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Tommaso Menoncello: “Sonny Bill Williams è sempre stato il mio idolo. Andrea Masi mi ha insegnato molto”

Il trequarti del Benetton è il più giovane giocatore a vincere il premio di "Best Player of Six Nations"

5 Aprile 2024 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Tommaso Menoncello nominato “Miglior Giocatore” del Sei Nazioni 2024

Riconoscimento incredibile per l'Azzurro che diventa il secondo italiano a prendersi questo prestigioso premio

5 Aprile 2024 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Sei Nazioni: la meta di Lorenzo Pani contro il Galles eletta come la “Migliore del Torneo”

Un'azione a tutta velocità conclusa dallo scatto e dallo slalom del trequarti azzurro

3 Aprile 2024 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia, Juan Ignacio Brex: “Abbiamo fatto la storia ma non ci vogliamo fermare”

In una intervista a RugbyPass il centro torna sulla voglia di vincere degli Azzurri in vista del futuro

28 Marzo 2024 Rugby Azzurro / La Nazionale