World Rugby U20 Championship: l’Italia batte 41-17 il Giappone e conferma l’élite

A Manchester i nipponici resistono nel primo tempo ma cadono nella ripresa. Sei le mete degli Azzurrini

ph. World Rugby

ph. World Rugby

Dopo il primo calcio nipponico l’Italia marca due volte nel corso del primo quarto di gioco, con Bronzini prima e Manfredi poi dagli sviluppi di una rollin gamul ben impostata dal nostro pack. La reazione giapponese arriva subito con la bella meta di Yamamura, dopo touche giocata veloce e buon contrattacco della linea veloce avversaria. La pressione resta comunque sulla difesa nipponica che concede due mischie ai cinque metri, ma sulla seconda è punita la spinta della prima linea azzurra. A cinque dal termine buona piattaforma azzurra sulla metà campo ma dopo il buon primo impatto di Schiabel arriva un errore di gestualità che vanifica la manovra. Ma all’ultima azione di frazione, azione sul lato corto con Sperandio che porta avanti la palla al piede, è fortunato in due rimpalli e schiaccia in meta. I primi quaranta si chiudono così sul 20-10 Italia.

 

In avvio di ripresa partono bene gli Azzurri che marcano di nuovo con Manfredi. A dare inizio all’azione è il break di Raffaele, ben portato avanti negli sviluppi dell’azione da Masselli prima del decisivo pick and go del tallonatore azzurro. Gli Azzurrini hanno messo le mani sul match e legittimano la superiorità con la meta di Licata, che da primo ricevitore rompe due placcaggi e si invola a schiacciare sotto i pali. Si entra così nell’ultimo quarto sul 34-10 per l’Italia. Al minuto ’66 altra azione pericolosa degli Azzurrini, con Licata che di nuovo esce dal frontale, travolge l’avversario e schiaccia la meta che dà ulteriore sicurezza al XV di Troncon. Ad otto dal termine bella azione italiana con Dal Zilio che raccoglie un bellissimo chip a tagliare la linea ma l’azione sfuma. Tutto serve comunque per vendere metà campo e mantenere lontani dal pericolo gli avversari. Chiudiamo in 14 per il giallo a Sperandio e subiamo la seconda meta nipponica. Finisce 41-17. Anche il prossimo anno la Nazionale Under 20 parteciperà al Championship, il Giappone riparte invece dal Trophy.

 

Italia Under 20: Matteo Minozzi, Lorenzo Masato, Marco Zanon, Dario Schiabel, Andrea Bronzini, Leonardo Mantelli, Riccardo Raffaele, Giovanni Licata, Giovanni Pettinelli, Lorenzo Robin Masselli, Leonardo Krumov, Giordano Baldino, Marco Riccioni, Marco Manfredi, Daniele Rimpelli
A disposizione: Niccolò Broglia, Engjel Makelara, Giosuè Zilocchi, Davide Fragnito, Davide Ciotoli, Charly Trussardi, Roberto Dal Zilio, Luca Sperandio

Marcatori Italia
Mete: Bronzini (9, 40), Manfredi (20, 49), Licata (57, 66)
Conversioni: Mantelli (20, 49, 57, 66)
Punizioni: Mantelli (31)

 

Giappone Under 20: Iwaihara, Kaneko, Tashiro, Fujita, Akiyama, Makisi, Furukawa (c), Tatafu, Nakajima, Kanai, Yamamura, Maeda, Nagatomi, Moeakiola, Yasuda
A disposizione: Saito, Takeuchi, Toma, Inoue, Shin, Saito, Watanabe, Yamada

Marcatori Giappone
Mete: Yamamura (22), Tatafu (74)
Conversioni: Kanai (22, 74)
Punizioni: Kanai (5)

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Sei Nazioni Under 20: il calendario del torneo 2020

Gli azzurrini giocheranno due partite in casa: le sedi scelte sono state Reggio Emilia e Verona

item-thumbnail

Italia under 20: i convocati per il primo raduno

Cinque giorni di ritiro dopo la metà di agosto e allenamenti congiunti con le Zebre: ecco i 28 per l'avvio della stagione

item-thumbnail

Nelle pieghe dell’ultimo Mondiale Under 20: intervista a Fabio Roselli

Con l'allenatore degli azzurrini abbiamo parlato della salvezza, del prossimo torneo iridato in casa e di due squadre agli antipodi

item-thumbnail

Ufficiale: l’Italia ospiterà i Mondiali Under 20 del 2020

Lo ha annunciato la FIR: sarà la terza edizione dopo quelle del 2011 e del 2015

item-thumbnail

Mondiale Under 20: gli highlights della vittoria italiana

Le quattro mete segnati dagli azzurrini, con la bella rimonta costruita negli ultimi venti minuti

item-thumbnail

Mondiale Under 20: la formazione dell’Italia per sfidare la Georgia

Due cambi rispetto alla vittoria contro la Scozia, entrambi nel pacchetto di mischia