L’Eccellenza che verrà: un solo campionato più combattuto e non a blocchi separati?

La corsa a playoff e salvezza si preannuncia più equilibrata della scorsa stagione. Sperando che i fatti non dicano il contrario…

ph. Corrado Villarà

ph. Corrado Villarà

Gli ultimi in ordine di tempo sono gli arrivi a Rovigo di Andrea de Marchi e Matteo Muccignat, resi noti a poche ore di distanza dall’annuncio che Giulio Toniolatti la prossima stagione giocherà alla Lazio. Tre arrivi importanti per il massimo campionato italiano, che andranno ad innalzare il livello rendendo più competitive le squadre. E più in generale, le prime considerazioni che si possono fare circa l’Eccellenza 2016/17 lasciano presagire un torneo più equilibrato di quello da poco concluso, sia per quanto riguarda la lotta playoff che quella per la salvezza, che ha visto quest’anno rispettivamente quattro e due squadre fare corsa a sé con velocità molto se non troppo differenti. Vero che in tutti i campionati esistono differenti rapporti di forza, vero che è ancora presto per tirare le prime conclusioni, ma la campagna acquisti sta rinforzando le squadre anche con arrivi dalle franchigie di atleti sulla carta “stretti” per l’Eccellenza. E i giochi potrebbero aprirsi non di poco.

 

Se le due squadre dominatrici della stagione 2015/16 Rovigo e Calvisano hanno per ora sfoltito la rosa (i Bersaglieri hanno da poco annunciato quella nuova, mentre Calvisano si è rinforzata con Semenzato ma dovrà fare a meno di pedine importanti come Mbandà, Castello e Di Giulio), le ultime immediate inseguitrici non sono rimaste a guardare. Petrarca tornata ai vertici ha perso Bellini ma potrebbe guadagnare due trequarti di indiscusso valore come Enrico Bacchin e Simone Ragusi, mentre Mogliano priva David Odiete, Federico Zani, Andrea Buondonno e Luca Sperandio ha blindato cinque giocatori importanti come Taniela Koroi, Aristide Barraud, Trent Renata, Marco Filippucci ed Enrico Endrizzi. Un capitolo a parte meritano le Fiamme Oro: i cremisi potranno contare su tutta la preparazione di coach Casellato che avrà a disposizione un gruppo in cui spiccano i nomi nuovi di Buscema, Caffini, Cristiano, Kudin, Tenga e Venditti. Senza dimenticare Viadana, che inizia un nuovo ciclo con Filippo Frati in panchina e la rinnovata mediana formata dal fratello Marco e dall’ex Pumitas Brian Ormson.

 

Per quanto riguardo invece la neo promossa Reggio, squadra che ha letteralmente dominato la Serie A dimostrando fin dal primo girone una solidità e una fisicità da categoria superiore, la sensazione è che abbia le carte in regola per lottare dando tra le mura amiche filo da torcere. Anche perché non ci saranno grandi stravolgimenti di rosa (come annunciato dallo stesso coach Manghi) e si continuerà con un gruppo affiatato e che si conosce. E inutile aggiungere, per lo spettacolo ma anche per il dato tecnico di crescita delle squadre e dei singoli giocatori, quando importante sarebbe non essere poi smentiti nei fatti.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Top10: l’importanza di partire forte, forse mai come in questo 2020/2021

Ogni sfida potrebbe avere un valore di rilievo, molto più alto che negli anni passati

21 Settembre 2020 Campionati Italiani / TOP10
item-thumbnail

Top10: tutti i cambiamenti di mercato delle rose a settembre

Le novità nelle rose del massimo torneo nazionale

20 Settembre 2020 Campionati Italiani / TOP10
item-thumbnail

Top10: il programma delle amichevoli (in aggiornamento)

Gli impegni delle squadre del massimo campionato

20 Settembre 2020 Campionati Italiani / TOP10
item-thumbnail

Come è andata la prima amichevole per Colorno e Fiamme Oro?

I due team sono scesi in campo questo pomeriggio in Emilia

18 Settembre 2020 Campionati Italiani / TOP10
item-thumbnail

Top10, Lazio Rugby: il terzo colpo è un mediano di mischia

Continua il mercato della società biancoceleste

18 Settembre 2020 Campionati Italiani / TOP10
item-thumbnail

Quando si giocheranno i big match del prossimo Top10?

Analizziamo il calendario per capire quando si giocheranno le sfide più attese, come Rovigo-Padova o Valorugby-Calvisano

17 Settembre 2020 Campionati Italiani / TOP10