Gavazzi cerca Facchini e Munari per la FIR: “Ma sono due discorsi diversi”

Il numero uno federale a OnRugby: “Facchini è persona seria”, Munari “fatica a lavorare in gruppo ma sarebbe un buon manager”

ph. Sebastiano Pessina

ph. Sebastiano Pessina

Alle elezioni federali mancano poco meno di un anno circa, ma i contendenti si stanno muovendo. Tutti si attendono le mosse del fronte veneto, con il nome del candidato che dovrebbe affrontare l’attuale numero uno FIR Alfredo Gavazzi. Ma a muoversi è anche quest’ultimo, con i suoi tour sul territorio e con il corteggiamento a due big proprio della regione Veneto come Roberto Facchini e Vittorio Munari. Il primo è presidente dei Dogi mentre il secondo è quello considerato un po’ da tutti il “nemico pubblico numero uno” dello stesso Gavazzi (che ha spinto moltissimo per il suo allontanamento dal Benetton Treviso: “Non lo voglio più vedere”, ebbe a dire) e quindi non può non far rumore.

 

Secondo il Gazzettino, che riporta la notizia, non sarebbe stata fatta nessuna offerta concreta, ma il presidente federale vorrebbe portarli entrambi dalla sua parte, spaccando di conseguenza il fronte avversario. Fantarugby? Abbiamo contattato il presidente federale, che non smentisce affatto l’interesse per le due personalità, anche se con accenti diversi: “Vanno fatti due ragionamenti – ci ha detto Alfredo Gavazzi – Facchini è una persona che mi piace molto, è serio, con lui ho da sempre un buon rapporto facilitato forse dal fatto che è bresciano come me. Vittorio ha peculiarità importanti, con lui ho parlato 2 o 3 anni fa. L’ho già detto altre volte, credo che ci siano cose positive e negative ma che per lui lavorare in un gruppo sia difficile. Più che director of rugby lo vedrei meglio come manager della nazionale ma sia chiaro, allo stato attuale non ho mai fatto nessuna proposta a Vittorio per venire a lavorare in FIR”.
Gavazzi ci dice poi che “comunque non cercherei Roberto o Vittorio sotto il profilo elettorale, ma solo su quello della bontà delle persone“. Gli chiediamo che un eventuale arruolamento anche di solo una delle due personalità in questione porterebbe ad una oggettiva rottura del fronte veneto. la risposta sminuisce ma è secca: “E’ così importante questa cosa?”.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterGoogle+Pinterest
item-thumbnail

Parla Marzio Innocenti: “Nessun Pronti al Cambiamento 2. Rispetto Gavazzi, ma abbiamo idee diverse”

Il presidente del Comitato Veneto conferma la propria candidatura e chiarisce le ragioni della frattura con Palc

3 dicembre 2018 Rugby Azzurro / Vita federale
item-thumbnail

La FIR ha approvato il bilancio consuntivo 2017

L'anno contabile, come da previsione del bilancio preventivo, si chiude in attivo.

11 ottobre 2018 Rugby Azzurro / Vita federale
item-thumbnail

Marzio Innocenti ha lasciato Pronti al Cambiamento

Innocenti era il leader del principale movimento di opposizione politica ovale. La decisione presa durante l'ultima assemblea

10 settembre 2018 Rugby Azzurro / Vita federale
item-thumbnail

Gli staff tecnici di nazionali e Accademie per la stagione 2018/2019

Un nuovo allenatore per la nazionale femminile di rugby seven. Confermati gli altri head coach

23 luglio 2018 Rugby Azzurro / Vita federale
item-thumbnail

FIR e Credito Sportivo firmano la convenzione per l’impiantistica

Siglato l'accordo che riguarda riqualificazioni di strutture e acquisti di attrezzature per l'alto livello

18 luglio 2018 Rugby Azzurro / Vita federale