Il Sei Nazioni dell’Italia? Si merita un bel “9”. Almeno in televisione

Manca l’annuncio ufficiale ma le gare dell’Italia nel torneo 2016 saranno visibili in diretta anche su Deejay TV, oltre che su DMAX

ph. Sebastiano Pessina

ph. Sebastiano Pessina

Non sarà la notizia che rivoluzionerà il non semplice rapporto tra palla ovale e tv, almeno dalle nostre parti, ma è comunque una novità importante. OnRugby può infatti confermare che a meno di clamorose sorprese dell’ultimo minuto le cinque partite del Sei Nazioni 2016 che vedranno impegnata la nazionale italiana verranno trasmesse in diretta sul numero 9 dei nostri apparecchi. O meglio, anche sul numero 9 (la prima volta ne avevamo parlato a gennaio 2015, un anno fa: leggete qui): DMAX, il canale del gruppo Discovery che dal 2014 ha l’esclusiva italiana del più importante torneo continentale, anche quest’anno trasmetterà in diretta tutte le gare dell’edizione che scatta nel fine settimana del 6/7 febbraio sul suo tradizionale numero 52 del telecomando di casa, ma le partite della squadra allenata da Jacques Brunel troveranno spazio anche sul più nobile e soprattutto visibile numero 9, quello occupato da Deejay TV, acquisita proprio dal gruppo Discovery lo scorso giugno dopo alcuni mesi di trattativa.

 

Nulla di rivoluzionario, dicevamo prima, ma comunque una notizia importante: in termini di visibilità tra il numero 52 e il numero 9 non c’è paragone e si entra nell’ordine dei milioni di potenziali contatti. Detto in maniera più diretta e brutale: le possibilità di capitare sul canale numero 9 facendo zapping sono enormemente più elevate che non sul 52. E quindi di catturare curiosi nuovi spettatori al di fuori del bacino degli appassionati.
Nelle due edizioni targate DMAX l’ascolto-medio delle gare dell’Italia si è stabilizzato tra i 500mila e i 700mila telespettatori con più che ottimi dati di share, lontani però dal record di 1 milione e 200mila toccato anni fa da La7. Va detto che la tv del gruppo Discovery non ha certo una tradizione sportiva (il Sei Nazioni è stata anzi la sua prima acquisizione in quel campo) e deve quindi fidelizzare il suo pubblico. Senza contare che i risultati del campo del torneo azzurro 2014 e 2015, con una sola vittoria in dieci partite, non hanno certo aiutato.
Un annuncio ufficiale è atteso nelle prossime settimane, anche quest’anno i punti di forza della squadra di DMAX saranno Antonio Raimondi, Vittorio Munari e Daniele Piervincenzi.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Perché Rory Best non canta mai gli inni irlandesi

Il capitano della nazionale irlandese, senza mancare d'ironia, ha spiegato il motivo per cui rimane sempre in silenzio

14 agosto 2019 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Il Sei Nazioni è vicino ad un accordo da 500 milioni di sterline con CVC

la società d’investimento starebbe per acquisire una quota di minoranza (attorno al 15%)

13 luglio 2019 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

“La retrocessione al Sei Nazioni? Per ora è impraticabile”

Lo dice Bill Sweeney, il nuovo CEO della federazione inglese, al debriefing stagionale a Twickenham

14 giugno 2019 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Italia: Ghiraldini operato, comincia la corsa alla Rugby World Cup

Il tallonatore azzurro si è sottoposto all'operazione a Roma e proseguirà la riabilitazione a Tolosa

item-thumbnail

Sei Nazioni 2019: cosa ci dicono i numeri di fine torneo

Il Galles bada al sodo, puntando sulla propria grande difesa. Tra i singoli spicca Braam Steyn nelle statistiche individuali

item-thumbnail

Sei Nazioni 2019: Alun Wyn Jones vince il premio come miglior giocatore del torneo

Il capitano del Dragoni diventa il quinto gallese ad ottenere questo riconoscimento