Sam Burgess, le malelingue e una battaglia destinata a perdere

Il giocatore torna sulla decisione di rientrare nel League. Ma Mike Ford non ci sta: “Non ha avuto coraggio”

ph. Sebastiano Pessina

ph. Sebastiano Pessina

Il ritorno di Sam Burgess al mondo League ha sorpreso parecchio. Vero il disastroso Mondiale, vero che non si sapeva dove metterlo in campo, ma resta il fatto che l’addio al rugby a quindici è stato un fulmine. Il giocatore, che ha fatto rientro in Australia per giocare nei South Sydney Rabbitohs (il cui co-proprietario è Russell Crowe), è tornato sulla decisione in diverse interviste ai media britannici. E non le ha certo mandate a dire. “Credo che alcuni in Inghilterra remassero contro la squadra, e un po’ anche contro di me – ha raccontato al Daily Mail – Ho cercato di guadagnare il rispetto dei compagni, ma da fuori arrivavano continuamente voci negative. Indipendentemente da cosa facessi. Ho sempre pensato fosse una battaglia che ero destinato a perdere”. Burgess ha poi supportato coach Lancaster: “Alcuni sono stati così aggressivi nei suoi confronti…Qualunque cosa facesse non andava bene, era incredibile. Non è un posto in cui è utile essere. C’è qualcuno che vuole che siano sempre gli stessi ad indossare la maglia, e se la indossa qualcun altro sicuramente farà male”.

 

Parole altrettanto dure le ha pronunciate Mike Ford, all’indirizzo però del suo ex giocatore a Bath: “L’unica cosa che so è che non ha avuto lo stomaco di aspettare la fine del suo contratto. Era il momento giusto per leccarsi le ferite e diventare il giocatore che pensavo potesse diventare – si legge sul Telegraph – Glielo ho anche detto che per me poteva diventare un gran giocatore di Rugby Union, e poi gli ho detto di quanto il club credesse in lui…Quando ha firmato il contratto di tre anni, sa a cosa sarebbe andato incontro”. Dalle pagine dello stesso quotidiano, è poi arrivata la contro risposta di Burgess: “Credo di aver gestito bene la situazione e la grande maggioranza dei miei compagni a Bath lo ha capito. Non ho nessun rimorso, né per essere venuto né per essere tornato indietro”.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

L’Australia in 14 fa il colpaccio: Inghilterra battuta 30-28

Tra cartellini, colpi proibiti e grandi giocate, i Wallabies tornano al successo contro gli inglesi con un grandissimo secondo tempo

item-thumbnail

La Francia vince il primo test contro un coriaceo Giappone

Cinque mete a due per i Bleus contro un Giappone rimasto pienamente in partita per la prima ora di gioco

item-thumbnail

Warren Gatland verso il ritorno in Europa, andrà a guidare l’Inghilterra?

Il neozelandese non nasconde di voler tornare a lavorare nel Regno Unito, la stampa inglese butta benzina sul fuoco...

item-thumbnail

Ecco il Carling Champions Team sudafricano che affronta l’Italia A

Dentro elementi con esperienza nel Sudafrica e nei Blitzboks per una sfida che si annuncia come molto competitiva

item-thumbnail

Scozia, Rory Hutchinson estremo nella formazione per l’Argentina

Grant Gilchrist sarà il capitano della Scozia che affronterà i Pumas all'Estadio 23 de Agosto di Jujuy

item-thumbnail

Argentina, la formazione per la sfida alla Scozia

I Pumas tornano a giocare in casa dopo più di 1000 giorni, torna nei 23 Agustin Creevy