Eccellenza: Calvisano campione d’Italia (in 14). Al Battaglini Rovigo battuto 11-10

I gialloneri costruiscono il vantaggio, restano in inferiorità alla mezzora e resistono. Rovigo pasticcia troppo

ph. Tommaso Del Panta

ph. Tommaso Del Panta

I primi punti del match arrivano dalla piazzola con Seymour dopo fallo veneto in mischia ordinata. Rovigo imposta al minuto ’12 il primo multifase ma i giocatori di Calvisano cacciano bene a terra. Al quarto d’ora dopo break profondo di Quaglio i Bersaglieri pasticciano nella trasmissione e vanificano una buona possibilità con difesa arretrante. Calvisano risale il campo al piede, si porta in piena zona rossa e il cross kick di Seymour è perfetto per Di Giulio che schiaccia in volo alla bandierina. Rovigo torna nella metà campo avversaria ma pasticcia in touche, mentre Seymour gioca tatticamente per risalire il campo e mettere pressione sulla rimessa veneta. Rovigo rischia con il placcaggio senza palla di Van Niekerk, non sanzionato per un precedente in-avanti, mentre pochi minuti più tardi Rokobaro rientra bene ma quando ormai sembra lanciato a meta perde il controllo. Calvisano capisce il momentum, non sceglie i piazzabilissimi pali ma la touche, la cassaforte calpesta Roan e l’azione svanisce. Si va però dal TMO per lo stamping, e dopo interminabili minuti Mitrea espelle Costanzo. Rovigo ha dalla sua mischia ordinata e superiorità, ma esegue male e vanifica una bella azione a cinque dal termine di prima frazione. Prima della fine del tempo Symour ne aggiunge altri tre dalla piazzola, e i primi quaranta si chiudono sull’11-0 Calvisano.

 

Al terzo minuto il pack veneto guadagna una punizione che Basson converte nei primi tre punti dei suoi. Rovigo torna in avanti ma di nuovo esegue male e Seymour ricaccia indietro al piede gli avversari. A parte inverse si ripete il calcio da mischia ordinata, i gialloneri risalgono il campo e costruiscono la rolling maul, preferendo poi il gioco tattico per allontanarsi il più possibile dalla propria zona rossa. Bergamo intercetta, Rovigo è falloso e ancora non sfrutta al meglio la superiorità, con Majstorovic portato fuori dalla scalata ospite. La parità numerica è temporaneamente pareggiata dal giallo a Ceccato, mala succesiva touche di Calvisano è storta. Il match rimane spezzettato, le mischie sono numerose e il ritmo gara non decolla. Seymour va per i pali ma fallisce un’ottima occasione. Rovigo si ributta avanti, dopo una serie di touche va oltre ma l’arbitro annulla per velo. Nuova azione in zona rossa, nuova touche e questa volta serve il TMO, che non concede la meta al pack rossoblu. Sulle successive mischie ai cinque c’è grande pressione ma Calvisano si salva. La meta dei padroni di casa arriva con Mahoney a tre dal termine. Basson trasforma e lo score è 11-10 Calvisano. Non cambia più, Calvisano vince 11-10 ed è campione d’Italia per la seconda volta consecutiva.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Colorno: ufficiale l’ingaggio di Thorleif Halvorsen

Il 31enne sudafricano arriva in Emilia dopo l'esperienza con Rovigo

19 luglio 2019 Campionati Italiani / TOP12
item-thumbnail

Rugbymercato: come cambiano le rose del Top12 (in aggiornamento)

Tutti gli ingaggi e gli addii per la stagione 2019/2020, man mano che arrivano le notizie

18 luglio 2019 Campionati Italiani / TOP12
item-thumbnail

Viadana: Giorgio Bronzini è un nuovo giocatore del club lombardo

Il mediano di mischia è il quinto innesto del team mantovano

15 luglio 2019 Campionati Italiani / TOP12
item-thumbnail

Top12: il versatile internazionale georgiano Lasha Lomidze è un giocatore della Lazio

Il club capitolino rafforza il pacchetto degli avanti con un innesto di spessore

12 luglio 2019 Campionati Italiani / TOP12
item-thumbnail

Top12: i primi tre acquisti del San Donà

Andrea Bronzini, Jader Chanolec Santana e Enrico Francescato rinforzeranno la squadra biancoceleste

11 luglio 2019 Campionati Italiani / TOP12